I nuovi processori Intel in rampa di lancio per il 2010

Nuovo processore intel atom in lancio per il 2010

Nel corso della stagione primaverile del 2010 saranno lanciati circa 80 nuovi modelli di processori firmati Intel Atom. La casa dichiara già interessati, ai suoi “gioielli”, i principali produttori dello scenario informatico: Asus, Acer, Dell, Toshiba, Fujitsu, Lenovo, Samsung, ecc… Il prezzo medio stimato sarà di 350$. I modelli saranno presentati, in esclusiva mondiale, al Ces di Las Vegas in programma dal 7 al 10 gennaio 2010.

Le nuove tecnologie del gruppo Intel

Intel, come ampiamente descritto in precedenza, ha tolto i veli ai nuovi processori Atom con unità grafica integrata sullo stesso pezzo di silicio della Cpu, aprendo quindi così una nuova frontiera dell’industria dei microprocessori a tecnologia X86 per pc portatili. Combinare la Gpu e il controller di memoria, prima servite da chipset dedicati, con quelle di elaborazione gestite dal processore è infatti sinonimo di un passo in avanti tecnologico notevole, che si concretizza nel poter disporre di prestazioni più elevate e chassis più compatti ed efficienti dal punto di vista energetico. A beneficiare dei nuovi prodotti – del gigante di Santa Clara, sarà a partire dalle prossime settimane – la nuova generazione di netbook e desktop entry-level (i cosiddetti nettop), e cioè quella sempre più rivoluzionaria famiglia di computer contraddistinti dall’essere “low cost” e a bassi consumi.

Fra qualche tempo, primavera 2010 o giù di lì, sarà poi il turno dei chip “Arrandale”, i primi processori con grafica integrata per notebook che di fatto sostituiranno, nella famiglia Intel, gli ormai abbandonati chip grafici “Larrabee” ad alte prestazioni per computer di fascia consumer.

Intel vanta, ed ha ragione di farlo, dell’avvento dei nuovi Atom per diversi motivi: primo su tutti il fatto che la storica rivale Amd, per quanto abbia acquistato nel 2006 Ati Technologies – il maggior produttore di chipset grafici con Nvidia – ancora non ha sfornato un prodotto con simili caratteristiche. Inoltre sappiamo che pc bonsai e notebook sono ormai il piatto forte della domanda dei pc da almeno due anni e lo saranno presumibilmente ancora per lungo tempo: poter contare su un’offerta tecnologica al top in fatto di prestazioni, in grado di assicurare il dominio assoluto o quasi del mercato, è per Intel un obiettivo irrinunciabile. Da giugno 2008 a oggi la società californiana ha distribuito oltre 40 milioni di chip Atom per netbook a tutti i principali produttori di pc del mondo: motivo in più secondo il quale Santa Clara non vogliono per nessun motivo rinunciare a sfruttare una gallina dalle uova d’oro. Si stima che la fornitura complessiva di processori Atom, per mini pc e dispositivi mobili, continuerà a crescere fino a raggiungere centinaia di milioni di unità entro il 2011.

Approfondimenti sui nuovi processori

Il nuovo processore Atom per netbook è contrassegnato dalla sigla N450 e fara coppia con il nuovo chipset NM10 Express a basso consumo; per i desktop entry-level arrivano invece gli Atom D410 e D510 in versione dual-core. Tutti i chip operano a 1,66 GHz e sfruttano la tecnologia di produzione a 45 nanometri con gate metallici ad alta costante k (high-k). Nel caso dei mini pc portatili il risparmio promesso da Intel è pari al 20% in fatto di consumi medi di energia rispetto alla precedente piattaforma Atom; per i desktop la riduzione di potenza richiesta è anche superiore.

I primi produttori a richiedere la disponibilità dei nuovi processori, dichiara casa Intel, sono: Asus, Acer, Dell, Toshiba, Fujitsu, Lenovo, Samsung e Msi, più tanti altri delle new entry; 80 saranno i nuovi modelli in rampa di lancio, con prezzi medi stimati nell’ordine dei 350 dollari e faranno capolino, in anteprima mondiale, al Ces di Las Vegas in programma dal 7 al 10 gennaio 2010. Molti di questi saranno equipaggiati con sistema operativo Windows 7 Starter o Home Basic Edition, alcuni avranno invece dalla loro la piattaforma open source Moblin di seconda generazione.

 

STAMPA     Tags:, ,

Leave a Reply