Home
Accesso / Registrazione
 di 

GNOME Shell anticipa le novità di GNOME 3.0

GNOME Shell è la discussa anteprima di GNOME 3.0, che arriverà a marzo 2011

GNOME Shell è l’anteprima di GNOME 3.0, la nuova serie di GNOME prevista per marzo 2011. Per il momento GNOME Shell non ha avuto una buona accoglienza nel mondo degli utenti Linux: è un desktop con un design curato ed è facile da usare con i dispositivi mobili, ma si dice che sia poco flessibile e che richieda un’accelerazione 3-D, che non è ancora universale sul desktop Linux.

GNOME Shell in arrivo sui desktop Linux

GNOME Shell, l'anteprima di GNOME 3.0, utilizzato su Fedora 13 dovrebbe essere molto vicino a come sarà il nuovo desktop di GNOME quando verrà ufficialmente rilasciato nella primavera del 2011. Da un lato, GNOME Shell è un desktop attraente e facile da usare che integra più aree di lavoro meglio di molti altri desktop. D'altra parte, richiede alcune modifiche nel modo di lavorare, e, nella sua forma attuale, è poco flessibile, anche se una parte di tale rigidità può essere dovuta a caratteristiche che non sono state ancora implementate.

GNOME Shell è disponibile nelle versioni di GNOME dalla 2.29 dell’anno scorso. Non è uno standard della maggior parte delle installazioni, ma lo si può trovare nei repository delle maggiori distribuzioni. Una volta installato il pacchetto, è possibile eseguirlo con il comando

gnome-shell --replace.

Dopo pochi secondi, GNOME Shell sostituirà il desktop esistente fino al logout. Se volete usare sempre GNOME shell, dovete aggiungerlo alle applicazioni da far girare su start up.

Mentre è ancora in fase di sviluppo, GNOME 3.0 affronta degli ostacoli. All'indomani di KDE 4.0, gli utenti sono sospettosi riguardo ad alcune modifiche dell'interfaccia principale. Anche se il giornalista Jack Wallen ha dichiarato lo scorso aprile che GNOME 3.0 è il futuro, e non è il solo a lodare GNOME Shell, la reazione della maggioranza degli utenti sembra essere l'indifferenza mescolata con un lieve scetticismo. A quanto pare molti non vedono la necessità urgente di cambiare nulla rispetto a GNOME 2. Anche la discussione sulla preview di GNOME 3.0 sembra sottotono, probabilmente perché la release è già stata rinviata due volte.

Un altro ostacolo è che il nuovo desktop richiede un’accelerazione 3-D, che non è ancora universale sul desktop Linux. In alcuni casi, i potenziali utenti devono utilizzare i driver video proprietari o stare lontani da GNOME Shell.

Tra coloro che decideranno di provare GNOME Shell, molti saranno sorpresi da quanto è comodo l’uso di dispositivi mobili. Costanti switch tra le schermate sono inevitabili in GNOME Shell, e il risultato è un desktop che sarebbe più adatto a lavorare su un telefono cellulare o un lettore di musica che non su un computer.

L’attenzione alla grafica per GNOME Shell

GNOME Shell conferma quello che ormai è risaputo: le interfacce per dispositivi mobili stanno influenzando il design delle workstation per desktop, ma ciò che funziona su dispositivi mobili non sempre può essere il design più adeguato per i desktop. C’è da chiedersi, inoltre, se gli utenti vogliono davvero una workstation desktop che funziona in modo simile all’interfaccia del telefono. La somiglianza, comunque, rende GNOME Shell facile da imparare, ma potrebbe non essere il design più efficiente o comodo quando hai un sacco di spazio. Tutte queste questioni e problemi di fondo possono essere sufficienti da sole per scoraggiare l’uso di GNOME 3.0. Tuttavia, anche GNOME Shell può creare sentimenti contrastanti.

L'aspetto generale di GNOME Shell è una estensione del look minimalista industriale che ha caratterizzato GNOME 2 per diversi anni. Tutto è pulito ed essenziale per la funzionalità e le applicazioni GNOME recenti come Brasero sembrano fatte apposta per GNOME Shell.

In sostanza, GNOME Shell ha due nature. La prima è il desktop ordinario o di lavoro, che è possibile configurare dal menu del tasto destro del mouse, proprio come nella serie di GNOME 2.0. La seconda è l’overview che contiene tutti i menu e le aree di lavoro che vengono definite dall’utente.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 8 utenti e 63 visitatori collegati.

Ultimi Commenti