Home
Accesso / Registrazione
 di 

OLPC e Internet Archive insieme per aiutare i più poveri

OLPC  Internet Archive

L'amministratore dell'organizzazione no-profit "One Laptop Per Child" (OLPC) Nicholas Negroponte ha annunciato lo sviluppo di una versione per processori ARM del suo notebook XO v. 1.75 e la nuova release 3.0 per il 2012.

Nello stesso tempo, un'altra organizzazione non-profit: Internet Archive, metterà a disposizione 1.6 milioni di E-book per gli utenti di OLPC.

Dopo un anno difficile sotto il punto di vista di licenziamenti e ridimensionamenti di personale dovuto alla perdita degli sponsor, OLPC si è data molto da fare per far conoscere al mondo il suo laptop a basso costo creato per ragazzi di paesi in via di sviluppo.

Ed il lavoro sembra che inizi a far vedere i suoi frutti. E' infatti di due settimane fa l'annuncio dell'  Internet Archive di rendere disponibili per gli utenti XO 1.6 milioni di e-book che hanno già raggiunto la scadenza del diritto d'autore.

Inoltre questa settimana la rivista Xonomy ha intervistato Negroponte, fondatore e direttore di OLPC ed ha scoperto che una versione di XO verrà rilasciata su processore ARM già a partire del prossimo marzo.

Secondo Negroponte ARM ha le capacità per essere integrato nel progetto XO-2 (foto) che è stato presentato a settembre, ma al momento la versione ARM 1.75 manterrà sempre la stessa linea, cambiando solo il processore.

Xo-2

OLPC - XO-2


Tutte le novità del laptop OLPC

La versione 2.0 del prodotto verrà saltata e si prevede la versione 3.0 in uscita per il 2012. la XO-3 sarà un "singolo foglio, completamente di plastica infrangibile e resistente all'acqua".
Il device, simile ad un e-reader includerà uno schermo a colori senza buchi. Consumerà un solo watt e si prevede  che costerà 75$, rompendo finalmente la barriera dei 100 dollari, sfida storica di OLPC.

 (ho tolto già)Un cambio di rotta era nell'aria.

Già nell'aprile di quest'anno OLPC annunciò una versione di XO-1 che utilizzava una CPU Via C7M processor a 1 GHz al posto della AMD Geode LX800 a 500MHz (entrambi di architettura INTEL). La versione 1.5 era provvista anche di 1 GB di ram DDR2 e una flash memory da 4 o 8 GB

Le altre novità riguardanti OLPC arrivano da Sugar Labs, società che si occupa del software di OLPC, che ha realizzato e pubblicato una versione LiveUSB della sua distribuzione per XO.
Non molto tempo dopo però Negroponte ha annunciato un accordo con Microsoft per una versione di Windows per XO.

Quando è stato chiesto a Negroponte, da Xconomy, cosa pensasse di Sugar Labs, egli rispose: <<Sugar Labs sta facendo quello che avremmo dovuto fare  noi per prima cosa, facendo [di Sugar] un'applicazione e non un sistema operativo>>.

Quest'ultimo ha anche dichiarato che OLPC ha già fornito 1.1 milioni di laptop ed attualmente ha un arretrato che va dalle 400.000 alle 700.000 unità.
Prima ancora della donazione di Internet Archive l'organizzazione ha reso disponibile più di un milione di e-book per i bambini di 31 paesi.

Secondo Xonomy, Negroponte ha anche affermato che in Ruanda esiste un centro di apprendimento di OLPC durante il mese di giugno e che il gruppo si concentra nel compito (piuttosto difficile) di fa conoscere il netbook in Afghanistan e Pakistan.
Ha inoltre osservato che la partnership con l'International Telecommunication Union (ITU) per contribuire a distribuire il netbook XO e fornire connettività Internet wireless per gli utenti XO è ancora attiva, ma procede molto lentamente.

OLPC non ha ancora detto quando sarà disponibile il nuovo netbook basato su ARM.

Quello che sappiamo è che la versione 3.0 di OLPC non uscirà prima del 2012.

L'intervista di  Xconomy con Negroponte può essere trovata a questo link.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 5 utenti e 86 visitatori collegati.

Ultimi Commenti