Home Forum ELETTRONICA GENERALE regolatore di corrente

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  giacomobarresi 3 anni fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #56941

    Plinio
    Membro

    salve,
    ho realizzato un sistema elettrolitico per la produzione d’idrogeno.
    il sistema è alimentato con una tensione da 12volt cc.
    Non devo consentire all’elettrolizzatore di assorbire più di 10 amp.
    Vorrei inserire a monte di questo dispositivo un regolatore di corrente,
    Il funzionamento deve essere garantito h24
    L’ideale sarebbe un regolatore che mi consentisse di impostare l’assorbimento tra gli 8 e 15 amp.
    Domanda: esistono in commercio simili dispositivi?
    è possibile autocostruilo?
    grazie per la risposta
    plinio

    #68240

    Emanuele
    Keymaster

    Ciao Plinio,
    l’unica soluzione che mi viene in mente è quella di usare un LM317 che pilota un transistor di media potenza che a sua volta pilota una serie di transistor di potenza. Lo schema è abbastanza semplice, vedi le applicazioni dal datasheet dell’LM317. Fai solo attenzione alla dissipazione ed al numero di transistor di potenza da mettere in parallelo.

    Si , lo so, non è il massimo come soluzione, ed anche piuttosto datata, sicuramente si potrebbe modificare utilizzando qualche mosfet di nuova generazione con RDSon minima ed in grado di sopportare decine di A.

    Ma quella proposta è molto semplice e di immediata realizzazione ;)

    #70256

    Per realizzare un buon regolatore di corrente consiglio di utilizzare un amplificatore operazionale una resistenza di poterza per il sensing della corrente un potenziometro delle resistenze e dei transistor.

    Partiamo spiegando come realizzare un buon sensing della corrente:

    Prendendo una resistenza di potenza da 25 W di valore 0,01 Ohm.

    Questa resistenza attraversata da una corrente da 8 a 15 Amper avra’ ai suo capi una tensione da 0,08 a 0,15 Volt. ed una dissipazione massima di 2,25 W.

    Si utilizera’ l’amplificatore operazionale come comparatore tra la tensione di caduta sulla resistenza di sensing e la tensione impostabile per mezzo del potenziometro e della resistenza.

    Consiglio di utilizzare un piccolo regolatore 7805 una resistenza da 82 Ohm un potenziometro da 68 ohm e una resistenza da 4850 ohm.

    mettendo la resistenza di 82Ohm con un capo verso massa l’altro capo collegato a un estremo del potenziometro.
    l’altro estremo del potenziometro collegato alla resistenza da 4850 Ohm.
    L’altro capo della resitenza di 4850 collegata al positivo 5V uscita del regolatore.

    In questo modo ruotando il potenziometro, nel piedino centrale sara’ presente una tensione da 0,08 a 0,15 Volt.
    Questa tensione si colleghera’ all’ingresso non Invertente mentre la tensione della resistenza di sensing all’ingresso invertente.

    La resistenza di sensing sara’ collegata tra GND e l’emettitore del transistor di potenza.
    Tra l’uscita dell’operazionale e la base del transistor di Potenza NPN mettere un transistor di media potenza per non sovraccaricare l’operazionale.
    Otterremo cosi’ una configurazione Darlington.

    Collegare il carico da il collettore del transistor di potenza e i 12V.

    Saluti Giacomo Barresi

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.