Home
Accesso / Registrazione
 di 

Generatore multifunzione 2/3

Generatore multifunzione progetto open source

Questo stadio fa capo al PLL contenuto in U2 ed all’operazionale U5. L’uscita di questo dispositivo controlla in corrente il pin 8 del MAX038 che, come abbiamo visto in precedenza, consente una regolazione fine della frequenza generata. La scelta del tipo di forma d’onda generata avviene tramite i pin 3 e 4 del MAX038 a cui corrispondono i terminali Q e R. A questi pin va collegato un doppio pulsante o un commutatore mediante il quale è possibile selezionare la forma d’onda facendo riferimento alla tabella pubblicata. Il segnale generato dal MAX 038 viene applicato al bocchettone di uscita tramite un filtro passabasso da 50 MHz che consente di ottenere un segnale particolarmente “pulito” eliminando il rumore generato dal divisore dell’MC145151-2. Per quanto riguarda la forma d’onda sinusoidale, ricordiamo che la distorsione, a qualsiasi frequenza, non supera lo 0,75%.

max038_schemi_applicativi

Il generatore dispone anche di un’uscita per sincronismo sulla quale, ovviamente troviamo la stessa frequenza. Completano il circuito pochissimi altri componenti, alcuni condensatori di filtro ed il led che segnala quando il circuito viene alimentato.

Questo generatore multifunzione necessita di una tensione di alimentazione duale di 5 volt per ramo, possibilmente stabilizzata. La corrente assorbita è dell’ordine dei 100 mA per cui non vi è alcuna preoccupazione da questo punto di vista. Dopo la teoria passiamo ora alla pratica occupandoci della realizzazione di questo progetto.

IL GENERATORE IN PRATICA

Come si vede in queste pagine, per contenere le dimensioni del generatore abbiamo utilizzato una basetta a doppia faccia, con piste di collegamento da entrambi i lati. Tuttavia, tenendo conto delle possibilità dello sperimentatore medio, abbiamo previsto la possibilità di non ricorrere alla metallizzazione dei fori mediante la quale viene effettuato il collegamento, ove occorre, tra i due lati della basetta. Come abbiamo fatto ad evitare la metallizzazione? Presto detto. Tutti i fori di collegamento tra i due lati della piastra possono essere saldati sia sopra che sotto. Così facendo è possibile sfruttare il terminale inserito nel foro per effettuare i collegamenti tra i due lati della piastra. Normalmente invece, nei circuiti a doppia faccia le saldature vanno effettuate solamente sul lato inferiore della piastra mentre da sopra non è possibile accedere a tutte le piazzuole.

generatore_multifunzione_pcb

Ovviamente il circuito stampato va realizzato col sistema della fotoincisione che consente di ottenere un prodotto di qualità. In questo caso la piastra va incisa prima da un lato e poi dall’altro; per evitare sfasature tra i due master occorre realizzare dei fori di riferimento. A tale scopo si utilizzano solitamente i fori di fissaggio, presenti su entrambi i master. Dopo l’esposizione dei due lati (prima uno e poi l’altro), la piastra va sviluppata e quindi immersa nel bagno di percloruro ferrico per la corrosione. A questo punto può avere inizio il montaggio vero e proprio. Controllando attentamente sia il piano di cablaggio che l’elenco componenti, inserite i vari elementi inziando dai componenti passivi.

generatore_multifunzione_montaggio

Per il montaggio degli integrati consigliamo l’impiego degli appositi zoccoli che consentono, in caso di necessità, di sostituire facilmente il chip. Completate il montaggio inserendo i semiconduttori e gli altri elementi polarizzati. A questo punto controllate i terminali di tutti i componenti saldando quelli passanti.

Il kit è disponibile da Futura Elettronica

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti