Home
Accesso / Registrazione
 di 

In Marocco nasce la più grande centrale eolica dell'Africa

Parco eolico tangeri

Il Re del Marocco Mohammed VI ha inaugurato un parco eolico nei pressi di Tangeri, che sembra essere il più grande in Africa. Un grande parco eolico nel nord del Marocco è stato aperto nel 2000 con una capacità di 54 megawatt, ma ad esso si va ad aggiungere questa nuova realtà. La centrale è costata 250 milioni di euro (300 milioni di dollari) e dispone di 165 turbine con una capacità produttiva di 140 megawatt, ed è situata a Melloussa, a 34 km (21 miglia) da Tangeri, nel Marocco settentrionale e dispone di 165 turbine. Il progetto è stato cofinanziato dalla Banca Europea, che ha investito 80.000.000 di euro, mentre le banche spagnola e tedesca hanno contribuito con un totale di 150.000.000 di euro.
L'Unione Europea dà la priorità a questo tipo di investimento ed è orgogliosa di aver finanziato il progetto, perché si dimostra essere un segno di innovazione e di avvicinamento alle risorse di energia rinnovabili molto forte.

Questo sito di Tangeri fa parte di un progetto globale che si stima avrà un costo di tre miliardi di dollari e che sarà completato nel 2020. Il progetto globale ha lo scopo di assicurare il 42% della produzione energetica del Marocco, con l’azione combinata di più impianti che sfruttano energie rinnovabili, quali impianti eolici, solari e fonti idrauliche, ciascuna della quali genererà il 14% del totale di energia. Questa operazione ridurrebbe il costo della bolletta energetica per i cittadini del Marocco e potrebbe garantire la sicurezza nei rifornimenti energetici nazionali, combinata ad uno sviluppo sostenibile. (Da Physorg)

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 8 utenti e 30 visitatori collegati.

Ultimi Commenti