Home Forum ELETTRONICA GENERALE Software di neurofeedback su Raspberry Pi o simili ?

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  LuigiFrancescoCerfeda 1 anno, 10 mesi fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #59407

    LuigiFrancescoCerfeda
    Partecipante

    Salve a tutti. Come da titolo la mia domanda è:

    è possibile utilizzare uno dei softwares ( esclusivamente uno tra quelli con licenza GPL o simili ) di neurofeedback elencati in questa pagina sulla Raspberry Pi o qualsiasi altra board ?? L'idea è quella di realizzare un sistema BCI utilizzando per quanto possibile HW ,FW e  SW open source.

    In particolare per il SW OpenVibe, che è quello che mi interessa di più per ora, ho trovato questa discussione , che forse può essere d'aiuto. ( http://openvibe.inria.fr/forum/viewtopic.php?f=10&t=4182 è il link diretto)

    Ancora meglio sarebbe se uno dei suddetti SW potesse  funzionare sul nuovo tablet Linux PengPod .  In caso di risposta affermativa, mi converrebbe acquistarlo (dal momento che ne devo comprare uno per uso "personale")? cioè, è un buon prodotto?

    Grazie per l'attenzione.

    #72619
    Piero Boccadoro
    Piero Boccadoro
    Partecipante

    Personalmente non posso darti una risposta conclusiva…
    Non ho ancora avuto tempo di provare questi software ma non appena avrò tempo prometto di provare e farti sapere :)

    #72630

    bacaezio
    Partecipante

    Ciao,

    non conosco i suddetti software ma penso che su Raspberry PI non dovresti aver problemi con quelli in cui nella colonna “Operating System” è presente Linux. Alemno per quanto riguarda la compatibilità poi c’è il fattore perfomance.

    buon lavoro
    Andrea

    #72711
    delfino_curioso
    delfino_curioso
    Partecipante

    Non conosco i SW in questione, per cui vado a naso ed a vecchi ricordi del periodo da studente, sperando di non dire cavolate.
    Tramite gli opportuni sensori, la RasPI penso sia in grado di rilevare i campi elettromagnetici prodotti dall’attività cerebrale senza grossi problemi.
    Problemi che credo invece nascano quando tali tipi di segnali li devi associare all’azione da intraprendere. 
    Nel NFB non hai informazioni precise circa una specifica “intenzione”, puoi solo dire che ad un dato stimolo è seguita una determinata attività elettrica del cervello (localizzata in un dato emisfero) a cui ha fatto seguito l’azione.
    Per associare i parametri elettrici rilevati ad una determinata azione potrebbe poi entrare in gioco un qualche meccanismo di apprendimento automatico (NN, SVM, metodi bayesiani etc.), che presumo sia una componente del SW da te citato. Ed è proprio questa parte che credo metterebbe in crisi la RasPI, poiché richiede solitamente una discreta capacità di calcolo.
    Ricordo che anni fa testai un SW di riconoscimento di caratteri manoscritti (basato su NN) su un laptop con cpu celeron 1,5 Ghz: dopo venti minuti di attività ci potevo cuocere sopra le uova (per non parlare di rallentamenti notevoli nell’esecuzione).
    Magari non è il tuo caso, ma il mio consiglio è cercare di capire su che base lavorano tali SW. Il fatto che girino su Linux potrebbe non essere sufficiente a garantire che girino anche sulla RasPI

    #72712

    LuigiFrancescoCerfeda
    Partecipante

    Allora, invece della RaspBerry Pi ho deciso di acquistare la Olinuxino A13 WiFi della olimex. https://www.olimex.com/Products/OLinuXino/A13/A13-OLinuXino-WIFI/ (magari ditemi cosa ne pensate, a me sembra una buona board)
    Come sistema di acquisizione del segnale userò un EEG open source (basato sulla MOD-EEG della OpenEEG http://openeeg.sourceforge.net/doc/modeeg/modeeg.html )
    Poi avevo pensato di far girare il SW di elaborazione e traduzione del segnale direttamente su una board (da posizionare poi su un rover, per fare una sorta di prototipo di una carrozzina elettrica per disabili).
    Sul forum di OpenVibe (per ora è il SW che mi sembra possa fare più al mio caso)alla domanda :
    ” Hello to all. :)
    It is possible to execute OpenVibe on Olinuxino or on another Olimex product?
    thanks”
    mi è stato risposto:
    ” Honestly, I have no idea, but if you can run Fedora or Ubuntu on it, compile Ogre/GTK with it, and get some EEG drivers going too, thats a very promising start. We’d be interested to hear how the rest goes. The only Linuxes we are officially supporting are Fedora and Ubuntu (with some dev going on on Mint).
    What would you run on Olinuxino? The acquisition server? Designer? The whole deal?”

    Dal forum della olimex https://www.olimex.com/forum/index.php?topic=537.0 risulta che dalla release R11 effettivamente sulla board può girare Ubuntu.
    Quindi se non ho capito male (considerando che in realtà Ogre non mi serve perchè non devo visualizzare niente) potrebbe funzionare.Certo capisco che è una cosa abbastanza complicata e alle brutte userò il PC per far girare OpenVibe e lasciare alla olinuxino solo il compito di “pilotare” il rover (e magari a sto punto ci metto una webcam e invio al PC il video ).
    Vi terrò aggiornati sui progressi.
    Qualsiasi opinione,suggerimento o/e perplessità è ben accetto.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.