Home
Accesso / Registrazione
 di 

La Nissan produrrà l'auto elettrica Leaf in Regno Unito entro il 2013

Nissan, auto elettriche, leaf

La Nissan oltre a lanciare quest'anno la sua auto elettrica Leaf in tutto il mondo, ha deciso che comincerà la sua produzione nello stabilimento di Sunderland, nel Regno Unito, salvando anche duemila posti di lavoro. Sarà la terza fabbrica a produrre l'auto elettrica dopo gli stabilimenti giapponesi e quelli del Tennessee, negli Stati Uniti.

Il lancio della Nissan Leaf

Una modella posa accanto all'auto elettrica Nissan Leaf al Salone Internazionale di Ginevra. Il veicolo sarà fabbricato nel suo stabilimento britannico dai primi mesi del 2013, spiega la casa automobilistica giapponese.
La Nissan Motor ha dichiarato che iniziarà a costruire la sua auto elettrica "Leaf" a emissioni zero  in un impianto in Gran Bretagna dal 2013, una mossa che salverà oltre 2.000 posti di lavoro in una delle regioni più in difficoltà d'Inghilterra.
Lo stabilimento di Sunderland, nel nord-est d'Inghilterra, realizzerà anche le batterie agli ioni di litio che monta il veicolo, e sarà il terzo grande punto di riferimento a produrre le auto verdi dopo le fabbriche a Oppama, in Giappone, e in Tennessee, negli Stati Uniti.
L'investimento di oltre 468 milioni di euro (642 milioni di dollari) contribuirà a preservare circa 2.250 posti di lavoro a Sunderland e in tutta la catena dell'indotto inglese della Nissan.

Il segretario di Stato Peter Mandelson ha dichiarato: "Questo investimento è un voto di fiducia al fantastico impianto di Sunderland e alla sua brillante forza lavoro."
In una dichiarazione Nissan specifica che "lavorando insieme possiamo raggiungere il nostro obiettivo di rendere il Regno Unito il leader mondiale nei veicoli a bassissime emissioni di sostanze inquinanti."


La produzione iniziale sarà di circa 50.000 veicoli l'anno, partendo dall'inizio del 2013. La Leaf verrà proposta al mercato mondiale quest'anno con l'inizio della produzione in Giappone, mentre la fabbrica statunitense inizierà a produrre nel 2012.
Nissan considera l'auto elettrica Leaf come "il primo modello al mondo di auto pulita e prodotta in serie a prezzi accessibili."
La batteria ha una capacità di 160 chilometri (100 miglia), può essere rapidamente caricata all'ottanta per cento della sua capacità in 30 minuti. L'auto elettrica può raggiungere una velocità massima di oltre 140 chilometri (90 miglia) all'ora.
Lo stabilimento automobilistico di Sunderland, il più grande in Gran Bretagna, a partire dal 1986 ha prodotto 5,6 milioni di veicoli, compresi 338 mila l'anno scorso, con un organico di 4.100 persone.

La crisi economica e le nuove auto elettriche


Nel mese di gennaio, Nissan ha annunciato una perdita di 1.200 posti di lavoro dello stabilimento per lottare e far fronte ad un calo delle vendite causato dalla crisi economica mondiale, aumentando il grado di disoccupazione in un angolo di Inghilterra già non florido.
Nissan annuncia che la costruzione del suo impianto di fabbricazione di batterie a Sunderland inizierà il mese prossimo. Con una capacità di 60.000 unità all'anno, inizierà a produrre batterie nel 2012 sia per Nissan che per la sua partner francese, la Renault.
Mentre la Gran Bretagna ha sostenuto il progetto Leaf finanziariamente, Nissan ha anche detto che la politica ambientale del governo è stata "molto in linea" con il proprio pensiero e della Renault.

Le auto a emissioni zero stanno guadagnando spinta come coscienza ambientale dei conducenti che cercano alternative per le automobili a benzina, le cui emissioni inquinano le città e sono considerate una delle principali cause del riscaldamento globale.
I produttori di automobili giapponesi sono stati in prima linea nel lanciare queste nuove tecnologie. La Mitsubishi Motors lo scorso anno ha lanciato la i-MiEV in Giappone, e la Fuji Heavy ha lanciato la Subaru Plug-in Stella.
Toyota, che si è concentrata su i veicoli ibridi benzina-elettrico, ha promesso di lanciare la sua auto elettrica proprio entro il 2012.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 6 utenti e 39 visitatori collegati.

Ultimi Commenti