Home Forum ELETTRONICA GENERALE remotare impulso su rete elettrica

Questo argomento contiene 23 risposte, ha 8 partecipanti, ed è stato aggiornato da  TardoFreak 3 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 24 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58247

    luca_a
    Membro

    Salve , vorrei capire se è possibile tramite rete elettrica e due dispositivi ( all’interno dello stesso stabile ovviamente ) rilevare un impulso digitale e remotarlo in un altro punto . Gli impulsi da remotare sono di lenta frequenza e io devo solo conteggiarli , quindi non ha importanza poi la durata dell’impulso remotato 10ms sono piu sufficienti per rilevarli con un micro. L’utilizzo di onde convogliate mi sembrano una soluzione eccessiva e troppo costosa.
    Qualche soluzione ?

    Grazie Ciao

    #69659

    alexm90
    Membro

    secondo me le onde convogliate non soi poi così costose, dai uno sguardo a questa pagina, forse potresti cambiare idea

    http://filrub.altervista.org/articolo.php?id=10

    alla fine si tratta di una manciata di componenti, anche abbastanza economici.. forse solo il trasformatore può essere di difficile reperibilità

    #69663
    Luca Giuliodori
    Luca Giuliodori
    Partecipante

    Ciao luca_a,

    se tu trasmetti un qualsiasi segnale su rete elettrica già stai parlando di trasmissione ad onde convogliate quindi la soluzione proposta nel post precedente direi che è quasi inevitabile.
    Oramai come tecnica è conosciuta e abbastanza diffuso quindi i componenti non hanno un costo eccessivo, come diceva alexm90 forse è il trasformatore la parte più difficile da reperire ma se vai in un qualsiasi negozio che vende componenti elettronici credo che riesci a trovarlo senza problema.

    Per l’impulso si, credo che 10 ms sono più che sufficienti, tieni presente però che il segnale che ricevi non sarà proprio come quello che hai trasmesso a causa del ritardo e della distorsione che subisce mentre percorre la linea e il circuito filtro per le onde convogliate, cosa che ti potrebbe portare ad dover allungare il tempo dell’impulso per poterlo riconoscere. Penso che si potrebbe calcolare il tutto ma ti conviene iniziare a montare il circuito e vedere se inizialmente qualcosa ti funziona.

    Facci sapere.

    #69720

    limitare il tempo di soli 10 (numero a caso) può causare grave problema di scala del sistema. piuttosto andare per qualche teoria e trovare il modo di ottenere la durata dell’impulso per il sistema. ed ora solo di progettazione per il futuro.
    Ricordate anche che si possono affrontare problemi di riflessione se la griglia è molto irregolare. comunque come la tecnologia è più matura si può facilmente trovare le soluzioni. Solo punto principale è Non fissare le cose come la durata degli impulsi. queste pratiche creare problemi in futuro.

    #69734
    Luca Giuliodori
    Luca Giuliodori
    Partecipante

    Si ha ragione vijay deep bhatt, ti conviene prima fare due calcoli per fissare il tempo di trasmissione altrimenti rischi di non riuscire a fare nulla a causa di una valutazione sbagliata. Quando si ha a che fare con onde in cui la valutazione empirica è difficile (per lo meno per me) conviene sempre ricorrere a qualche formula, magari approssimata e di facile utilizzo.
    Giusta osservazione anche quella di tener presente le riflessioni, rischi di ritrovarti a non vedere nulla a causa di una interferenza distruttiva delle onde.

    Visto che la tecnologia è matura, puoi provare a vedere se trovi qualcosa di già pronto e acquistabile, magari qualche demo board, così puoi provare a iniziare a fare qualche esperimento.

    Facci sapere.

    #69743

    luca_a
    Membro

    Si è una buona idea di trovare qualcosa di fatto per fare delle prove.
    In ogni caso ho dei power line eth della dlink , e ho notato che solo il fatto che da un piano all’altro dove ci sono partenze con interruttori differenziali da scavalcare , va in crash la comunicazione (saranno 30 metri di cavo totale ).Quindi anche questo è un bel limite.
    Se ci sono sviluppi vi farò sapere.
    grazie

    ciao

    #69744
    Luca Giuliodori
    Luca Giuliodori
    Partecipante

    Si solitamente gli interruttori differenziali, come gli ultimi tipi di contatori, sono rognosi sia in un senso che nell’altro o meglio: è difficile realizzare una comunicazione power-line, sono necessarie maggiori accortezze, ma anche il contrario, nel senso che c’è il rischio che, se le onde convogliate non sono ben progettate, rischiamo di far saltare i differenziali e in particolar modo i nuovi contatori.

    Facci sapere come va lo sviluppo del progetto.

    Ciao!

    #69747

    divivoma
    Membro

    bellissimo quel progetto.. ma praticamente è una realizzazione di una power line communication giusto? http://en.wikipedia.org/wiki/Power_line_communication

    Ho sentito di recente che è possibile connettere anche un modem e un pc tramite rete elettrica…senza utilizzare cavi ethernet ovviamente ( ne wireless), ne avete sentito parlare..?
    Credo sia davvero un argomento molto interessante questo!!
    Credi che il circuito che andrai a realizzare poi si potrà adattare anche come modem-over-powerline ??(sarebbe una figata :) )
    In realtà dovrebbe già esserci in commercio una soluzione del genere..mi pare di averla vista da qualche parte..nel caso la trovo poi la posto..

    Ciao

    #69784
    Luca Giuliodori
    Luca Giuliodori
    Partecipante

    Che so io la dovrebbe proporre la B-Ticino, una presa elettrica fatta apposta per remotare una comunicazione LAN tramite rete elettrica.
    Sinceramente, da come è partita la richiesta del post, non credo sia quello che serve all’utente che ha aperto questo post, quello che gli serve è semplicemente remotare un impulso che poi userà per un qualche scopo ancora imprecisato.

    Il progetto che ha proposto è alla base delle comunicazioni power-line e credo che gli sia utile per poter remotare l’impulso.

    #69789

    Salve…
    Nel lontano 1983 avevo sperimentato questo

    http://www.webalice.it/crapellavittorio/electronic/conv.htm

    #69787

    divivoma
    Membro

    Ho proposto questo esempio solo per avere un confronto su qual cosa già realizzato in un ambito simile… so che era poco inerente ma penso possa che possa genreare qualche spunto interessante o trovare qualche confronto utile..

    #69791
    Luca Giuliodori
    Luca Giuliodori
    Partecipante

    Circuito veramente interessante, se ho tempo quasi quasi realizzo un prototipo.

    Solo una domanda: sul documento si parla di “Pure i nuclei delle MF del ricevitore andranno regolati per avere il massimo segnale in uscita.” cosa si intende per regolare i nuclei?

    #69792

    divivoma
    Membro

    Ciao Vittorio,
    Purtroppo non ne so davvero niente di onde convogliate…potresti darmi qualche delucidazione, così anche da poter apprendere meglio dal circuito che hai realizzato..?
    Magari partendo dai principi iniziali, per grandi linee e poi pian piano aumentare l’analisi in sottoblocchi..non so dimmi tu.. intanto cerco qualcosa in rete per quanto riguarda la teoria..sembra un argomento interessante!

    Grazie
    Ciao

    #69809

    Negli anni ’90 un integrato che andava per la maggiore nei circuiti ad onde convogliate era questo della National

    http://www.datasheetcatalog.org/datasheet/nationalsemiconductor/DS006750.PDF

    Per i nuclei delle M.F. (trasformatori accordati a Media Frequenza usati nei ricevitori)
    essendo trasformatorini acordati vaiando il nucleo si varia il valore dell’induttanza
    che lavora con una C in parallelo e di conseguenza si centra la risonanza sulla frequenza di lavoro
    per dare un’idea di come sono:

    http://www.webalice.it/crapellavittorio/labo/convfre.html

    qui forse si vede ancora meglio come sono fatte

    http://hem.passagen.se/communication/ifcan.html

    #69811

    In questo documento didattico

    http://www.webalice.it/crapellavittorio/esami/matu2008.html

    alla voce ONDE CONVOGLIATE
    viene sommariamente spiegato come avennivano e avvengono ancora le comunicazioni
    attraverso le linee di distribuzione dell’energia ad alta tensione ma il principio
    non cambia nemmneo con la rete domestica

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 24 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.