Home
Accesso / Registrazione
 di 

MilsCourier, un alleato contro gli hackers

MilsCourier, un alleato contro gli hackers

In seguito alle ultime notizie sparate in prima pagina in tutto il mondo e dopo che i titoli dei giornali hanno portato alla luce il pericolo di violazioni di sicurezza dei sistemi informatici governativi, l'attenzione sull'operato degli hacker di oggi, sempre più preparati e capaci e sulle reti di sorveglianza dei sistemi di comunicazione è divenuta il punto centrale sui sistemi di sicurezza.

Gli attacchi degli hackers ai sistemi informatici hanno compiuto un passo in avanti: mentre, in precedenza, gli attacchi erano per lo più destinati a distruggere i dati contenuti negli hardware e sei database attaccati, l'attenzione odierna è fissata sul silenzioso furto di dati a fini di lucro che vengono portati a termine senza fare danni evidenti ai computer e senza che l'utente se ne renda conto.

La preoccupazione ha raggiunto livelli alti e si stanno cercando soluzioni idonee alla risoluzione del problema: se questi attacchi ai sistemi informatici e di archiviazione dei dati colpisce le autorità statali e governative e se questi dati finiscono nelle mani sbagliate si possono avere ripercussioni di vasta portato.
La minaccia non sarebbe solo riguardo gli utenti individuali ed i dati personali di questi, ma anche la stabilità stessa di una nazione.
I pericoli potenziali e più preoccupanti per quel che riguarda i sistemi informatici governativi sono la destabilizzazione politica della nazione, i danni relativi alle relazioni internazionali con altri paesi, l'ostacolo all'efficacia operativa delle forze militari del paese o delle operazioni di intelligence oltre a mettere a repentaglio la vita del personale chiave e gli ufficiali di alto rango se non tutti i componenti degli apparati governativi.

Capite bene come la sicurezza dei sistemi informatici siano di primaria importanza e necessità.
Va da sé che i dati contenuti e conservati e protetti nei sistemi informatici debbano avere un permanente livello di sicurezza più alto.

Alta sicurezza per i sistemi informatici ad alto rischio. Il Mils Courier

Fin dalla sua nascita, chi lavora nell'elettronica dedicata a questo settore ha sviluppato e prodotto sistemi di sicurezza dei dati e dei messaggi che siano capaci di soddisfare i requisiti più elevati di protezione dei governi di tutto il mondo. La Mils è tra queste.
Molti governi hanno optato per MilsCourier, l'applicazione sviluppata da Mils per il trasferimento sicuro dei dati, che consente una grande flessibilità nel segreto nell'invio di dati tramite qualsiasi canale di trasmissione disponibile.
Il sistema integrato da One Time metodo di crittografia a chiave capace di garantire una protezione al 100% dei dati durante la trasmissione.

La nuova versione di MilsCourier ora codifica automaticamente i dati memorizzati e rende sicuro il sistema informatico.
La tecnologia e l'elettronica di oggi aiuta a prevenire l'incuria umana: la nuova versione del MilsCourier, rilascio 3.3, codifica automaticamente i dati quando vengono memorizzati. Così che una volta che un pacchetto di dati è stato ricevuto, è sempre memorizzato in forma criptata sul disco, garantendo così che in nessun momento un hacker in grado di leggere le informazioni sensibili.

Per la memorizzazione dei dati protetti, MilsCourier viene consegnato insieme al MBC o Mils Cipher Block. Con questo algoritmo di cifratura a blocchi di proprietà Mils, l'elettronica di sicurezza è saltata su un gradino più alto. Questo algoritmo è una versione più complessa e sicura dell'AES e può essere anche personalizzato.
Quindi, non importa quanto sofisticato e segreto, un attacco sferrato dagli hacker potrebbe essere, l'attaccante non sarà in grado di leggere tutte le informazioni, né durante la sua trasmissione, né quando saranno memorizzati nel sistema informatico.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Ultimi Commenti