L’evoluzione della penna? La terza dimensione!

3doodler

Quante volte vi è capitato di trovarvi di fronte ad articoli che descrivono progetti "innovativi" oppure "geniali"? A me personalmente diverse volte ma oggi vi propongo qualcosa in cui mi sono imbattuto per caso e che mi ha davvero stupito, facendomi finalmente ritenere ben spesi questi aggettivi. Ecco a voi la penna tridimensionale.

Chi? Cosa? Quando? Come?

Sinceramente devo ammettere che l'aggettivo "innovativo" sembra un po' inflazionato, di questi tempi, ma quello che vi stiamo per mostrare ha davvero dello straordinario! 

Noi tutti siamo abituati a scrivere. È un'operazione che ci insegnano a compiere sin da quando siamo piccoli perché si tratta di uno dei metodi attraverso i quali riusciamo a comunicare. È davvero importante poterlo fare e saperlo fare bene è anche un fatto di gran pregio.
Scrivere può essere un'operazione molto creativa ma utilizzare una penna, di per sé è un'azione banale.
Ed è proprio quando due persone estremamente creative, che hanno lavorato nel campo della tecnologia, della robotica, collaborato con l'MIT e prodotto giocattoli, si mettono insieme che il risultato può essere davvero inaspettato.
Gli sviluppatori del 3Doodler hanno dichiarato "volevamo progettare un dispositivo che effettuasse la stampa tridimensionale che potesse essere utilizzato in pochi minuti senza la necessità di un grande background culturale tecnico oppure l'ausilio di computer o tantomeno software." La speranza, per loro, era anche quella di creare un dispositivo a basso costo "che potesse essere alla portata di tutti ma soprattutto divertente in modo tale che tutti lo potessero usare". Il risultato?

Mi è sembrato che fosse una penna.

Ed effettivamente è così: si tratta di una penna, nel senso che può essere anche utilizzato in questo modo, ma in realtà si tratta di un dispositivo che riscalda una sorta di polimero termoplastico in grado di cristallizzarsi nella forma che noi scegliamo di dargli.
Il risultato, quindi, è una stampante tridimensionale a forma di penna. Incredibile, no?
Adesso vi lascio guardare un video dimostrativo che vi spiega esattamente che cos'è, come funziona e non vedo l'ora di sapere che cosa ne pensate voi.

Straordinario, non trovate?
Qualcuno di voi probabilmente faticherà a trovare un'utilità per questo tool e pertanto vi dico che cosa penso che renda questo progetto incredibilmente innovativo: immaginate un architetto che ha un'intuizione, un'idea e che vorrebbe provare a darle corpo.
Immaginate un progetto abbozzato in pochissimi minuti grazie all'utilizzo di una stampante 3D così semplice da utilizzare.
Sarebbe bellissimo vedere una persona dar vita ad una miniatura del suo progetto in maniera così diversa da com'è abituata a lavorare. Senza la necessità di un software di modellazione, per esempio.
Ma immaginate che incredibile effetto potrebbe avere sullo sviluppo di un bambino. Questo potrebbe, per lui, essere un giocattolo completamente diverso da qualunque cosa lui abbia visto prima. E magari, perché no, potreste così scoprire che adora la scultura o insegnargli quanto potrebbe essere bella.
Certo, quando parliamo di bambini ci sarebbe chiaramente da assicurarsi che non ci siano elementi tossici ma una "buona" supervisione potrebbe fare al nostro caso.

Se avete voglia di saperne di più potete visitare il loro sito Internet e dare uno sguardo a che cosa ne pensano in giro sulla rete alcuni grandi nomi quali "Wired" oppure "Engaged". La pagina a loro dedicata su Kickstarter, invece, è questa e se questo progetto vi piace, c'è ancora qualche giorno per partecipare. Al riguardo, comunque, possiamo dirvi che avevano come obiettivo essere finanziati per 30000$ e, con una partecipazione di più di 25000 backers, hanno superato la ragguardevole cifra di 2200000$.
Niente male, visto che l'offerta minima era pari a 1$, non trovate?
Se vi piace quest'idea, avete ancora qualche giorno per supportarla voi stessi.Che cosa ne dite? Non lo trovate un progetto davvero interessante?

STAMPA     Tags:,

12 Comments

  1. Antonello 23 marzo 2013
  2. Boris L. 23 marzo 2013
  3. Piero Boccadoro 23 marzo 2013
  4. Piero Boccadoro 23 marzo 2013
  5. Marco Giancola 23 marzo 2013
  6. wperw 28 marzo 2013
  7. Piero Boccadoro 1 aprile 2013
  8. Antonello.90 4 novembre 2013
  9. cecilia suarez 24 marzo 2014
  10. Piero Boccadoro 8 aprile 2013
  11. IvanScordato Ivan Scordato 22 marzo 2013
  12. Giorgio B. 23 marzo 2013

Leave a Reply