Home
Accesso / Registrazione
 di 

PC radio interlink - 3

PC radio interlink

L’INTERFACCIA SERIALE RS232 Applicando quanto detto allo schema elettrico di queste pagine vediamo subito come funziona il circuito: la porta seriale, ovvero il connettore DB25 a cui si collega il cavo in arrivo dalla seriale del computer, ha il piedino 2 collegato all’ingresso RS232 dell’integrato U1 (MAX232 della Maxim) il convertitore RS232-C/TTL, che dal proprio pin 12 restituisce il segnale convertito in formato 0/5V inviato dal PC; al contatto 3 del connettore è invece collegata l’uscita della sezione RS232, che riceve il segnale dall’RTFSAW tramite l’ingresso TTL pin 10/11 e lo manda in formato RS232-C al computer.

Si noti che la numerazione dei piedini del connettore seriale è riferita all’ordine del PC, ovvero ciascuno indica il rispettivo segnale del connettore sul computer: infatti questi è il DTE (Data Terminal Equipment) mentre il nostro dispositivo è un DCE (Data Communication Equipment) ed il suo collegamento è punto a punto con la connessione del DTE, ovvero è diretto.

Notate il particolare accorgimento che permette, quando il computer non abbia particolari problemi, di fare a meno dell’alimentazione esterna prelevandola dalla porta seriale: tramite i diodi D1, D2 e D3, posti il primo sulle linee DSR (Data Set Ready, pin 6) CD (Carrier Detect, pin 8) e DTR (Data Terminal Ready, piedino 20) e gli altri due rispettivamente su RTS (Request To Send, pin 4) e CTS (pin 5, Clear To Send) e sul TXD (canale dati in trasmissione) vengono usati i dati che vi circolano per caricare il condensatore di livellamento C2 in modo da ottenere più o meno 5 volt in continua, filtrati bene da C1.

E’ bene far notare che non tutti i computer dispongono di una porta in grado di erogare la corrente necessaria; in questi casi bisogna ricorrere ad un’alimentazione esterna di 5 volt stabilizzati (la corrente è modesta: poco più di 10 milliampère) da applicare con il positivo al punto +5V ed il negativo a massa. Il ponticello J1 permette di selezionare l’alimentazione del circuito, e va realizzato solamente quando si voglia optare per il prelievo dalla seriale del PC; usando l’alimentatore esterno non va inserito, ovvero deve stare aperto. I diodi D1, D2 e D3 permettono in ogni caso di prelevare gli impulsi sui rispettivi piedini senza che gli stessi interagiscano tra loro, ed evitando che i dati di uno si chiudano sugli altri; i piedini 4 e 5 sono invece uniti tra loro perché non gestendo RTS e CTS vanno cortocircuitati.

Lo stesso vale per DSR, DTR e CD, che sul DCE (il nostro dispositivo) vanno collegati insieme. Notate anche che il MAX232 ricava internamente circa 8÷10 volt sia positivi che negativi che gli servono per generare sul lato di trasmissione RS232-C le tensioni richieste: il tutto avviene partendo dai 5V di alimentazione sfruttando un circuito a carica di capacità che richiede i condensatori esterni C4, C5, e C7; per questa ragione è in grado di erogare correnti molto basse, dell’ordine di qualche milliampère.

L’antenna ricetrasmittente di ogni interfaccia è collegata al piedino 2 dell’ibrido U3, ed è costituita da uno spezzone di filo di rame lungo 17 cm oppure da uno stilo della stessa lunghezza; può anche essere un’antenna caricata per avere maggior portata utile. L’uscita dati dell’RTF-SAW è collegata mediante una porta logica NAND usata come inverter all’ingresso della prima sezione di conversione TTL/RS232 dell’U1, che ne trasforma i livelli in modo da renderli compatibili con quelli della seriale del computer, uscenti dal piedino 14 e mandati al pin 3 del connettore.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di jumpjack

problemi di ricezione

Ho realizzato un circuito utilizzando questo ricetrasmettitore, accoppiato con un altro uguale, e riesco a far comunicare tra loro due schede arduino.
Pero' la trasmissione è disturbatissima: monitorando con un oscilloscopio il piedino di uscita RX, vedo una presenza continua di un rumore fatto di impulsi della stessa ampiezza dei segnali ricevuti, anche quando il trasmettitore è spento.
Da cosa puo' dipendere?
Ho collegato, del ricevitore, solo massa, Vcc e GND, senza componenti aggiuntivi, perche' Vcc è già stabilizzato a 5 V dalla Arduino: i condensatori devo metterli comunque? Risolverebbero il problema?

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 29 visitatori collegati.

Ultimi Commenti