Led matrix a tempo di musica

matrice led in case router

L’idea è quella di realizzare un circuito che accenda e spenga i led di una matrice a ritmo di musica; il tutto sarà posizionato all’interno del case del router. Il cuore del progetto è l’integrato AN6884, si tratta di un IC in grado di accendere in sequenza fino a 5 led in funzione dell’intensità del segnale di ingresso.

Anche noi appassionati di elettronica veniamo spesso colpiti da attacchi di creatività, e l’involucro di un vecchio dispositivo elettronico può alle volte stuzzicare la nostra fantasia, facendoci dare sfogo a idee di riutilizzo più o meno brillanti; ci sono infatti chassie così ben fatti che sembra proprio un peccato doverli buttare, ecco allora un’idea nata dalla voglia di riutilizzare l’involucro di plastica di un router Linksys. L’idea è quella di realizzare un circuito che accenda e spenga i led di una matrice a ritmo di musica; il tutto sarà posizionato all’interno del case del router (precedentemente svuotato).

Il cuore del progetto è l’integrato AN6884, si tratta di un IC in grado di accendere in sequenza fino a 5 led in funzione (logaritmica) dell’intensità del segnale di ingresso. Pertanto dei 9 piedini di cui è dotato, 5 saranno dedicati ai led, 2 all’alimentazione, 1 all’ingresso audio, 1 all’uscita audio amplificata. In questo progetto non piloteremo per ogni uscita un singolo led, bensì gruppi di led, ogni gruppo sarà di sei led, ciò compatibilmente con i limiti di corrente previsti dall’integrato; i datasheet indicano 15 mA come corrente massima di uscita dai pin 1,2,3,4,6. La matrice è formata da 39 led disposti su 3 righe e quindi 13 colonne. Le tre colonnre centrali sono sempre accese e vengono collegate all’alimentazione di 12V tramite resistori da 750 ohm; le restanti dieci colonne vengono vengono gestite in modo speculare rispetta alle colonne centrali (ad esempio la prima colonna di destra rispetta al centro, si accende insieme alla prima colonna di sinistra), ciò significa che in pratica ogni pin di uscita dell’AN6884 pilota sei led. Per coloro i quali non volessero costruire questo circuito partendo dai singoli led, ricordiamo che in commercio esistono matrici di led pre assemblate. Il circuito implementato segue quello riportato nel datasheet, l’unica cosa che si è scelto di cambiare è il valore del condensatore collegato al pin 7; infatti è stato scelto un valore 4.7 uF per questo condensatore, in quanto il valore di 10 uF consigliato dal datasheet aumentava la costante di tempo e quindi vi era maggiore ritardo nell’accensione dei led.

L’intero circuito può essere montato su millefori, possiamo inoltre prevedere di installare all’interno del case anche un piccolo altoparlante di impedenza 8 ohm, prevedendo quindi la possibilità di attivare questo altoparlante. E’ possibile quindi montare su millefori anche due switch nella parte frontale: uno servirà per attivare o meno l’altoparlante interno, mentra l’altro servirà per accendere o spegnere la matrice di led; nel caso la matrice di led fosse spenta, comunque il circuito farà passare il segnale audio senza ovviamente fare alcun tipo di operazione. Oltre agli switch, sarebbe opportuno prevedere la possibilità di regolare l’intensità del segnale in ingresso al circuito, in realtà non è indispensabile se il segnale fornito viene opportunamente regolato prima, però possiamo fare questo con uno sforzo minimo, cioè introducendo sulla linea di ingresso un potenziometro da 10 K. Ci potrebbero essere infinite varianti al circuito, ad esempio modificando i collegamenti si può pensare di non accendere i led in sequenza, bensì a gruppi sparsi in modo da creare originali effetti luminosi; se poi ci lasciamo prendere la mano, allora possiamo aumentare la dimensione della matrice di led e pensare anche di pilotare il tutto con un microcontrollora in maniera tale da personalizzare il più possibile gli effetti di luce. Altra evoluzione del circuito, può essere quella di modificare la disposizione graometrica dei led, oppure utilizzare led di diversi colori in modo da far corrispondere ai diversi livelli di intensità del segnale un colore diverso. Ulteriori informazioni sul progetto si possono trovare a questo indirizzo.

STAMPA     Tags:, ,

One Response

  1. Emanuele 27 luglio 2011

Leave a Reply

Vuoi leggere un articolo Premium GRATIS?

RFID: un acronimo mille possibilità