Home
Accesso / Registrazione
 di 

L'India punta all'autosufficienza energetica: 20.000 MW entro il 2022

India indipendenza energetica

Panorama attuale

Il mondo è sulla soglia di una nuova rivoluzione energetica. Modelli stabiliti di estrazione di risorse energetiche e l'uso cambiano rapidamente. L'impatto cumulativo di questi si tradurrà in strutture molto diverse di produzione e consumo e stile di vita.

Nel suo discorso al Congresso degli Stati Uniti nel 2009, il presidente Barack Obama ha dichiarato: "Sappiamo che il paese che sfrutta la potenza di energia pulita e rinnovabile porterà il secolo ventunesimo".

Ci sono diverse fonti di energia rinnovabile e pulita, che sono al centro delle strategie adottate da governi e imprese. Questi includono l'energia solare, eolica, biocarburanti, energia del moto ondoso, le celle a combustibile a idrogeno e, naturalmente, l'energia nucleare. Queste sono quelle note e sfruttate marginalmente per decenni.

Ciò che è diverso oggi è che stanno diventando la colonna portante dell'attività economica. Il primo posto è occupato dall’ energia solare. Questa è la fonte primaria di tutta l'energia ed è infinitamente rinnovabile e inesauribile.
L'energia eolica si sta sviluppando rapidamente ma i vincoli tecnologici limitano ancora la capacità potenziale.

Bio-carburanti hanno un potenziale molto più grande.

Il caso dell'India

In India, un interessante progetto prevede la coltivazione di alghe in off-shore per produrre bio-combustibili.

L'energia nucleare è una tecnologia completamente testata ma la capacità potenziale è limitata dalla disponibilità di uranio. Tuttavia, con le tecnologie che si stanno sperimentando i rifiuti di ciascun ciclo di produzione possono essere rielaborati per creare carburante per il prossimo ciclo e possono essere considerate così fonti rinnovabili. L'India è uno dei pochi paesi che possiede un reattore avanzato per questo processo. È, quindi, ben posizionata per assumere un ruolo guida.

Un altro progresso recente è promettente nella miniaturizzazione delle centrali nucleari. I benefici che potrebbero scaturire, in particolare nelle applicazioni decentralizzate e rurali, sono evidenti.

Le riserve accertate di combustibili fossili non può, in ogni caso, sostenere la rapida crescita delle economie di dimensioni continentali come l'India e la Cina.

Estrarre più carbone, petrolio e gas non significa solo maggiore spesa, ma crea anche maggiori rischi per la fragile ecologia della terra, come è stato drammaticamente dimostrata dalla fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico.

E ‘ per questo che vi è una necessità urgente per l'India di elaborare una propria strategia di energia rinnovabile. Un certo numero di paesi, inclusi Stati Uniti, Cina e Germania, stanno investendo notevoli risorse umane e materiali per lo sviluppo di energie rinnovabili.

La Cina ha recentemente annunciato un progetto da 740 milioni di dollari, il Solar Valley nel nord della Cina. L'obiettivo è incrementare il proprio portafoglio di energie rinnovabili dal 9 per cento attuale al 15 per cento entro il 2020. L'obiettivo dell'Unione europea è del 20 per cento. Ciononostante, tutte le principali economie sono ancora ancorate a fonti non rinnovabili.

L'India ha effettuato una buona partenza con un piano d'azione nazionale importante sui cambiamenti climatici, volta a migrare dalla dipendenza dai combustibili fossili a favore di un modello di crescita basato su fonti rinnovabili e pulite di energia. L’ambizioso programma National Solar Mission vuole raggiungere i 20.000 MW entro il 2022 di energia prodotta, anche con la collaborazione degli Stati Uniti ma accantonando il rischioso utilizzo del nucleare a favore di alternative più eco compatibili (da Business-standard.com)

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 2 utenti e 23 visitatori collegati.

Ultimi Commenti