Netbook, Notebook, Tablet o Smartphone: quale dispositivo portatile scegliere?

Dispositivi portatili

Netbook, Notebook, Tablet o Smartphone: i dispositivi portatili rappresentano un bisogno tecnologico che sta alla nostra sopravvivenza quotidiana come l’acqua sta all’organismo umano. E non è un’esagerazione: stare ventiquattro ore senza tecnologia senza poter controllare e-mail oppure senza telefonare e consultare internet mentre si sta al bagno o sull’autobus è uno scenario ormai inverosimile. Preoccupante anche. Ma nella selva delle proposte, cosa bisogna scegliere? Prima c’erano solo i notebook e bastava chiamarli ‘portatili’ per capire di cosa si stesse parlando, mentre ora si sono aggiunti netbook, tablet e smartphone, che non fanno altro che complicare le idee all’indeciso acquirente! Ecco allora una guida che cercherà di fare luce sui pro ed i contro dei diversi dispostivi portatili, aiutando, nel limite della possibilità, a scegliere quello più idoneo alle proprie esigenze.

Una rapida panoramica sui dispostivi portatili

Mi perdoni chi queste cose le mangia a colazione, ma è necessario introdurre schematicamente, per chi non avesse le idee chiare (che poi rappresenta il destinatario di questo articolo), una descrizione dei dispostivi portatili che andremo ad esaminare:

- Tablet: una lavagnetta a schermo piatto da 7”, 9” o 10”, touchscreen (ma ci si può anche collegare una tastiera) multifunzione

- Smartphone: un telefono touchscreen che permette il collegamento e la navigazione in internet

- Notebook: il classico portatile

- Netbook: un notebook in miniatura, con lo schermo da 10,1”

Descrizione parecchio lacunosa e riduttiva, ne prendo atto, ma serve solo ad avere un’immagine visiva dei dispostivi. La guida seguente consiglierà su quale tipo di dispositivo orientarsi, non sullo specifico prodotto (ci vorrebbe quasi una guida dedicata per ognuno).

Netbook

Descrizione Partiamo con il netbook, il fratello minore del notebook, che doveva creare una nuova nicchia di mercato, ma che probabilmente seguirà una triste fine, a causa della presenza di tablet e smartphone. Il netbook è un computer portatile che presenta uno schermo da 10,1” o 11,6”, estremamente compatto, essenziale, ma dotato delle caratteristiche tipiche di un PC, a partire dal sistema operativo. Questo dispositivo si sposa con l’idea di lavoro, visto che la sua portabilità è maggiore rispetto ad un notebook e possiede tutte le funzioni necessarie per eseguire le stesse operazioni.

Vantaggi

Il primo, sono ridondante, è la portabilità: il netbook non sarà tascabile, ma è un computer che entra in spazi davvero ridotti, come la borsa di una donna. Non dimentichiamo poi che, in presenza di un monitor, lo schermo piccolo resta solo un ricordo perché, collegando i due dispositivi, si può quasi lavorare a livello di un notebook.

Svantaggi

Partiamo dal prezzo, molto alto se si desiderano prestazioni decorose (oltre i 300 euro), ma a questo punto si entra in una fascia più vicina ad un notebook, e comunque permangono molti limiti. Il netbook è effettivamente comodo ed entra ovunque, ma a livello base è davvero lento, si impalla con programmi di grafica o se si eseguono un paio di operazioni contemporaneamente, e alla lunga lo schermo piccolo produce una certa frustrazione. Infine, non avendo il lettore CD/DVD, bisogna crearsi un boot recovery su chiavetta per eventuali formattazioni, oltre all’inconveniente di non poter utilizzare CD e DVD.

Conclusione

Il mio parere personale, avendone avuti tre diversi (un Asus, un Hp e un Acer), può essere considerato abbastanza comprensivo, visto anche il massiccio utilizzo che ne ho fatto..e che ne faccio. Io consiglio l'acquisto di un netbook solo esclusivamente a chi viaggia per lavoro, spostandosi spesso con mezzi locali (autobus, treni, ecc.) e necessita un computer che dia il minor ingombro possibile ma non ha esigenze particolari. Devo ammettere che, nel mio caso, il netbook mi ha lasciata affascinata all’inizio, per poi deludermi in breve tempo.

Tablet

Descrizione

Il tablet è il nuovo oggetto del desiderio, tanto bello a vedersi quanto inutile, da brandire per dar sfoggio del suo design mentre ci si imbatte in improbabili manovre stile piloti di Formula di 1 per fare foto e riprese video. I più affermano che è necessario per chi naviga, grazie alla sua immediatezza, alla sua rapidità e, soprattutto, all’assenza di fili. E poi è anche un E-reader, cioè ci puoi leggere i libri in formato digitale, quindi te lo porti sempre con te, anche a letto. Il tablet è uno strumento di consumo, non adatto alla produzione, ideale per chi ama consultare internet, vedere foto e filmati, stando comodamente disteso sul letto o sul divano.

Le caratteristiche principali di un tablet sono, per riassumere: la (presunta) portabilità, la facilità d’uso, la comodità, dovuta all’ampio schermo.

Vantaggi

Come abbiamo accennato il vantaggio che presenta il tablet consiste essenzialmente nel permettere la fruizione di contenuti multimediali e la navigazione in rete senza fili e in modo rapido.

Svantaggi

A mio avviso un tablet presenta molto più contro che pro. Come ha detto circa un anno fa Mark Zuckenberg, il tablet non è mobile, è un computer. Il dispositivo rientra nella categoria dei portatili, ufficialmente, ma in effetti la sua portabilità è davvero scarsa, perché, oltre che girarci all’interno della casa, non è comodo da portare in giro, non entra in tasca. Per non parlare di quanto sia scomodo per telefonare (una forzatura) e per fare filmati e foto (appunto sembra di vedere movenze da Formula 1). Ma un tablet non si può nemmeno definire un computer, tanto per citare ancora Zuckenberg; le sue caratteristiche non permettono l’esecuzione di funzioni estremamente semplici in un computer, come ad esempio il copia e incolla.

Conclusione

Tra i vantaggi decantati c’è quello professionale, grazie al quale ci si presenta al cliente con una sottile lavagnetta in grado di mostrare intuitivamente un progetto. Resto dell’idea che un bel notebook faccia la sua gran bella figura, magari un 13” sarebbe il compromesso di dimensioni ideale e almeno è un computer! Certo, per il touch bisogna limitarsi al pad, ma ci se ne può fare una ragione, se non avessero girato Minority Report probabilmente non avremmo neanche avuto il desiderio di muovere le mani a mo’ di mimo per sostituire la tastiera e il comodissimo mouse. Se qualcuno ha dei suggerimenti validi da fornire per convincere all’acquisto di un tablet, ben venga, può postarlo nei commenti, sono open!

Smartphone

Descrizione

Lo smartphone è il cosiddetto telefono intelligente, che oltre ad assolvere le funzioni di un normale telefono cellulare, possiede un sistema operativo (diverso a seconda dei produttori: Apple iOS, Android, Blackberry OS, Windows Phone, Symbian OS, Linux based) permette anche l’installazione di applicazioni di terze parti che ne migliorano le prestazioni. Gli smartphone sono dotati di connessione GSM/GPRS/EDGE/UMTS/HSDPA/HSUPA e utilizzano le tecnologie Wi-fi e Bluetooth per la comunicazione con altri dispositivi.

Vantaggi

Con lo smartphone ci spostiamo su dispostivi portatili dotati di un senso; display da 5 pollici, eccellente portabilità, facilità d’uso e rapidità esecutiva, navigazione in internet: multifunzionalità nel palmo di una mano. Gli smartphone sono dotati di fotocamera e telecamera di buona qualità, oltre che di programmi, semplici ma efficaci, di editing di foto e video. Un punto a favore è senz’altro il prezzo, ormai sceso anche sotto i 100 euro per buoni modelli.

Svantaggi

Il possesso è inutile se non se ne sfruttano appieno tutte le funzionalità; a questo punto meglio un telefono tradizionale. Inoltre, a causa dell’enorme diffusione, e del previsto sorpasso sui computer nel 2013, aumenta il rischio di attacchi informatici, come ad esempio i virus .

Conclusione

A parte le varie funzioni, applicazioni, ecc., questa categoria di telefoni cellulari è ottima per chiunque non abbia necessità di lavorare con programmi da computer, quali word, excel, ecc., ma ha un bisogno costante di essere connesso e aggiornato; inoltre sono a disposizione una serie di applicazioni gratuite che possono dare una mano nella programmazione degli impegni della giornata. È anche un lettore Mp3, il tutto a portata di tasca..o di mano.

Notebook

Descrizione

Qui spreco poche parole, tutti lo conoscono benissimo e sanno che un PC portatile garantisce prestazioni altissime e dura nel tempo. Io uso ancora egregiamente il mio Toshiba Equium del 2007 anche come fisso, per qualsiasi cosa, collegandolo ad un monitor, una tastiera ed un mouse esterno.

Vantaggi

Il notebook permette di fare manutenzione o upgrade in modo semplice e fai da te in punti cruciali quali l’hard disk o la RAM, è disponibile in una marea di formati per assecondare le proprie esigenze legate alle prestazioni, alle dimensioni (anche entrambe) o a qualsiasi altro fattore. Se ha problemi si formatta e passa la paura.

Svantaggi

A parte il fatto che non tutti i pezzi sono facilmente sostituibili come in un desktop, non mi sovvengono svantaggi..mi date una mano?

Conclusione

Io credo che a tutt’oggi resti ancora il miglior alleato di chi necessita un dispositivo portatile per lavorare. Se invece avete bisogno di un oggetto con cui svagarvi, potete acquistare qualsiasi cosa, ma non penso che in questo caso vi serva una guida.

Voi che dispositivo portatile utilizzate (se lo utilizzate) per lavorare? A chi lo consigliereste? E Perché?

14 Comments

  1. linus 15 dicembre 2011
  2. Fabrizio87 15 dicembre 2011
  3. Emanuele 15 dicembre 2011
  4. Emanuele 15 dicembre 2011
  5. Edi82 15 dicembre 2011
  6. Fabrizio87 15 dicembre 2011
  7. Fabrizio87 15 dicembre 2011
  8. Fabrizio87 15 dicembre 2011
  9. zuperone 15 dicembre 2011
  10. Emanuele 16 dicembre 2011
  11. telegiangi61 16 dicembre 2011
  12. telegiangi61 16 dicembre 2011
  13. Emanuele 16 dicembre 2011
  14. Fabrizio87 16 dicembre 2011

Leave a Reply