Occhiali 3d diventano blu-ray

Occhiali 3d diventano blu-ray. Il massimo per tecnologia occhiali 3D

Immagini per occhiali 3D: ormai da tempo è consolidata l’opinione per cui la tecnologia 3D non è solamente una soluzione volutamente esagerata ma sta raggiungendo risultati raffinati e l’ultimo film di fantascienza e animazione di imminente uscita, Avatar (per occhiali virtuali 3D), ha ottenuto pareri favorevoli dalla critica dal punto di vista tecnico: ma a breve non ci sarà bisogno di andare al cinema e la Blu-ray Disc Association sta per lanciare degli occhiali 3D Blu ray e tutti attendono curiosi la presentazione al Consumer Electronics Show.

Vediamo allora da vicino a cosa sia dovuto questo progresso della tecnologia virtuale 3D (occhiali 3D) e cosa ci si debba aspettare quando gli occhiali 3D diventeranno blu-ray.

Occhiali 3D per home-theater

Se fosse veramente possibile a partire dal 2010 usufruire della tecnologia 3D da casa propria, che cosa servirebbe esattamente?
Prima di tutto ovviamente occhiali 3D, fondamentali per visualizzare questo effetto. Dimenticate però i classici occhiali 3D blu e rossi anni 50: i nuovi occhiali 3D non renderanno il film sfumato da un alone violaceo o purpureo.

Secondo quanto annunciato dalla BDA (Blu-ray Disc Association), gli occhiali 3D blu-ray saranno display-agnostici ovvero compatibili con qualunque schermo 3D a prescindere dal fatto che sia al plasma, lcd o altro.
Ma servirà anche un nuovo lettore blu-ray, a meno che non se ne possieda già uno discretamente nuovo.

Ad esempio la Playstation 3 è in grado di fornire contenuti 3D ma non tutti i dispositivi lo fanno.
Molti rivenditori, tra cui ad esempio NVIDIA, hanno comunque annunciato che metteranno in commercio modelli che supportano questa tecnologia. Il portavoce di NVIDIA, Del Rizzo, ha annunciato che presto saranno disponibile anche pc per contenuti 3D blu-ray: questi necessiteranno di un drive blu-ray e una scheda grafica in grado di decifrare il nuovo codice: AVC-MVC. E poi ovviamente serve la TV adatta.

Anche da questa prospettiva i vecchi modelli infatti non sono più adeguati e servirà necessariamente una TV HD 120 Hz: ne esistono da qualche mese già alcuni modelli sul mercato ma il costo non è di certo contenuto. Se non avete comprato una TV HD di ultima generazione negli ultimi mesi allora non è di sicuro 120 Hz.
E poi ci sono i cd, che ovviamente dovranno essere a loro volta 3D.

La buona notizia è che almeno tutto è retro compatibile: i dischi 3D saranno letti, ma ovviamente con immagini piatte, sui lettori 2D e a loro volta i lettori 3D blu-ray leggeranno comunque i vecchi cd 2D. Se questo può sembrare molto costoso è perché in effetti lo è davvero!

Tutto il sistema può arrivare a costare qualche migliaio di euro, dipende poi anche dalla qualità dei dispositivi comprati. Sicuramente è più economico comprare per qualche anno ancora i biglietti del cinema: ma almeno a casa i pop-corn costano meno!

Probabilmente tra qualche anno la tecnologia per gli occhiali 3D blu-ray sarà più diffusa e più accessibile ma inizialmente si rivolgerà ad una nicchia limitata. Come è stato giustamente osservato da indagini di mercato, avendo molte persone comprato da poco una tv HD che però non è adatta a questa tecnologia, sarà difficile che cambino di nuovo idea in breve termine.

STAMPA     Tags:,

12 Comments

  1. Ionela 6 ottobre 2010
  2. Emanuele 13 settembre 2010
  3. Emanuele 25 agosto 2010
  4. Emanuele 16 luglio 2010
  5. eargento 5 gennaio 2011
  6. Edi82 Edi82 25 dicembre 2009
  7. Emanuele 3 novembre 2010
  8. dabotronic 4 novembre 2010
  9. Robby 4 novembre 2010
  10. Anaconda 4 novembre 2010
  11. Elektrik Girl 17 novembre 2010
  12. Rob 17 novembre 2010

Leave a Reply