Perché conviene consultare i datasheet

Quando una persona deve prendere le medicine, il primo pensiero è quello di leggere il "bugiardino" ovvero quel piccolo foglietto stampato che si trova all'interno della scatola e che illustra la composizione del farmaco, le caratteristiche, le modalità d'uso e le avvertenze. Il progettista elettronico dovrebbe fare la stessa cosa, consultando i datasheet. Vediamone il perché.

Il datasheet è la documentazione completa di un componente elettronico, solitamente scritta in lingua inglese e distribuita in formato PDF. La sua consultazione è fondamentale, quando si decide di realizzare un progetto. Consultando un datasheet si ha la garanzia di lavorare e di procedere nel modo giusto e corretto, poiché le informazioni stampate sono fornite direttamente dalla azienda che ha prodotto il componente. Quali informazioni troviamo nel prezioso documento?

  • Il nome del produttore;
  • Il nome e la sigla del componente;
  • La descrizione generale;
  • Il pinout e la forma del contenitore;
  • I valori massimi e minimi entro cui il componente deve lavorare (Absolute maximum ratings);
  • Varie caratteristiche elettriche;
  • Tanti test e grafici di diversi parametri in vari domìni;
  • Le misure del package, con la precisione, a volte, anche del decimo o del centesimo di millimetro;
  • Altre informazioni.

I programmatori che utilizzano i microcontrollori, a volte, consultano la Rete alla disperata ricerca delle porte di I/O di un determinato tipo di MCU oppure vogliono le precise temporizzazioni per implementare il protocollo SPI in un circuito di comunicazione bilaterale, per esempio. Si, è giusto cercare informazioni su Internet ma è ancor più corretto documentarsi sul datasheet del componente. Specialmente in questa tipologia di componenti elettronici, è presente, non solo la parte hardware del dispositivo, ma anche tutta la documentazione che riguarda la programmazione e le caratteristiche software del micro.

Parlando, ad esempio, di un qualsiasi microcontrollore possiamo trovare e reperire una grande quantità di preziose informazioni. Le tensioni di alimentazioni dei vari pin e delle porte non saranno più un segreto per noi. Scopriremo tutte le funzionalità e le capacità del componente elettronico, che tipologie di protocolli supporta (SPI, Seriale, UART, I2C), eccetera. In questo modo eviteremo di sbagliare e distruggerlo.

Un datasheet è una fonte inesauribile di informazioni.

Inoltre, in un microcontrollore, i vari pin, si sa, assumono diverse funzionalità e finalità di impiego. Essi possono diventare, magicamente, porte digitali, porte analogiche, erogatori di segnale PWM ma anche linee di servizio per le comunicazioni dati di vario tipo. E il primo aiuto per il collegamento elettrico, la temporizzazione e la programmazione arriva proprio dal datasheet.

Nella programmazione dei PIC, ad esempio, ho trovato le soluzioni immediate ai problemi di localizzazione dei terminali e di implementazione dei protocolli e dei sistemi di comunicazione, con tante indispensabili notizie su temporizzazioni, livelli di tensione, ecc. Insomma, una vera miniera d'oro.

E allora, i maker, gli hobbisti, gli studenti, i progettisti e i professionisti, prima di cercare aiuto su Internet, prima di chiedere insistentemente informazioni ad amici e colleghi, prima di "postare" domande sui forum specializzati, si soffermino un po' su questo prezioso e grandioso documento delle caratteristiche. Consultiamo, dunque, i datasheet.

 

Una risposta

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio Di Paolo Emilio 16 maggio 2017

Scrivi un commento

ESPertino è la nuova scheda per IoT compatibile ARDUINO.
Scopri come averla GRATIS!