Home
Accesso / Registrazione
 di 

La nuova macchina per i raggi X di Philips

La macchina per i raggi X di Philips usa la tecnologia wireless per facilitare i movimenti del paziente

La macchina per i raggi X presentata da Philips in questi giorni sembra davvero innovativa. Combinando le ultime scoperte in fatto di imaging digitale con le tecnologie wireless, questa macchina consente di ottenere le immagini in tempo ridotto e con maggiore facilità. L’assenza di cavi permette di sistemare il paziente in modo più agevole per i medici e per il personale del pronto soccorso, anche in caso di traumi gravi.

I nuovi raggi X made in Philips

La nuova macchina per i raggi X di Philips è finalmente arrivata sul mercato americano e probabilmente in futuro sbarcherà anche oltreoceano. Philips ha presentato il suo nuovo DigitalDiagnost - ER Wireless, ed è ora disponibile la Juno DRF con sistema a raggi X negli Stati Uniti. DigitalDiagnost - ER Wireless è un sistema a raggi X destinato all'utilizzo in sale di emergenza e per le applicazioni dopo un trauma. La Juno DRF è una radiografia digitale e anche un sistema di fluoroscopia in un unico pacchetto.

Il sistema della macchina per i raggi X due-in-uno è capace di tutte le procedure comuni radiografiche, studi gastro-intestinali, tomografia e studi vascolari. La sua Source Image Distance (SID) di 180 cm (71 ") e l'alta capacità di carico della tavola fino a 284 kg (626 libbre), senza alcuna restrizione per i movimenti, permette esami diversi e diversi tipi di pazienti. Una funzione opzionale di cuciture e un pacchetto di imaging vascolare espandono la capacità del sistema. La Juno DRF sarà in vendita in Europa occidentale a partire da gennaio 2010.

"Anche se i raggi X sono una modalità ormai consolidata, ciò che stiamo offrendo quest'anno è veramente nuovo di zecca: DigitalDiagnost - ER sistema wireless è una soluzione dedicata per la radiografia digitale in pronto soccorso, per il recupero, e per i traumi", ha detto Gene Saragnese, General Manager, Imaging Systems, per Philips Healthcare. "Attraverso il Juno DRF e DigitalDiagnost - ER Wireless stiamo portando radiografia e fluoroscopia di precisione al livello successivo, ponendo le tecnologie in cui sono più necessarie, in particolare in una situazione di emergenza, per aiutare gli ospedali con soluzioni economicamente efficaci che agevolano cura del paziente".

Eliminando le apparecchiature hardware e le periferiche, che in genere ostacolano l'accesso al paziente, la macchina per i raggi X DigitalDiagnost - ER con configurazione wireless facilita l'accesso ai pazienti critici in pronto soccorso (ER), nelle unità di trauma e nel recupero. Il robusto rilevatore wireless portatile con maniglia incorporata e design senza cavi consente di manovrare in modo semplice anche per le rilevazioni anatomiche più difficili, che consentono al sistema di essere perfettamente integrato in un pronto soccorso. Il rilevatore portatile senza fili aiuta anche a ridurre al minimo il rischio di interferenze con le apparecchiature salvavita.

Il sistema Juno DRF per i raggi X

"Il nostro impianto è stato molto influenzato dal sistema Juno DRF per la sua flessibilità clinica, il comfort del paziente, e la sua capacità come tutte le piattaforme digitali di aumentare l'efficienza complessiva del nostro reparto", ha detto Eldon Dyer, direttore di diagnostica per immagini allo Yuma Regional Medical Center, in Arizona. "La capacità extra di sopportare il peso, le funzionalità di telecomando e la flessibilità offrono vantaggi di configurazione reale al nostro team di clinici e forniscono ai nostri pazienti l'esperienza di comodità che si aspettano".

Per quanto riguarda in particolare Juno DRF, l’esecuzione di entrambe le tecniche di imaging su un unico sistema consente di risparmiare tempo e denaro, dato che Juno DRF permette di aumentare i tassi di utilizzo per tutta la giornata. La maggiore capacità della fluoroscopia e lo spettro di applicazione rafforzata della macchina a raggi X digitale riducono i costi di manutenzione e la formazione del personale. Specifici algoritmi di elaborazione per le singole regioni anatomiche migliorano la qualità dell'immagine e si traducono in un minor numero di riprese. Inoltre, immagini digitali sono immediatamente disponibili per accelerare le procedure.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 7 utenti e 61 visitatori collegati.

Ultimi Commenti