Home
Accesso / Registrazione
 di 

Freescale iMX515 Cortex A8 sfida il Texas Instruments OMAP3530 Cortex A8

Freescale iMX515 Cortex A8 sfida il Texas Instruments OMAP3530 Cortex A8

Se si hanno tra le mani un tablet basato su processore Freescale iMX515 Cortex A8 e uno basato sul Texas Instruments OMAP3530 Cortex A8, che si può fare? Si aggiunge un Telepad alimentato da un processore ARM11 Telechips TCC8902 e si mettono tutti a confronto. Andiamo allora ad analizzare le differenze fra i tre dispositivi, il tablet MIDnite di Texas Instruments, un tablet Freescale generico e il Telepad 10.1, dotati rispettivamente di un processore OMAP3530 Cortex A8, un processore Freescale iMX515 Cortex A8 e di un processore ARM11 Telechips TCC8902. Diamo allora uno sguardo più ravvicinato ai tre contendenti.

OMAP3530 Cortex A8, Freescale iMX515 Cortex A8 e ARM11 Telechips TCC8902

Ecco i tre contendenti

    1- Nationite MIDnite
    Il MIDnite è un dispositivo da 7” (800x480) alimentato da un processore Texas Instruments OMAP3530 Cortex A8 con un clock di 800MHz con 256MB di RAM. Gira su Android 2.2
    2- Un tablet Freescale generico
    Il tablet Freescale non ha una marca associata, è giusto racchiuso in una custodia APAD. Sembra economico a vedersi e più delle volte ha crashato; ha un display da 8” (800x600) con un aspect ratio di 4:3 non widescreen e monta un processore Freescale iMX515 Cortex A8 cloccato a 800MHz con 256MB di RAM. I tablet Freescale sono considerati il prossimo ‘colpo grosso’. Gira anch’esso su Android 2.2.
    3- Tablet Telepad 10.1
    Il Telepad è un tablet dal display di 10.1” (1024x600), alimentato da un processore ARM11 Telechips TCC8902. Può riprodurre video in HD a 1080p e gira su Android 2.2.

I risultati ottenuti utilizzando tre benchmark: il primo è Linpack

Linpack è un benchmark progettato per testare lo stato del VM Android piuttosto che la velocità di elaborazione della CPU. Nonostante la differenza sia bassa, il tablet Freescale iMX515 ha preso il comando, spingendo a 11.400 MFLPS e completando il benchmark in 7.35 secondi. Il DIMnite, con il suo processore TI OMAP3530, è arrivato secondo con 10627 MFLOPS, completando il benchmark in 7.89 secondi. L’ultimo, staccato, è il Telepad, che ha spinto a 4699 MFLOPS e concludendo il benchmark in 17.84 secondi. Può la differenza tra i due tablet A8 (i primi due) dovuta all’implementazione di Android piuttosto che ad una reale velocità di elaborazione? I risultati del benchmark Quadrant parlano di questo.

I risultati ottenuti con il benchmark Quadrant

Quadrant è uno dei più popolari benchmark di Android che ci sono in circolazione. L’edizione standard utilizzata ha rilasciato un risultato standard, per cui non è stato possibile analizzare dove un determinato tablet ha fatto meglio rispetto agli altri e dove invece ha fatto peggio; e questo è un peccato considerando i risultati interessanti che sono stati ottenuti con i due competitor A8.

Il tablet MIDnite, come è già stato analizzato in precedenza (e potete rinfrescarvi la memoria o vederlo per la prima volta qui, è spiccato su tutti gli altri, con un risultato impressionante pari a 1554, battendo anche il Nexus One.

Il tablet Freescale iMX515 ha invece ottenuto un 999, che porta quindi a credere che l’implementazione di Android non sia stata particolarmente accurata. Se si considera la natura comparabile dei due processori, sembra piuttosto evidente che le prestazioni sono in calo quando entra in gioco la differenza dei processori.

Tuttavia, come è stato detto in precedenza, il tablet Freescale è crashato durante l’ uso ed è, per utilizzare un eufemismo, più che altro un work in progress, anche se confrontato con il MIDnite, il che lascia alquanto perplessi. In ultimo, la qualità con cui è stato realizzato il tablet Freescale lascia un tantino a desiderare. La cosa potrebbe essere dovuta al fatto che siano presenti componenti inferiori (esempio il PCB, il circuito stampato), ma questa potrebbe essere solo una mera speculazione.

Il processore Telechips ha invece fornito una prestazione nelle attese. Infatti manca della potenza di elaborazione dei suoi concorrenti dotati che montano un A8. Non c’è molto altro da dire, se non che non viene riportata è la capacità video a 1080p che il TCC8902 possiede; questa non è una cosa da trascurare in questi tempi in cui l’alta definizione la fa da padrona.

I risultati ottenuti con il terzo benchmark: Qualcomm Neocore

E qui sono cominciati i problemi, visto che il telepad sembrava non gradire affatto Neocore e il risultato si è rivelato essere un guazzabuglio di texture blu e bianche. Purtroppo anche il MIDnite ha riscontrato lo stesso problema con il suo firmware11.02, nonostante il fatto che funzionasse correttamente con il firmware 08.31 originale. Tuttavia, il processore Freescale iMX515 è riuscito a completare il benchamrk e ha tirato fuori un punteggio di 22.1 FPS. Se si compara questo risultato con uno vecchio ottenuto su un MIDnite, ne viene fuori una bella delusione, visto che il MIDnite aveva fatto registrare 26.9 FPS. Forse però, è meglio ripeterlo ancora, ci si sta barcamenando in limitazioni che si estendono oltre la differenza di processore. In effetti, si potrebbe anche supporre che per questo risultato la differenza di processore non conta affatto.

Conclusioni finali: il tablet Freescale iMX515 necessita ancora di alcune messe a punto

E alla fine ci siamo arrivati. Ognuno può considerare i risultati come meglio crede, ma se vogliamo provare ad interpretarli, potremmo concludere che il tablet con processore Freescale iMX515 Cortex A8 necessita ancora di alcuni miglioramenti che vanno effettuati per renderlo competitivo. Il MIDnite si è comportato leggermente meglio, ma come si è potuto vedere chiaramente c’è ancora molta strada da percorrere davanti. I benchmark non sono in grado di riflettere il contributo che il Telepad ha fornito al mercato dei tablet, perché non misurano le prestazioni della riproduzione video, settore in cui il Telepad sbaraglia senza alcuna difficoltà entrambi i tablet A8. Tuttavia, esso si mostra inferiore nelle altre aree, come ad esempio l’utilizzo e la navigazione ben più lenta in Android.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Anonimott

Processor tablet

Mai scegliere un tablet senza sapere che processore usa ;)

ritratto di ARMauro

Arm Vs Arm

La mia esperienza è che gli ARM11 sono piu performanti per applicazioni generali ed assorbono molto di piu dei Cortex A8 che sono specifici per applicazioni multimediali. La scelta della casa costruttrice poi è relativa all'applicazione, ma anche al rapporto che si instaura con la casa stessa. disponibilità di supporto, tools e librerie.

ritratto di Emanuele

Kinetis

Non dimenticate Kinetis, si annuncia come il protagonista assoluto del 2011
http://it.emcelettronica.com/tag/kinetis

ritratto di simmartin

prezzi?!?!

Per quanto mi riguarda sono molto colpito dalla politica adottata dalla texas instruments per far avvicinare gli utilizzatori (progettisti ed hobbisti) al loro OMAP3530... Il rilascio della beagle board sotto licenza open-source ha dato il via a molti kit di sviluppo a basso costo. Proprio questo mi ha indirizzato ad utilizzarlo per lavoro. Al di là delle performance, che mi sembrano comunque molto buone guardando i risultati dei vostri benchmark, l'OMAP3530 è sicuramente un buon modo per avvicinarsi ad un mondo nuovo, a basso costo. Per esempio sarei curioso di confrontare anche il touch-book, che è un tablet LINUX, in grado di far girare Android, ma anche ubuntu (per citarne uno...), quindi maggiore flessibilità.

Mi sono (purtroppo) perso la presentazione dei Kinetis, ed ero veramente curioso di sapere se la freescale sta valutando la possibilità di rilasciare boards low-cost open source anche per i loro prodotti.
Ho contattato i rappresentanti di freescale tempo fa, e mi hanno proposto il loro iMX515 al posto dell'OMAP3530...ma il kit di sviluppo costava circa 10 volte di più della IGEPv2 (OMAP3530 @ 700 MHz, 512MB di ram, buonissima connettività) e per una new entry come me la differenza si sente :)

ritratto di Emanuele

Kit di sviluppo Kinetis

Ciao simmartin,
abbiamo la promessa di Freescale che ci consegneranno alcune demo boards per il nostro Review4U, quindi continua a seguirci che la scheda di sviluppo per Kinetis potrai averla a costo zero :)
http://it.emcelettronica.com/tag/review4u

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 7 utenti e 62 visitatori collegati.

Ultimi Commenti