Il nuovo Raspberry PI in omaggio con Review4U

Un altro Raspberry PI GRATIS, ancora, per voi! E con questo sono finora 3 gli esemplari di questa famosa scheda che abbiamo messo in palio per i nostri abbonati! C’è davvero tanto da fare con questa scheda ma la verità è che il vero limite è la vostra creatività. E allora, cosa si può fare con Raspberry Pi?

Su Raspberry Pi è stato detto tanto, e scritto ancora di più. Su queste pagine ce ne siamo occupati parecchio ed oggi si conclude un ciclio di 3 Review4U, con protagonista il Raspberry Pi.
Ecco i due vincitori precedenti nel caso ci fosse qualche scettico tra i lettori :)

Luca Bertuolo che oltre ad aver vinto il RasPI ed aver scritto l’articolo come da Review4U, sta entrando a far parte dello staff!

E poi:

Francesco Cotalbi che in questi giorni sta deliziando la sua classe con il RasPI vinto su EOS del quale nelle prossime settimane pubblicheremo l’articolo relativo al Review4U.

C’è davvero tanto da fare con questa scheda ma la verità è che il vero limite è la vostra creatività. E allora, cosa si può fare con Raspberry Pi?
Per esempio, quello che ci hanno fatto questi ragazzi: il pilotaggio di un sistema di disegno e gestione di un grafico polare.

http://hackaday.com/2012/11/16/raspberry-pi-driven-polargraph-exhibits-high-precision-drawing-ability/#more-90152

Qui è stato utilizzato il linguaggio Go per trasdurre i dati in una sequenza di comandi per i 2 motori a lavoro. Il flusso di comandi viene comunicato e gestito attraverso interfaccia seriale alla board Arduino (eh già…c’è anche lui in questo esperimento.)
Ma ce n’è anche per gli “smanettoni”; volete migliorare le prestazioni di Raspberry Pi? Basta scegliere il giusto sistema operativo. Eh già perchè una novità notevole del Raspberry Pi è l’ottimizzazione, con la possibilità di modificare la micro-board di sviluppo ARM che ora, dopo aver fatto sfoggio delle sue prestazioni con sistema operativo (Linux), ora offre anche la possibilità, agli utenti più esigenti, di funzionare oltre i limiti nominali di CPU e circuiteria integrati.
E se nessuno dei sistemi operativi proposti (ad esempio da http://elinux.org/RPi_Hub) vi soddisfa, potete sempre compilare il vostro Kernel da zero (!)
La Fondazione Raspberry Pi ha annunciato che esiste la nuova modalità di funzionamento in overclock, con ben 5 livelli diversi di overclock che porteranno la CPU fino ad 1 GHz (contro i 700 MHz base). Occhio alle temperature, però, perchè quelle sì che presto o tardi potrebbero far cedere la vostra piattaforma.
Sul fronte “hack”, ed usi originali della board, invece, molto interessanti sono la piattaforma di sviluppo che usa il lettore di ebook di Amazon (chiamato KindleBerry Pi) ma anche un piccolo supercomputer costituito da 64 schede Raspberry Pi, connesse tra loro in rete.

Ora tocca a voi :)

Come ricevere GRATIS il Raspberry PI?

Basta semplicemente essere Abbonato al progetto EOS-Book (se non lo sei ancora abbonati ora, costa poco più di un caffè ed avrai tantissimi vantaggi) e poi descrivere qui sotto nei commenti quale è la tua idea di applicazione per questa demoboard. L'idea più originale, ma anche verosimile, verrà premiata con la board. Te la spediamo noi a casa gratuitamente, tu dovrai soltanto….. utilizzarla e come da regolamento, inviarci uno scritto sull'utilizzo, anche semplicemente un "getting started" o "la prima messa in funzione con lampeggio di un led" insomma niente di complicato, vogliamo solo essere sicuri che il vincitore la utilizzi veramente!

Che aspetti allora? Vai nei commenti e proponi la tua applicazione!

15 Comments

  1. cesarino87 8 dicembre 2012
  2. Emanuele 8 dicembre 2012
  3. AndGrid 8 dicembre 2012
  4. diegomos 8 dicembre 2012
  5. AndGrid 8 dicembre 2012
  6. MarcoAL8 10 dicembre 2012
  7. Dagiedil 3 febbraio 2013
  8. Massimo.Taruffi 19 febbraio 2014
  9. Emanuele 1 dicembre 2012
  10. claudyus 1 dicembre 2012
  11. AndGrid 1 dicembre 2012
  12. telegiangi61 1 dicembre 2012
  13. Piero Boccadoro Piero Boccadoro 2 dicembre 2012
  14. telegiangi61 3 dicembre 2012
  15. Piero Boccadoro Piero Boccadoro 3 dicembre 2012

Leave a Reply