Google rimuove le applicazioni Android dannose

applicazioni Android dannose

Applicazioni Android dannose. Google ha individuato ben 58 applicazioni malevole sul suo Android Market. Le applicazioni Android sono state rimosse dallo store, ma altri guai sembrano infestare le applicazioni pirata.

Dopo diversi giorni di silenzio sulla questione il gigante Google ha confermato la rimozione di diverse applicazioni dannose per i dispositivi dal suo Android Market.

Cosa dice Google delle applicazioni Android dannose

Google ha confermato che avrebbe rimosso tali applicazioni Android anche dai dispositivi degli utenti che già le avevano scaricate.

L’allarme riguarda solo i dispositivi Android sui quali è in esecuzione una versione precedente alla 2.2.2 del sistema OS Android, tali dispositivi sono stati infatti individuati come sensibili alle applicazioni dannose. Le applicazioni Android in questione hanno approfittato di alcune vulnerabilità note del sistema di casa Google, il gigante di Internet è però colpevole di averle segnalate con un certo ritardo ai propri utenti tramite il blog di Google Mobile, ciò ha fatto si che in molti le abbiano scaricate sui propri dispositivi.

La società della grande G ritiene però che le uniche informazioni alle quali le applicazioni Android avrebbero accesso sui dispositivi siano quelle relative ai codici utilizzati per identificare il dispositivo specifico e la versione di Android in esecuzione sullo stesso dispositivo.

In totale si parla di ben Cinquantotto applicazioni malevoli le quali sono state individuate e rimosse Martedì dal Market di Android, ma non prima che fossero scaricate da circa 260.000 dispositivi Android.

Google ha detto di voler eliminare tali applicazioni anche dai singoli dispositivi sui quali sono state scaricate utilizzando un apposito “interruttore di spegnimento” a distanza per cancellarle definitivamente. La Big G ha tra i suoi piani anche un apposito aggiornamento di sicurezza per Android e per tutti gli utenti interessati a riparare il danno fatto dal apps malevoli.

Gli utenti in questione devono quindi aspettarsi di ricevere una e-mail dal supporto di Android Market nella quale sono contenute le spiegazioni necessarie per risolvere il problema.

La casa di Mountain View ha inolte dichiarato che lo sviluppo degli account associati alle applicazioni rimosse sono stati sospesi e che anche gli agenti delle forze dell’ordine sono stati contattati in modo da fare chiarezza sui fatti.

Altri problemi di sicurezza per le applicazioni Android pirata:

Secondo un rapporto apparso sul sito di Android per la tutela dei clienti, un utente ha scoperto che le versioni pirata di alcune applicazioni Android legittime per il mercato di Android sono state infettate da un Trojan chiamato DroidDream, che utilizza una root exploit chiamato “rageagainstthecage” per compromettere il dispositivo. Il malware è stato descritto come particolarmente virulento in quanto non solo Google non è stata in grado di catturare l’utente e le informazioni sui prodotti dal dispositivo, ma il virus stesso ha anche la possibilità di scaricare un altro codice in grado di provocare ulteriori danni al sistema. I rappresentanti di Google non hanno risposto immediatamente alla richiesta di ulteriori informazioni o commenti al riguardo.

Che dire sicuramente gli utenti Android non saranno felici di sentire che il proprio sistema è così vulnerabile, certo siamo sicuri che Google risolverà presto questa vicenda aumentando anche la sicurezza del proprio sistema. Per ora sembra che i virus e le minacce in generale stiano migrando dal settore dei PC verso il nuovo mercato degli smartphone creando non pochi disagi tra gli utilizzatori.

11 Comments

  1. Ser_gio 21 aprile 2011
  2. FlyTeo 21 aprile 2011
  3. Fabrizio87 21 aprile 2011
  4. FlyTeo 22 aprile 2011
  5. Fabrizio87 22 aprile 2011
  6. Giovanni Giomini Figliozzi 22 aprile 2011
  7. Fabrizio87 23 aprile 2011
  8. Giovanni Giomini Figliozzi 20 aprile 2011
  9. Antonio Mangiardi 20 aprile 2011
  10. FlyTeo 20 aprile 2011
  11. Fabrizio87 20 aprile 2011

Leave a Reply