Microcontrollori a 8, 16 e 32 bit. Quali sono le differenze?

Quali sono le differenze tra i microcontrollori a 8, 16 e 32 bit?

Questa è una domanda complicata. Le diverse famiglie di microcontrollori variano nelle loro capacità. Il numero di bits si riferisce solo alla larghezza del data pipe, che limita la precisione della matematica, anche se tanti microcontrollori hanno un hardware speciale che può svolgere ad una precisione alta le funzioni matematiche.

La grande differenza tra i microcontrollori è il prezzo:

l’8bit è stato il più conveniente, mentre il 32 bit il più costoso. La maggior parte dei processori a 8bits sono vecchi e funzionano su architetture vecchie e tendono ad essere lenti. Inoltre, tendono ad avere un limite basso di supporto RAM, ma l’importo effettivo dipende dalla famiglia.

I processori a 16bit tendono a focalizzarsi sul prezzo, ma c’è una vasta gamma di pezzi disponibili, alcuni dei quali hanno prestazioni abbastanza elevate e una grande quantità di periferiche on-chip. Questi di solito eseguono più veloce dei microcontrollori a 8 bit e tendono ad avere memorie più indirizzabili.

I microcontrollori a 32-bit competono sulle prestazioni di un’applicazione. Vi è una notevole gamma di parti a 32-bit disponibili, ciascuna mirata ad una applicazione specifica. Hanno una grande quantità di memoria indirizzabile e le prestazioni tendono ad essere migliori dei micro a 16-bit.

3 Comments

  1. bruno1963 15 agosto 2010
  2. Emanuele 16 agosto 2010
  3. bruno1963 17 agosto 2010

Leave a Reply

Vuoi leggere un articolo Premium GRATIS?

RFID: un acronimo mille possibilità