Home
Accesso / Registrazione
 di 

Ma quali nerd: la programmazione software un tempo era “roba da donne”

La programmazione è roba da donne

Un luogo comune abbastanza diffuso vede elettronica e informatica come territori di studio prettamente maschili (l’icona tipica del nerd è quella dell’occhialuto secchione un po’ sfigato) e vuole le donne poco avvezze alla tecnologia. E in effetti i numeri oggi (sia in termini di iscrizioni alle facoltà scientifiche che occupazionali nel campo It) confermano in linea di massima questa opinione diffusa. Ma è sempre stato così? Vi stupirà sapere che in origine la programmazione era considerata una materia per donne, come il cucito e la cucina per intenderci! Per dimostrarlo facciamo un passo indietro.

Le donne programmatrici

Lo storico Nathan Ensmenger ha infatti spiegato che negli anni ’60 la programmazione era vista come uno sbocco professionale naturale per giovani e intraprendenti donne. Tanto che, in un articolo del tempo intitolato “The Computer Girls”, il famoso magazine femminile Cosmopolitan, invitava le donne a considerare questa carriera in un settore che offriva maggiori possibilità alle donne che agli uomini. Come ha spiegato lo scienziato Grace Hopper “programmare un pc era proprio come programmare una cena: occorre pianificare in anticipo e schedulare ogni cosa in modo che sia pronta al momento giusto”. Per questo motivo le donne sarebbero naturalmente predisposte alla programmazione. E dello stesso parere è anche James Adams dell’Associazione for Computing Machinery: “non conosco un altro settore, a parte l’insegnamento, che offra così tanto spazio alle donne”. Negli anni ’40 l’Università di Pennsylvania assunse sei donne per lavorare con i macchinari ENIAC, tra i primi prototipi storici del computer. Le “ENIAC girls” erano addette alla programmazione.

 

Questo non deve far pensare in maniera scontata ad una particolare e anacronistica apertura mentale dei manager di ENIAC nei confronti delle pari opportunità tra i sessi. L’assunzione di queste donne va letta dalla prospettiva diametralmente opposta: era la programmazione ad essere considerata un’attività di serie b, che non richiedeva particolari competenze. Il vero lavoro cerebrale relativo al computing era quello hardware, riservato agli uomini. Ovviamente c’è anche un ragione storica alla base di questa assunzione: molti uomini infatti erano partiti per la guerra e quindi il mercato del lavoro dovette inevitabilmente attingere alle risorse femminili. L’idea che lo sviluppo software fosse meno mascolino e importante di quello hardware andò avanti per diversi anni. Ma già negli anni Sessanta le cose erano cambiate e preannunciavano alla situazione odierna.

Quando la programmazione divenne roba da uomini

Eppure già nel momento in cui fu scritto l’articolo di Cosmopolitan (1967) qualcosa nell’aria stava cambiando. Ci si rese conto di quella che per noi è una verità assodata, ovvero che la programmazione è una materia difficile. E allora venne il momento di trainare uomini per queste competenze. I test selettivi, basati soprattutto sulla risoluzione di quesiti matematici favorirono sempre più gli uomini poiché le donne non avevano spesso la possibilità di prendere lezioni di matematica a scuola. Ma, a voler essere più maliziose, è anche possibile che gli uomini si siano resi conto che si trattava di professioni remunerative. Un fenomeno simile si riscontra anche in altre scienze. Prendiamo ad esempio la biologia: nell’800 essa era sostanzialmente limitata alla catalogazione di animali e piante e spesso era competenza delle donne. La scoperta del DNA aprì le porte alla biologia molecolare e l’uomo si riappropriò di questo settore.

La programmazione oggi

Ancora oggi persiste uno stereotipo che vede la programmazione come una materia prettamente maschile, così come del resto informatica e tecnologia in generale. Eppure il fatto che una volta ad occuparsene erano prevalentemente donne serve non solo a riconoscere al genere femminile il merito per i contributi passati ma anche e soprattutto a ipotizzare una nuova futura inversione di tendenza. Certo non possiamo pensare di svegliarci una mattina in cui improvvisamente le donne giocano a calcio e sperimentano in settori tecnologici o meccanici e gli uomini ricamano e fanno shopping. Ma il fatto che, mai come nell’era attuale, le differenze tra i sessi tendono a sbiadire, si potrebbe pensare di aprire le porte dell’informatica alle donne. Non si può negare che il cervello femminile e quello maschile siano impostati in maniera diversa ma ovviamente questo non significa che le donne non siano o non possano essere portate per l’IT. Del resto la tecnologia moderna tende ad accentuare la marginalizzazione delle donne proponendo un linguaggio prettamente maschile, come evidenziano alcuni studi sociologici. La studiosa Sherry Turkle (1999) ha evidenziato un collegamento tra la terminologia informatica e quella militare: comandi come “kill”, “abort” o “execute” trasmettono aggressività e sono tra le cause che allontano le donne da questo settore. Con questo non vogliamo dire che l’informatica debba vestire in rosa: a poco serve fare pc pink o accessori tecnologici per donne.

L’apertura a questo settore va fatta alla base e sicuramente non è un processo immediato. Oggi una donna iscritta ad ingegneria, per quanto capace, continuerà a sentirsi in minoranza perché così vuole la legge dei grandi numeri. Il quesito con cui vi lascio è: esistono davvero campi in cui la natura crea delle distinzioni o è piuttosto la società ad imporle?

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Piero Boccadoro

Hihi... Non ne avevo idea.

Hihi...
Non ne avevo idea. :)
Molto interessante.
Ad ogni modo credo che questo stereotipo ormai sia diventato parte del patrimonio culturale e sarà difficile svellerlo. Io per primo storcevo il naso quando trovavo una ragazza che avesse passato qualche ora davanti ad un videogioco, magari uno sparatutto. E se succede ai più piccoli con i videogiochi, figuriamoci nella programmazione...

Riguardo la domanda finale, esistono studi fatti per scoprire se esistano ruoli, compiti, sport, campi applicativi, settori scientifici, materie specifiche o professioni in cui gli uomini e le donne non possano equivalersi.
Alcuni di questi sono buffonate assolutamente irriverenti e, pertanto, non interessanti, ma credo fermamente che la differenza della conformazione fisica sia indice di predisposizione a compiti diversi.
Non sono in grado di dire se questo valga anche per tutto ciò che concerne lo sforzo intellettivo vero e proprio, piuttosto che il mero impegno fisico, ma devo dire che onestamente suppongo di no.
Resta il fatto che le donne sono certamente, indubitabilmente più organizzate, concrete, pragmatiche, oneste (anche e soprattutto dal punto di vista intellettuale) e versatili di quanto gli uomini, anche i migliori, riusciranno mai a diventare.

ritratto di MilanistaDoc

WOW

Se non sbaglio il primo programmatore esistito era proprio una donna

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 38 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti