Home
Accesso / Registrazione
 di 

Google e Linux nella guerra per il cloud computing

Google e Microsoft sono in lotta per il dominio del cloud computing: qual è il ruolo di Linux?

Il cloud computing potrebbe essere una rivoluzione in grado di cambiare gli equilibri delle grandi aziende come Google e Microsoft. Che ruolo può giocare Linux in questo momento di grande cambiamento? Sembra che Google abbia in mente interessanti strategie per sbaragliare la concorrenza e sul modo di usare il cloud computing come piattaforma di sviluppo di Linux.

Il legame tra Google e Linux per il cloud

Il cloud computing si presenta come la nuova sfida per le più grandi aziende del mondo dell’informatica: Google e Microsoft. Immaginate un mondo in cui è possibile sviluppare software liberi, non vincolati alle normali regole di software, che richiedono un’installazione locale. Linux fa parte di un’evoluzione informatica che sta dando un nuovo significato al termine "network computing" come lo conosciamo. Google è in qualche modo il primo o addirittura il migliore nel campo dei servizi cloud. Tuttavia gli sforzi di Google con le applicazioni web-based hanno aperto la strada agli altri, fornendo un modello del modo in cui attrarre gli sviluppatori per utilizzare il cloud computing come piattaforma di sviluppo di Linux.

Google dimostra tale obiettivo promuovendo le applicazioni Web con un'adeguata strategia di vendita, e il suo sforzo mostra che gli utenti aziendali sono più che disposti a distribuire la “nuvola”. Google Docs è considerato il software proprietario, anche se gli oggetti salvati sono tenuti su storage basati su Linux. Ciò dimostra che a Google va benissimo utilizzare Linux per la conservazione dei dati, anche contro l'uso di software proprietario, quando incontra le sue esigenze.

La parte strana di tutto questo è che Google sembra essere un fan di diversi progetti open source, spesso senza alcun beneficio diretto per l’azienda. Una possibilità è che Google voglia dare qualcosa indietro all'ecosistema open source che gli ha consentito di avere successo fino a questo momento. L'altra possibilità è che Google ami semplicemente che l’azienda venga vista come un gruppo di bravi ragazzi. Strategie di marketing, insomma.

Google sta per essere una delle due grandi aziende sotto i riflettori di tutto il mondo in quella che sarà una vera guerra nello spazio del cloud computing nel prossimo futuro. Senza troppo clamore, Google è già su questa strada dopo che Microsoft si è adeguata per Microsoft Office. L'intenzione di Google di disegnare un confine netto è chiaro, da quando Google ha acquisito una società denominata DocVerse. L'idea sembra essere quella di prendere i documenti di Microsoft Office dal Microsoft App fino alla nuvola di Google, pur mantenendo l’esperienza familiare di Microsoft.

Senza dubbio, questo è un colpo per Microsoft, con Google che fa sapere di essere pronto per una lotta diretta per l'utente aziendale. Perché Google agisce così? Potrebbe essere per una questione di riqualificazione per far acquisire familiarità con la visione di Google del cloud, piuttosto che occuparsi di come il dato arriva al primo posto. Chiaramente Google sta cercando di incassare ovunque possibile.

Google vs Microsoft

La definizione di cloud computing non è ancora precisa. Sembra che Google e Microsoft siano in guerra per definire il suo significato nelle menti degli individui e delle grandi aziende. Nel frattempo, si tratta in realtà di un paio di nozioni informatiche di base.

Google sta cercando di impadronirsi del concetto di cloud computing, allo stesso modo in cui ha fatto proprio il concetto di ricerca sul web. Microsoft, con il suo cloud computing per l'impresa, compete a un certo livello con gli sforzi di Google. Le due aziende hanno già scelto di lottare fra loro e il cloud computing non è che l’ultimo terreno di scontro. Forse Linux potrà giocare un ruolo determinante nella vittoria di uno dei due contendenti.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 6 utenti e 57 visitatori collegati.

Ultimi Commenti