Home
Accesso / Registrazione
 di 

Oracle presenta l'Unbreakable Enterprise Kernel

Unbreakable Enterprise Kernel è basato su Linux e ottimizzato per il software e l’hardware Oracle

Oracle ha annunciato la disponibilità del suo nuovo Unbreakable Enterprise Kernel, basato su Linux e ottimizzato per il software e l’hardware Oracle, nato dall’esperienza di Oracle con il suo Oracle Unbreakable Linux. La novità dell’Unbreakable Enterprise Kernel è stata annunciata all’OpenWorld 2010 e segna un momento importante per il rapporto tra Oracle e Linux.

Una promessa chiamata Unbreakable Enterprise Kernel

Unbreakable Enterprise Kernel è il frutto della promessa alla base dell'acquisizione di Sun Microsystems da parte di Oracle: sviluppare un gran numero di hardware e software integrati. E’ una promessa che Oracle ripropone questa settimana nella sua conferenza OpenWorld 2010 con una serie di soluzioni integrate hardware software.

Oracle ha annunciato un nuovo sistema operativo con Unbreakable Enterprise Kernel, una preview del suo Solaris 11 con sistema operativo Unix, i nuovi processori SPARC e nuovi sistemi hardware. Tra i nuovi sistemi chiave il gigante database svelato è la soluzione Exalogic Elastic Cloud, destinato a fornire una nuova cloud-in-a-box.

"Stiamo lavorando sull'intero materiale per andare a costruire la capacità di fornire quel tipo di ambiente cloud virtuale", ha detto John Fowler, Executive Vice President della divisione sistemi di Oracle, durante la sessione del suo discorso a OpenWorld. "Il motivo per cui lo stiamo facendo è di creare una brutale efficienza. Si tratta del costo effettivo con cui è possibile mantenere l'infrastruttura, con quanto è possibile ottenere le prestazioni, la disponibilità superiore e la sicurezza".

La soluzione Exalogic Elastic Cloud si basa su database machines boxes Exadata di Oracle, che funzionano su processori Intel. Il nuovo presidente di Oracle, Mark Hurd, ex amministratore delegato di HP, ha annunciato il nuovo Exadata X2-8 con un breve commento durante il suo discorso. Hurd ha osservato che Exadata X2-8 è un "beefier", cioè una macchina che trasporta fino a 128 core di processore Intel e 2 TB di memoria.

"Mentre le macchine Exadata utilizzano processori Intel, Oracle sta ancora andando avanti con lo sviluppo dei suoi processori SPARC. Quando avremo il controllo della progettazione di microprocessori, saremo in grado di integrarli con il software per un sistema migliore", ha detto Fowler. A tal fine, Fowler ha annunciato i nuovi processori SPARC T3, chip 16 core che integrano connettività Ethernet a 10 Gigabit con parte del silicio.

Fowler ha anche usato il suo discorso come un'opportunità per fornire un aggiornamento sullo stato del nuovo Solaris 11 del sistema operativo Unix. Fowler prima ha parlato dei piani di Oracle per Solaris 11, descrivendo un grande incremento in termini di scalabilità, disponibilità e prestazioni. Fowler ha spiegato che Solaris 11 è l'introduzione di una nuova architettura per i meccanismi di aggiornamento per il sistema operativo. L'obiettivo è quello di ridurre il numero di riavvii che interrompono la disponibilità del sistema. Mentre Oracle sta spingendo in avanti per lo sviluppo di Solaris, ma non viene lasciato indietro Linux.

Unbreakable Enterprise Kernel come evoluzione dei kernel precedenti

Oracle sta sviluppando il kernel Linux chiamato Unbreakable Enterprise Kernel. Oracle Enterprise Linux ha debuttato all’OpenWorld 2006 come copia di Red Hat Enterprise Linux di Oracle che è compatibile anche con Red Hat. Con il nuovo kernel, Oracle mira a differenziarsi da offerta Red Hat, anche se l'obiettivo è quello di migliorare le prestazioni, pur avendo la compatibilità delle applicazioni con Red Hat.

Edward Screven, capo architetto aziendale di Oracle, ha detto che Oracle ha dovuto attendere per Red Hat per vedere i bug e ottimizzazioni delle prestazioni che presentino appaiono nel kernel di Red Hat Enterprise Linux. Egli ha aggiunto che con il nuovo Unbreakable Enterprise Kernel ci saranno miglioramenti delle prestazioni per l'hardware e il software Oracle funzionerà più velocemente, rendendo il kernel di Oracle Linux più veloce dello standard del kernel di Red Hat.

Screven ha sottolineato che Oracle non si separerà da Linux e manterrà la compatibilità con Red Hat Enterprise Linux 5. Screven ha anche affrontato la questione del perché Oracle continuerà a sviluppare Linux e Solaris. "I due sistemi operativi più utilizzati dai clienti Oracle sono Solaris e Linux", ha detto Screven. "Ha senso per noi lavorare a entrambi per dare ai nostri clienti la migliore esperienza possibile".

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Massimo64

Oracle dovrebbe solo

Oracle dovrebbe solo vergognarsi a parlare di Red Hat. Sono un'azienda veramente squallida

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Ultimi Commenti