Home
Accesso / Registrazione
 di 

Posta elettronica certificata: presto novità per tutti

posta_elettronica_cetificata

La posta elettronica certificata sarà un beneficio di tutti i cittadini italiani, lo assicura il ministro della pubblica amministrazione e Innovazione Renato Brunetta: sarà un servizio gratuito con il quale i cittadini potranno comunicare con una linea diretta, con le istituzioni. Sicuri, dunque, di effettuare una raccomandata di ricevuta di ritorno semplicemente spedendo una e-mail. Ma prima di addentrarci nella spiegazione tecnica di cosa è la posta elettronica certificata, lasciatemi un inciso sulle ultime direttive ministeriali.

Posta elettronica certificata. Dunque, si cambia


Dunque si cambia, o meglio si inizia: ora tutti i cittadini potranno avere un account di posta elettronica certificata che andrà a sostituire la raccomandata di ricevuta di ritorno. Si potrà dunque richiedere un account

Il ministro Brunetta ha inoltre ricordato a tutti gli ordini professionali che non sono ancora allenati con il nuovo progetto, a mettersi in regola: creare un account di posta elettronica certificata e comunicarlo al proprio ordine. Non sono molti i professionisti che hanno adempito a questo compito, ancora molti quelli che devono aprire un nuovo account dedicato a questo innovativo progetto.

A chi servirà la posta elettronica certificata

La posta elettronica certificata sarà a disposizione di chi ne farà richiesta entro febbraio: questa l'idea del ministro: un nuovo strumento amministrativo per snellire i procedimenti di comunicazione tra i cittadini e gli enti pubblici. Non si tratta di un'innovazione: è disponibile ormai da tempo ed è divenuta obbligatoria per i professionisti.

La posta elettronica certificata è uno strumento che permette di dare ad un messaggio di posta elettronica, lo stesso valore legale di una raccomandata con avviso di ricezione tradizionale. La posta elettronica certificata aggiunge la certificazione del contenuto del messaggio sole se in combinazione con un certificato digitale.

La posta elettronica certificata non è una certificazione dell'identità del mittente, nè trasforma il contenuto scritto in un documento informatico, se il mittente omette di usare la propria firma digitale.

Che cosa è la posta elettronica certificata

Ma vediamo nei particolari come funziona il nuovo servizio di posta elettronica certificata: quando si invia una di queste e-mail certificate, il gestore del servizio del mittente invia a sè una ricevuta che costituirà valore legale dell'avvenuta o mancata, trasmissione del messaggio. Tutto questo con una precisa indicazione temporale del momento esatto in cui la e-mail di posta elettronica certificata viene inviata. Allo stesso modo, il gestore del destinatario, dopo aver depositato il messaggio certificato nella casella del destinatario, fornirà al mittente una ricevuta che attesterà l'avvenuta, o mancata, ricezione del messaggio.

In caso di smarrimento delle ricevute presenti, rimarrà una traccia informatica, con lo stesso valore legale, riguardo alla avvenuta, o mancata, ricezione, per un periodo di trenta mesi, secondo quanto previsto da norme precise già stipulate.

Ma quali sono i vantaggi di questa innovazione? Innanzitutto una serie di vantaggi rispetto alla raccomandata con ricevuta di ritorno tradizionale.
Potrà assere inviato, ad esempio, ogni tipo di documento digitale tramite la casella di posta elettronica certificata, e i messaggi potranno essere letti e gestiti da qualsiasi computer connesso alla rete internet.

Ci sarà una certificazione degli allegati del messaggio, nel caso ce ne siano.
Le ricevute di consegna, infine, hanno validità legale per un perido prefissato stabilito in trenta mesi.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 4 utenti e 53 visitatori collegati.

Ultimi Commenti