Home
Accesso / Registrazione
 di 

OLED liquido offre più possibilità per l'emissione di luce

OLED liquido offre più possibilità per l'emissione di luce

La tecnologia dei diodi organici ad emissione di luce (organic light-emitting diodes - OLEDs) ha tanti vantaggi e per questo gli scienziati continuano ad esplorarla. Recentemente i ricercatori hanno fabbricato un "OLED liquido" - un OLED che utilizza uno strato di liquido semiconduttore per trasportare la carica.

Gli scienziati, Denghui Xu e Chihaya Adachi del "Center for Future Chemistry" in Giappone hanno riferito sull'OLED liquido in un recente rilascio della rivista "Applied Physics Letters". Come spiegato, il nuovo progetto è basato su uno strato di emissione di liquido, e potrebbe essere utilizzato nei display flessibili e altre applicazioni dell'elettronica organica.

Di solito, i display OLED utilizzano delle pellicole allo stato solido che emanano luce quando una corrente elettrica viene applicata. Un notevole vantaggio dei display OLED, rispetto ai tradizionali LCD è che gli OLEDs non richiedono una retroilluminazione. Per questo motivo, gli OLEDs sono molto sottili e flessibili (addirittura pieghevoli) e richiedono minori quantità di energia per funzionare.

Il nuovo OLED liquido potrebbe avere gli stessi benefici, ma utilizzando un semiconduttore organico liquido al posto delle pellicole allo stato solido. Come Xu e Adachi hanno spiegato, il dispositivo utilizza EHCz (carbazolo di etilesil) come strato di liquido semiconduttore. Gli scienziati hanno miscelato EHCz con rubrene solido, che ha un'elevata efficienza di fotoluminescenza. Poi con questa miscela hanno preparato un substrato posizionato tra l'anodo e il catodo che a loro volta sono stati inseriti tra il vetro. Quando hanno testato il dispositivo, gli scienziati hanno osservato l'elettroluminescenza da rubrene ad occhio nudo. Siccome l'EHCz prevede il trasporto allo stato fisico (HTL) e il rubrene il trasporto degli elettroni e le funzioni di emissione, la combinazione porta all'elettroluminescenza.

Sebbene l'efficienza dell'elettroluminescenza è ancora bassa, si può migliorare ottimizzando sia i parametri del dispositivo che i semiconduttori organici.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 31 utenti e 82 visitatori collegati.

Ultimi Commenti