Home Forum MICROCONTROLLORI Scheda Elettronica per macchina industriale derivata da Arduino

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Emanuele 3 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #57473

    Salve,
    Recentemente abbiamo realizzato un macchinario industriale e abbiamo utilizzato una soluzione semplice mediante scheda Arduino per gestire dei timer che aiutassero a ricordare all’operatore di compiere un’azione dopo un certo tempo (impostabile a piacere).
    La soluzione in oggetto consta di:
    – scheda Arduino
    – 6 spie a pannello da 5v
    – 6 interruttori per il rilevamento dell’apertura manuale di rispettivamente 6 cassetti.
    – un display LCD 4×20 (con comunicazione i2c)
    – un rotary encoder per aumentare e diminuire un parametro diverso per ogni cassetto.
    – uno shield per le connessioni con tutti i componenti su cui abbiamo aggiunto un cicalino per l’allarme sonoro.
    Ora che abbiamo finito di progettare e testare il nostro sistema un po’ arroccato e artigianale, e ci piacerebbe puntare su una soluzione più professionale ma non sappiamo che strada percorrere. La soluzione che abbiamo costruito è molto semplice, tanto che nonostante nessuno di noi sia un elettronico vero, (io mi sono appassionato alla materia da parecchi anni, ma sono in realtà un ingegnere meccanico) abbiamo potuto sbizzarrirci a realizzare questo progetto cambiando più volte la logica di controllo con grande semplicità e velocità. A livello di prototipazione Arduino è fantastico e posso davvero fare quasi tutto ciò che voglio, ma ora siamo assaliti da un dilemma: come facciamo ad essere sicuri che la soluzione che abbiamo raggiunto sia affidabile e professionale? Fino a che punto possiamo godere di questa libertà di programmazione e semplicità di sviluppo senza dovere affidarci invece alle tipiche soluzioni con schede integrate studiate ad hoc dai nostri usuali fornitori e che solo loro possono modificare e per di più con ambienti di programmazione costosi e complicati?
    Secondo voi è possibile avere una scheda elettronica completa di tutto (LCD, Rotary encoder, microcontrollore) che replichi semplicemente il risultato da noi raggiunto, ma fatta in modo professionale e che allo stesso tempo ci dia tutta la libertà di sviluppo che abbiamo avuto fin’ora? Lo chiedo a voi perché vi ho trovato molto attivi sul blog a riguardo e l’attenzione che Arduino sta richiamando non coinvolge solo hobbisti o studenti, ma anche chi come me si ritrova a costruire una macchina, come questa, che necessita di una piccolissima componente elettronica, con una logica molto semplice, ma che prima di conoscere Arduino avrebbe potuto realizzare solo con orribili ed obsoleti vecchi timer elettromeccanici.
    Cosa dite, c’è speranza di trovare una soluzione nuova a questo problema? D’altronde questo potrebbe interessare anche voi ed essere un modo per incentivare lo sviluppo “in azienda” di prototipi con Arduino e far seguire poi la realizzazione di schede professionali che sfruttino e capitalizzino gli sforzi fatti per sviluppare i prototipi.
    Chissà.

    #68854

    Alex87ai
    Membro

    Il risultato ottenuto utilizzando Arduino di certo è possibile replicarlo su schede realizzate adhoc, ad esempio con microcontrollori dedicati. Ciò non toglie che la soluzione da voi implementata non abbia un carattere professionale, perchè non dimentichiamo che il core di Arduino è comunque un Atmga, quindi di tutto rispetto. Ottenere gli stessi risultati con la stessa semplicità con cui avete affrontato il proegetto con Arduino mi sembra un pò improbabile, a meno che non abbiate conoscenze di programmazione di altro microcontrollori!!

    #68855

    Alex87ai
    Membro

    in realtà ho premuto preventivamente il tasto salva e non mi sono reso conto di non aver concluso l’ultimo concetto…Con altri microcontrollori e sicuramente con un hardware dedicato il tutto è replicabile benissimamente, anzi ti dirò di più…voi potreste programmare il micro di Arduino e trasferirlo su una scheda realizzata adhoc per la gestione del vostro macchinario industriale. Se le specifiche di progetto riusite a colmarle in questo modo, allora nessuno a parte voi saprà che al comando di tutto ci sia in realtà Arduino. Per altri sistemi a microcontrollori non esiste un hardware o un IDE con tanto di librerie già programmate e pronte per essere usate. Se per voi è stato semplice programmare il sistema è perchè siete stati svincolati dal conoscere la struttura interna del microcontrollore, in quanto tutto è già gestito nel modo giusto dalle librerie che qualcun’altro per voi a suo tempo ha scritto. Adottare un altro micro senza questo tipo di diponibilità significherebbe entrare seriamente nel dettaglio dell’architettura, quindi il discorso si complica notevolmente.

    #68877

    Emanuele
    Keymaster

    Il problema principale di affidabilità del dispositivo e dovuto, nello specifico caso di Arduino, principalmente al software (firmware).
    Il codice che avete scritto dovrà essere debuggato accuratamente e testato sul campo, solo allora avrete una affidabilità pari ad un sistema professionale.
    Cosa che anche Arduino può ovviamente essere.

    Il punto è proprio il software e l’uso di librerie che forse non si conoscono.
    Allora, se la libreria usata, nel caso di Arduino capita spesso, è stata già sperimentata migliaia di volte, tutto OK. Ma poi come interaagisce con il flusso di programma?
    E si ritorna daccapo.

    Una verifica accurata del firmware è sempre una garanzia di affidabilità.

    Vi invito a questa lettura

    http://it.emcelettronica.com/arduino-ha-vinto-cerchiamo-di-non-perdere-noi-ora

    #69505

    Anonimo

    scusate se mi intrufolo nei vostri discorsi, ma siete i primi che contatto, ho un’idea geniale da mettere in atto e vorrei sapere a chi rivolgermi per costruire una macchina industriale…help please. se mi rispondete per email se possibile. grazie in anticipo

    #69506

    Emanuele
    Keymaster

    Ciao, benvenuto sull’Elettronica Open Source!

    Puoi postare la tua idea nell’apposita sezione del Forum, oppure inviarmi una email tramite il modulo contact del mio profilo, ma devi essere registrato per farlo e, tra l’altro, se non ti registri non possiamo vedere (nemmeno gli amministratori) la tua email moses80 (non verificato) :)

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.