Home
Accesso / Registrazione
 di 

Incidente Air France 447: quanto influisce la tecnologia sull’errore umano?

Resti dell'Air France 447

L’incidente occorso al volo Air France 447, precipitato nell’Oceano Atlantico a metà strada tra Rio de Janeiro e Parigi il 1 giugno 2009, si inserisce in quella lista cui appartengono i misteri dell’aviazione perché, sebbene sia stato ricostruito un quadro piuttosto credibile, restano ancora dei punti oscuri. Inoltre, questa tragica fatalità ha fatto emergere quello che da tempo viene descritto come uno dei problemi futuri dell’aviazione: il paradosso dell’automazione.

Incidente Air France 447: sistemi tecnologici e piloti

L’incidente dell’Air France 447, infatti, oltre a provocare la morte di 228 persone, ha anche evidenziato come, nella catena di tragici eventi, l’errore umano possa avere un ruolo fondamentale anche a fronte di sistemi tecnologici sofisticatissimi, come quelli dell’Airbus A330 della Air France.

A prova di questa evidenza è stata pubblicata, dal sito Popular Mechanics (ripresa dal libro ‘Errori di pilotaggio volume 5’ scritto dal pilota Jean Pierre Otelli) , la trascrizione degli ultimi minuti di conversazione trai piloti all’interno del cockpit. Da questi stralci si evince come la situazione sfuggì di mano al meno esperto e più giovane dei piloti, i cui successivi tentativi riparatori non andarono a buon fine, nonostante la presenza di due esperti colleghi.

Cockpit Airbus A330

Tralasciamo in questa sede l’attribuzione di eventuali colpe e passiamo ad una breve descrizione degli elementi salienti nella catena di eventi che ha provocato l’incidente dell’Air France 447, per poi estrapolare un giudizio circa gli effetti che la convergenza tecnologica ha sui piloti, soprattutto giovani. Allora, Airbus A330 dell’Air France lascia Rio de Janeiro alle 22:03 e alle 02:08 entra in una zona di forte turbolenza, con le temperature che scendono drasticamente causando il congelamento dei tubi di Pitot (strumento utilizzato per misurare la velocità di un fluido e nel caso specifico per rilevare l’esatta velocità dell’aereo) e impedendo una corretta segnalazione della velocità.

I tubi di Pitot

Il pilota automatico a questo punto viene disattivato automaticamente. Nell’analisi del disastro questo passaggio è fondamentale, perché i piloti avrebbero dovuto prendere il controllo manuale dell’aereo e rispondere tempestivamente al malfunzionamento dei sensori di rilevamento della velocità ad alta quota. Ma questo non era un requisito previsto per la formazione dei piloti di Airbus al tempo dell’incidente dell’Air France 447. In parole povere, causa presenza tecnologica efficiente e di altissimo livello, i giovani piloti non devono necessariamente essere addestrati a comandare manualmente un aereo, neanche nei momenti cruciali. Perché? Si tratta di tagli di costi nei training oppure estrema fiducia nei mezzi non umani a disposizione? Se si leggono le trascrizioni degli ultimi drammatici minuti, si capisce come il panico e l’errore umano abbiano preso il sopravvento prima dello schianto.

Il controllo manuale prevede un ridotto margine di errore e la velocità di crociera ideale per un Airbus A330 è di circa 560 miglia orarie (circa 900 Km/h). Se si va più veloci, il lift si sposta verso l’ala, spingendo la punta verso il basso e aumentando la velocità, fino a raggiungere rapidamente la velocità del suono. A questo punto, si sviluppano delle onde d’urto sulle ali che interrompono il flusso d’aria e riducono l’effetto di lift (che tiene sospeso l’aereo); la punta dell’aereo viene quindi spinta in picchiata e il pilota potrebbe non essere in grado di recuperare la situazione. Al contrario, se la velocità è troppo bassa, l’aereo va in stallo e precipita. Per generare il lift c’è bisogno che venga mantenuta una velocità minima, la quale va poi aumentata in modo direttamente proporzionale all’altitudine. Ad un’altezza di circa 35.000 piedi (10.000 metri), il gap tra troppo veloce e troppo lento si assottiglia. In questi casi c’è bisogno di un intervento deciso e sicuro dei piloti, che purtroppo non erano addestrati a farlo nel caso dell’incidente dell’Air France 447. Alta conoscenza dei mezzi tecnologici e bassa capacità di iniziativa personale in caso di assenza di supporto elettronico.

Il mistero dell’allarme di stallo

L’airbus A330 possiede un sistema integrato di allarme, in caso di stallo, che è progettato perché sia impossibile ignorarlo: i piloti del volo Air France 447 lo hanno fatto, nonostante le ripetute segnalazioni. Perché? In questo caso la tecnologia è altamente affidabile, perché nel momento in cui l’aereo si trova in stallo, una voce umana sintetizzata (di quelle che mettono ansia) e fastidiosa ripete la parola ‘STALL’. La spiegazione più probabile è che i piloti non abbiano creduto fosse possibile uno stallo, e l’idea non è affatto inverosimile: l’Airbus è un aereo fly-by-wire e gli input di controllo sono inviati ad un computer, il quale poi comanda a turno degli attuatori che muovono gli alettoni, il timone, gli stabilizzatori e i flap. Per la maggior parte del tempo, il computer opera all’interno di un contesto che è definito Normal Law (il sistema normale che permette la protezione dallo stallo e il mantenimento nell' inviluppo di volo). Come ha detto un istruttore di volo di Airbus A330, Godfrey Camilleri, ‘non è possibile mandare in stallo un aereo in Normal Law’, per cui i piloti devono aver pensato che il segnalo di stallo fosse un’anomalia e quindi l’hanno ignorato. Ma una volta che il computer ha perso i dati sulla velocità aerodinamica, il pilota automatico si disconnette e il sistema passa da Normal Law ad Alternate Law. In Alternate Law, l’aereo può andare in stallo.

Conseguenze dell’incidente dell’Air France 447: il paradosso dell’automazione

Il disastro dell’Airbus A330 potrebbe aver messo in luce una nuova minaccia per l’aviazione. Negli anni, infatti, le compagnie aeree hanno realizzato velivoli dotati di funzioni di controllo automatizzate sempre più evolute, che hanno come scopo quello di eliminare, o ridurre, il pericolo e l’incertezza. Tuttavia, hanno anche rimosso importanti informazioni dall’attenzione dell’equipaggio di bordo: mentre l’avionica traccia alcuni parametri cruciali come la localizzazione, la velocità, ecc., i piloti possono prestare attenzione ad altro. Ma quando si presenta un problema serio e il computer decide di non poterlo più affrontare, come accaduto nell’incidente dell’Air France 447, il pilota potrebbe trovarsi di fronte ad una situazione tale da non possedere le dovute nozioni per uscirne. A quel punto si comincerebbe a chiedere quali strumenti sono affidabili e quali no, quale la minaccia più incombente o, più generalmente, che cosa stia succedendo! Sfortunatamente sono pochi i piloti ad avere una esperienza tale con un certo tipo di problemi.

Una paura giustificata

L’articolo scritto da Jeff Wise per Popular Mechanics mette in evidenza l’errore umano, escludendo quasi del tutto l’errore tecnologico (se pur c’è stato, sarebbe dovuto essere facilmente superato).

La reazione che suscita è di terrore, diciamolo pure, perché viene dato risalto ad un fatto gravissimo: i piloti degli aerei di linea non sono addestrati per le emergenze in caso di malfunzionamento dell’avionica? Mi piacerebbe sapere, in questa sede, che qualche pilota intervenisse per dare un suo contributo, una testimonianza circa il proprio addestramento e capacità di reazione ad una situazione simile a quella in cui si è verificato il disastro dell’Air France 447.

In conclusione

Nessun problema tecnico, l’incidente è stato causato da un errore umano. Una fredda sentenza, che riflette il cinismo con cui sono stati dati in pasto alla stampa gli script delle comunicazioni tra piloti negli ultimi drammatici minuti di volo, come a voler dire: ‘

E’ palese, la colpa è solo loro!’. In realtà, quei tre uomini nel cockpit hanno fatto il possibile perché era in gioco anche la loro vita, e se la gravità della situazione andava oltre le loro possibilità, il dito è da puntare contro qualcun’altro..

 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di @ngelo

Io non credo proprio che la

Io non credo proprio che la colpa sia solo dei piloti. Anzi! Se ci fossero stati sistemi in grado di lavorare in concomitanza con i tubi di Poirot per rilevare la velocità effettiva(mi viene in mente qualcosa tipo GPS) e quindi riscontrare l'anomalia dovuta al congelamento, la situazione di stallo che si è presentata ai piloti, sarebbe stata sicuramente presa in modo diverso. Il sistema in questo modo li avrebbe portati immediatamente a prendere il controllo manuale del velivolo evitando lo stallo. Questo per dire che l'errore umano è entro un certo limite visto che le informazioni date erano sbagliate. Comunque mi ricordo della notizia di questo incidente e ricordo anche che la colpa inizialmente era stata attribuita addirittura ad un fulmine che aveva colpito l'aereo mandando il tilt i circuiti.

ritratto di Emanuele

Incidenti aerei e navali

E' notizia attuale su tutti i telegiornali, il naufragio della Costa Concordia.

Le cabine di comando, navali o aereonautiche hanno sistemi di controllo ridondanti con spesso alcuni strumenti diversi che controllano parametri simili in tempo reale.

Impostate le rotte, avioniche o marittime, l'uomo (in questo caso con la u minuscola)
dovrebbe solamente limitarsi ad una posizione di controllo, attivando le procedure solo in caso di anomalia (che non cè stata nel caso della Costa Concordia)

Certo poi delle capacità umane di intervenire manualmente, se ne potrebbe parlare, ma di certo la stupidità è difficile prevenirla.

ritratto di Anonimo1234

il problema della troppa

il problema della troppa tecnologia e' il ritrovarsi poi dei tecnici deficenti.

ritratto di Vittorio Crapella

A volte mi chiedo come sia

A volte mi chiedo come sia possibile cadere così in basso con errori madornali come quello della Concordia..
Ma immagino quanti e quali sofisticati strumenti per prevenire cose simili.. eppure

Oggi ho visto in TV la traccia del radar di qualche stazione di terra che ricostruiva la rotta e la velocità della nave, ma mi chiedo a cosa servono tutti questi controlli se poi nessuno interviene ...
quelli del radar quando hanno visto velocità e direzione della nave dov’erano ? non potevano chiamare e chiedere cosa stavano facendo?

Ma io resto allibito .. allora era ancora meglio viaggiare a vista con l'omino sull'albero maestro .. hi

ritratto di Edi82

L'errore umano nel caso

L'errore umano nel caso dell'incidente Air France è palese nelle registrazioni, che forse però non sarebbero dovute essere pubblicate..In ogni modo, il fatto di mettere piloti inesperti e poco allenati agli imprevisti, affidandosi quasi esclusivamente alla tecnologia è sbagliato. La colpa non è quindi dei piloti ma di chi pensa al loro addestramento.
Poi non dimentichiamo che quando cade un aereo si verifica sempre una catena di eventi sfortunati, oltre ai possibili errori umani..basta ricordare cosa successe a Tenerife nel 1973 (credo..) quando due 747, uno Pan Am e l'altro KLM si scontrano in fase di decollo causando centinaia di morti e la più grave sciagura aerea della storia. Il pilota Pan am aveva decine di anni di esperienza e quello Klm addirittura era considerato uno dei migliori dell'epoca..
Nel caso della Concordia, invece, sembra (ma è presto per dirlo) che il comandante se la sia pure svignata.

ritratto di Mauro65

Da Appassionato di aviazione e Tecnologia.....

Non posso che concordare con la constatazione che anche con la più avanzata delle tecnologie e la più sicura e ridondante esistente davanti all'impreparazione, la mancanza di buon senso ed alla possibilità dell'errore umano non c'è tecnologia che tenga Edi82 Ricorda giustamente il Disastro di Tenerife che non fu causato da un malfunzionamento dei sistemi ma Dal carattere e dalla decisione del Pilota KLM di entrare in pista senza attendere l'autorizzazione della torre di controllo! qui la grandissima preparazione tecnica del Comandante KLM non servi ad evitare il disastro il suo carattere forte e deciso prese il sopravvento causando centinaia di morti.
E da appassionato di aviazione e frequentatore di campi di volo ed air show ho assistito di persona ad errori umani che per mia fortuna si sono risolti senza gravi conseguenze per la vita dei piloti o degli spettatori: Air show ad Ozzano (BO) pilota EX frecce tricolori dimostra in volo un ultraleggero per troppa confidenza con il mezzo lo porta al limite strutturale e perde il timone di coda in volo si salvò andando ad "appoggiare" l'aereo sulle macchine parcheggiate degli spettatori!!
raccontando questo voglio proprio confermare che la tecnologia e l'automazione sono sicuramente necessari e importanti ma molto più importante è la preparazione,la conoscenza, l'addestramento e la psicologia degli esseri umani che se ben preparati possono uscire da situazioni estreme in maniera sorprendente.
Sono d'accordo con Edi82 anche sul fatto che sia stato un'errore pubblicare sui giornali i dialoghi dei piloti del volo 447 ma la stampa si sa "sbatte il mostro in prima pagina" creando angoscia nel lettore medio che di procedure di pilotaggio e sistemi tecnologici o meno ne capisce poco.

ritratto di Vittorio Crapella

A volte la troppa esperienza

A volte la troppa esperienza e la convinzione delle proprie capacità portano a scavalcare le procedure che un "novellino" osserverebbe in tutto e per tutto evitando
tragici errori.

ritratto di UnoTraTanti

Sembra proprio che anche in

Sembra proprio che anche in questo caso, la natura spavalda di un "lupo di mare" abbia preso il sopravvento e sia all' origine di un terribile incidente costato vite umane. Se ho letto bene questo Schettino aveva già alle spalle 10 anni di manovre sulla COSTA e una scuola navale, quella di Napoli, che non ha nulla da invidiare alle altre.
http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2012/01/16/news/il-comandante-francesco-schett...

Come mai allora ci permettiamo errori umani su navi, aerei o altri colossi senza mai prevederli a priori e meravigliandoci dopo se accade l' imprevisto ?
Ricordo l' esplosione del vettore Ariane 5 una decina d'anni fa. ....a causa poi sembra di un problema informatico....
http://programmazione.it/index.php?entity=eitem&idItem=39995
O ancora peggio l`esplosione dello shuttle con un' insegnante a bordo.
http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_dello_Space_Shuttle_Challenger

Il primo colpevole è sempre il responsabile che sul posto pigia il tasto errato.
Ma dietro di lui i verificatori ( che non verificano), i finanziatori ( che danno sempre meno soldi per i test e le prove), quelli che scrivono le regole procedurali e di qualità che poi prevedeno sempre la scappatoia, i controllori che non controllano che le regole siano rispettate, questi che grado di responsabilità hanno ?

ritratto di Edi82

Hanno responsabilità

Hanno responsabilità altissime! come dicevo anche nell'articolo, spesso il pilota, o capitano, è la punta dell'iceberg di una serie di malfunzionamenti, omissioni ed eventi sfortunati. Io non credo che basti solo un errore per causare incidenti di questo tipo.

ritratto di Aviatore

Il tubo di Poirot...come

Il tubo di Poirot...come disse Agatha Christie...

ritratto di Anonimo1

Poirot

Ah ah ah! I tubi di Poirot mi mancavano!

ritratto di piero lombardi

I limiti del fly- by- wire

I moderni sistemi avionici sono concepiti per ottimizzare automaticamente tutti i parametri di volo, che vengono continuamente monitorati e corretti dai computer di bordo. Ogni intervento dei piloti è perciò valutato dal sistema di guida che può arrivare a rifiutare manovre non previste dal computer di bordo, che è programmato per garantire i corretti parametri di volo. A questo proposito ricordo l'incidente occorso ad un Airbus durante uno dei primi voli dimostrativi, nei pressi di Parigi: l'aereo, pilotato da collaudatori molto esperti, con a bordo molti giornalisti, si schiantò in un bosco dopo una discesa veloce fino a bassa quota: al momento di effettuare la richiamata per far risalire il velivolo, il comando del pilota fu rifiutato dal computer perchè una simile manovra non era prevista dal sistema, dato che nessun aereo di linea la effettuerebbe mai,e quindi giudicata non corretta, perchè avrebbe generato un "assetto inusuale", in questo caso troppo cabrato rispetto alla norma. Dopo questo incidente, Airbus introdusse alcune modifiche, ma tuttora rimangono delle restrizioni concepite per garantire la sicurezza del volo) che però in condizioni estreme possono bloccare l'intervento anche del più bravo dei piloti. Qualcosa di simile può essere successo sullo sfortunato volo AirFrance 447: se l'aereo, con i tubi di Pitot fuori uso e in mezzo ad una violenta tempesta tropicale ad alta quota, ha assunto uno o più assetti inusuali, qualunque manovra tentata dai piloti potrebbe essere stata giudicata non corretta dal sistema di bordo e quindi rifiutata,condannando senza appello l'equipaggio e i passeggeri. I limiti di una tecnologia che ,non dobbiamo dimenticarlo, ha contribuito a rendere molto più sicuro il volo emergono drammaticamente in alcune circostanze estreme e per fortuna molto rare. L'unica cosa che i piloti possono fare è prevenire che simili situazioni possano verificarsi ed evitare ad esempio di infilarsi in una tempesta ad alta quota ben sapendo che nel migliore dei casi metterà a dura prova aereo ed equipaggio.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti