Nuova TV 3D, 70″ ad alta definizione di Samsung grazie agli ossidi di metallo

Nuova TV 3d, 70 pollici ad alta definizione di Samsung grazie agli ossidi di metallo

TV 3D ad alta definizione grazie all’utilizzo di Backplane in ossido di metallo, anzichè silicio. Samsung lancia un progetto che promette di rivoluzionare i futuri televisori e display portatili. Anche quello tanto acclamato di iPhone 4.

Come sempre Samsung si dimostra all’avanguardia nel settore delle TV e dei display, la famosa casa produttrice ha infatti recentemente mostrato un nuovo prototipo di televisore ultra piatto ad alta definizione in 3d. Il prototipo da 70 pollici utilizza un circuito elettronico per il controllo di otto milioni di pixel. Molto probabilmente il nuovo televisore 3d di Samsung non andrà in produzione in tempi brevi in quanto non c’è alcun contenuto adatto ad essere visualizzato su di esso, stando a quanto dice Paul Semenza, analista senior di Display Search.

Ma la Società alla conferenza Information Display di Los Angeles ha raccolto i favori dei presenti con il suo nuovo televisore 3D. Samsung è il primo produttore di televisori ad avvalersi di una tecnologia che utilizza un tipo di backplane, la matrice di transistor utilizzato per accendere i pixel on e off, che si basa sugli ossidi metallici (semiconduttori).

Questi materiali offrono prestazioni superiori rispetto al silicio amorfo usato al giorno d’oggi, senza aumentare i costi. Nel mese di aprile, il noto produttore di tv Sharp ha annunciato che inizierà la produzione di tv basate su transistor di ossido di metallo entro la fine dell’anno, presso lo stabilimento di Kameyana, in Giappone.

Backplane con ossido di metallo

Secondo Kenneth Sangheon Koo, direttore del marketing LCD di Samsung Semiconductor, non sarebbe stato possibile realizzare il display ad alta definizione 3d con un backplane convenzionale. Questo perché rendere i pixel più piccoli richiede che ciascuno dei transistor di controllo sia a sua volta più piccolo. Il silicio amorfo, utilizzato in backplane convenzionali, non conduce elettroni abbastanza velocemente per questo tipo di miniaturizzazione.

I Semiconduttori a ossido metallico invece conducono gli elettroni molto rapidamente e possono essere depositati con metodi relativamente poco costosi. L’ostacolo più grande durante la progettazione dei nuovi schermi è stato capire quali miscele di metalli usare e come lavorare con loro sulle apparecchiature di oggi, afferma Randy Hoffman, un ingegnere senior di HP. Il materiale principale attualmente è una miscela di indio, gallio e zinco chiamato IGZO.

Il futuro dei display sui dispositivi portatili

Semenza ipotizza che Sharp potrebbe sfruttare le alte densità di pixel attivati ​​per backplane con ossido di metallo per rendere più nitido il display dei dispositivi mobili. In base alle dimensioni del materiale visto presso la linea di produzione di Kameyana, egli ipotizza che la società potrebbe essere in grado di fornire un display ad alta risoluzione, forse per la prossima generazione di iPad di Apple.

Attualmente il display retina montato sull’ultima generazione di iPhone utilizza un backplane costoso basato su un altro tipo di transistor di silicio chiamato polisilicio a bassa temperatura. Sharp potrebbe essere in grado di offrire un’alternativa con un rendimento molto buono per il display retina ad un prezzo inferiore.

Un altra soluzione implementabile sui futuri display parla di pannelli posteriori in ossido di metallo, vantaggiosi perchè riccamente colorati e a basso consumo energetico. Questi display sono stati inseriti in alcuni dispositivi mobili e piccoli televisori di fascia alta, ma tendono ad essere molto costosi. Parte del problema è che non possono essere realizzati con backplane convenzionali: le elevate correnti necessarie per questi dispositivi brucerebbero i transistor in silicio. Così il problema è stato risolto utilizzando il backplane polisilicio costoso, OLED. Per tanto la sostituzione con backplane di ossido di metallo potrebbe rendere gli OLED più competitivi e meno costosi.

STAMPA

One Response

  1. Ser_gio 22 luglio 2011

Leave a Reply