Medicine personalizzate grazie alla mappatura del genoma

Le medicine personalizzate sono il risultato dello studio del genoma grazie al sequenziatore di DNA

Le medicine personalizzate sono il futuro della farmacologia. Centinaia di ricercatori in tutto il mondo sono impegnati nella mappatura del genoma tramite un macchinario detto sequenziatore di DNA per analizzare la risposta di persone diverse alla stessa tipologia di farmaco. Tra qualche anno è probabile che ognuno di noi potrà comunicare al proprio medico la propria struttura genetica, per scegliere le medicine più giuste.

Niente effetti collaterali con le medicine personalizzate

Le medicine personalizzate permetteranno di ridurre al minimo gli effetti collaterali. Per ora, però, non è così. Tutti sanno che le pubblicità delle medicine lasciano gli effetti collaterali alla fine, presentandoli in modo molto veloce con una formula che somiglia a: “Possibili effetti indesiderati comprendono: nausea, ansia e in rari casi, morte.”. Spesso, poi, questi effetti vengono elencati da una voce che parla a una velocità del tutto innaturale, rendendo poco comprensibile il messaggio.

Questi effetti collaterali si presentano perché esiste una vasta gamma di possibili reazioni da parte delle persone, mentre i farmaci non hanno un dosaggio personalizzato, e vengono testati solo per le reazioni standard a un dosaggio medio. I nostri corpi, invece, non sono tutti uguali. Ma grazie alla ricerca un giorno gli spot sui farmaci potrebbero essere molto più specifici, indirizzandosi a particolari categorie di pazienti.

Ecco perché in questi anni ha sempre più successo la ricerca medica relativa a farmaci personalizzati, un metodo che utilizza le informazioni su un individuo per creare ricette su misura per quella persona. E un laboratorio dell’Università di Tel Aviv sta studiando come utilizzare un sequencer che legge il genoma umano, per sviluppare una mappa di percorsi regolatori a seconda dei geni negli individui.

I microRNA (frammenti genetici che legano i geni e possono influenzare, per esempio, il modo in cui vengono metabolizzati i farmaci) giocano un ruolo chiave. I microRNA sono piccole molecole di RNA, a singolo filamento di 20-22 nucleotidi che svolgono diverse funzioni, la più nota attualmente è una regolazione post-trascrizionale. Non erano nemmeno stati scoperti fino all’inizio degli anni ’90, ma ora già diversi microRNA sono stati collegati a vari tipi di cancro, a volte perché ne rallentano la diffusione, altre volte perché la accelerano. Come avviene la mappatura dei microRNA? Mediante la metodologia del sequenziamento: si sintetizzano copie di DNA a partire dagli RNA cellulari che vengono analizzati da strumenti chiamati “sequenziatori di DNA”. Un sequenziatore di DNA è un macchinario molto complesso che attraverso diverse metodologie serve a mappare il genoma umano.

Cartelle cliniche specifiche per scegliere le medicine

“Un giorno, la gente sarà in grado di avere il proprio intero genoma sequenziato e la propria espressione genica e microRNA mappati, e questo diventerà una parte della loro cartella clinica”, dice Noam Shomron Sackler che lavora presso la Facoltà universitaria di Medicina. “Le persone saranno in grado di portare queste informazioni con loro da un medico all’altro, proprio come una radiografia.”

Nei loro esperimenti recenti, la squadra di Tel Aviv ha analizzato il modo in cui i microRNA possono influenzare un farmaco comune, fluidificando il sangue per il trattamento di malattie cardiache. E’ solo un inizio, ma alla fine l’idea è quella di capire non solo come un farmaco agirà su una persona specifica, ma anche capirlo sulla base degli altri farmaci che la persona ha usato in passato. E la conseguenza sarà di poter creare medicine personalizzate per le persone. I costi di questo tipo di analisi personalizzata sono in netto calo a mano a mano che si evolvono le tecniche e le previsioni dicono che entro qualche anno si potrà avere una mappatura completa con mille dollari. Aziende farmaceutiche, governi e associazioni di ricerca continuano a investire in questo settore che, a quanto pare, creerà le medicine del futuro.

4 Comments

  1. @Facebook 14 ottobre 2010
  2. @Facebook 14 ottobre 2010
  3. Rossella De Marchi 14 ottobre 2010
  4. @Facebook 14 ottobre 2010

Leave a Reply