Philips, lampada a LED a 12 watt e LivingAmbience

philips lampada

La società lancia sul mercato le lampade a 12 watt a LED che andranno in sostituzione alle classiche lampade a bulbo.

Una normale lampada a bulbo da 60 watt sarà sostituita da una lampada a LED a 12 watt per il risparmio energetico, ma anche sulla bolletta della luce, banale, ma forse non troppo! La Philips, attraverso le parole di Rudy Proovost, fa sapere che l’azienda è orientata al futuro e a dare agli utilizzatori prodotti sempre all’avanguardia per migliorare lo stile di vita e l’efficienza dei sistemi di illuminazione e secondo loro le luci a LED hanno un grande potenziale, sia funzionale che creativo.

Questa lampada sarà introdotta nel 2010 inizialmente per uso professionale ed è completamente in linea con le normative stabilite dalla Comunità Europea con un risparmio di energia fino all’80% con una durata di ogni singola lampada di 25,000 ore. Collegato a queste c’è il concetto introdotto dalla società del LivingAmbiance, un sistema integrato di controllo remoto delle luci dell’appartamento attraverso la tecnologia wireless. A questo sistema di LivingAmbiance si possono associare le LivingColors, lampade a LED che danno la possibilità di scegliere, tramite il tatto, tra migliaia di colori.

Le LivingColors hanno una gamma di sedici milioni di luci tra colori e varie tonalità di bianco dando all’utilizzatore l’opportunità di scegliere in base al momento della sua giornata, oppure perché no, in base all’umore, con quale colore illuminare casa. Per quanto riguarda l’illuminazione interna Philips ha creato tre nuove tipologie di prodotto che possono essere utilizzate dagli architetti e per qualsiasi design scelto, sono: Ledino, Arcitone e Lirio.

Hanno forme molto più artistiche e si inseriscono bene nel design di appartamenti e case di ogni tipo, materiali, forme e finiture sono combinate tra loro per rendere al meglio, perché una casa deve essere assolutamente in linea con il carattere di chi la abita, ma anche funzionale e con le moderne tecnologie non è difficile.

One Response

  1. t30 14 giugno 2011

Leave a Reply