Home
Accesso / Registrazione
 di 

Impianto solare per baite 1/3

Impianto solare per baite

Impianto fotovoltaico per baite e case isolate in grado di fornire l’energia necessaria per evitare di trascorrere il week-end a lume di candela. Idispositivi che convertono direttamente l’energia solare in energia elettrica sono da anni oggetto di studi e ricerche da parte delle più importanti società che operano nel settore energetico. Gli studi sono orientati principalmente su due fronti: da un lato si cerca di aumentare il rendimento dei dispositivi utilizzati, dall’altro si sperimentano materiali più economici.

Attualmente, quando si parla di conversione diretta, si fa implicitamente riferimento ai pannelli fotovoltaici che, praticamente, sono gli unici dispositivi in grado di convertire direttamente l’energia del sole in energia elettrica. I migliori pannelli attualmente disponibili in commercio presentano un rendimento dell’ordine del 15÷20 per cento. Considerando che l’energia solare che colpisce la superficie terrestre è di circa 1.000 watt per metro quadro, un pannello di dimensioni standard (1/3 di metro quadro) è in grado di erogare al massimo 50÷60 watt. E’ evidente che per ottenere una quantità significativa di energia è necessario utilizzare superfici molto estese, non sempre disponibili in pratica. Per questo motivo, come dicevamo poc’anzi, moltissimi sforzi vengono fatti per cercare di aumentare il rendimento. Se si riuscisse ad arrivare a percentuali dell’ordine del 70÷80 per cento, come annunciato di recente da alcuni ricercatori, probabilmente ci sarebbe un vero e proprio boom di applicazioni legate al fotovoltaico.

Parallelamente al miglioramento del rendimento, si stanno sperimentando nuovi materiali nella speranza di abbattere i costi che ad oggi sono ancora troppo alti, incompatibili con una diffusione di massa.

impianto_fotovoltaico_piano_cablaggio

I pannelli fotovoltaici, infatti, sono realizzati con celle di silicio opportunamente drogate, una tecnologia simile a quella dei transistor e degli integrati. Essendo le superfici molto ampie, il costo di produzione non può che essere elevato. Per tutti questi motivi l’impiego dei pannelli fotovoltaici è ancora oggi limitato a casi molto particolari. In altre parole, i pannelli vengono utilizzati esclusivamente nei casi in cui non è proprio possibile farne a meno. Tra questi, uno dei più frequenti riguarda l’illuminazione di case e baite isolate dove, per ragioni pratiche o economiche, non è possibile arrivare con la rete elettrica. In queste pagine presentiamo appunto il progetto di un piccolo impianto fotovoltaico destinato ad illuminare baite isolate.

IL DIMENSIONAMENTO

Prima di occuparci dei particolari del circuito, è necessario effettuare alcune considerazioni generali riguardanti il dimensionamento dell’impianto. Semplificando, un impianto solare è composto da uno o più pannelli fotovoltaici, da un serbatoio d’energia (in questo caso da una batteria) e da un carico che assorbe, quando è in funzione, l’energia accumulata dalla batteria. Innanzitutto è necessario calcolare con precisione il consumo complessivo del carico. Nel nostro caso ipotizziamo che per illuminare la baita durante il weekend siano sufficienti due lampade elettroniche da 8 watt con un funzionamento continuo di tre ore e che per non perdere completamente i contatti col mondo facciamo funzionare per due ore al sabato sera un TV da 14 pollici che consuma 40 watt. Complessivamente durante il week-end consumeremo 48 watt per ciascuna lampada (8w x 3 ore x 2 giorni) e 80 watt col TV (40 watt x 2 ore x 1 giorno) per un totale di 180 watt circa. A questo punto possiamo scegliere la batteria.

Il kit è disponibile da Futura Elettronica

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 19 visitatori collegati.

Ultimi Commenti