Home
Accesso / Registrazione
 di 

Preamplificatore stereo hi-fi 4/4

Preamplificatore stereo hi-fi

Il preamplificatore stereo hi-fi che deve interfacciare la testina del giradischi deve quindi amplficare ed equalizzare la curva di risposta in frequenza della testina; l’equalizzazione è standard e segue le prescrizioni R.I.A.A. (Record Industry Association of America). L’amplificazione invece è selezionabile tra due valori: circa 60 ad 1 KHz per il solo doppio operazionale (che viene usato per le testine MM, ovvero a magnete mobile) e circa 500, sempre ad 1 KHz, per il doppio operazionale e lo stadio preamplificatore per testine MC (Moving Coil, ovvero bobina mobile).

In pratica, per poter impiegare entrambi i tipi di testina magnetica senza realizzare due distinti preamplificatori equalizzati, abbiamo disposto il deviatore S2 agli ingressi dell’equalizzatore R.I.A.A. vero e proprio.

Questo deviatore permette di prelevare i segnali dagli ingressi MM quando si deve amplificare il segnale di un giradischi con testina a magnete mobile, mentre usando una testina a bobina mobile (collegata quindi agli ingressi PHONO MC) consente di prelevare il segnale stereo direttamente dalle uscite dei preamplificatori facenti capo a T3 e T4. Questi ultimi sono semplici amplificatori che impiegano i soliti 2N2484 (transistor low-noise utili più che mai in questa applicazione) connessi a base comune; questa configurazione consente un’ottima stabilità e una bassa impedenza d’ingresso, ben gradita dalle testine a bobina mobile.

REALIZZAZIONE PRATICA

E andiamo alla fase forse più interessante di questo articolo: la realizzazione del preamplificatore. Il circuito, lo sapete, è inevitabilmente un po’ complesso, tuttavia seguendo le nostre istruzioni ed i disegni non vi sarà difficile portare a termine con successo il montaggio.

La prima cosa da fare se volete realizzare il circuito è preparare lo stampato; allo scopo pubblichiamo in scala reale la relativa traccia lato rame. Trattandosi di una basetta piuttosto complessa suggeriamo di realizzarla senza alcun dubbio mediante fotoincisione, dopo aver ricavato la pellicola fotocopiando molto bene il nostro master.

Inciso e forato il circuito stampato, prima di procedere al montaggio dei componenti veri e propri consigliamo di realizzare tutti i necessari ponticelli con spezzoni di filo di rame nudo del diametro di 0,4÷0,8 millimetri: sono in tutto 8; non dimenticatene alcuno, altrimenti il preamplificatore non funzionerà come si deve. Sistemati i ponticelli si può partire con il montaggio, disponendo e saldando per primi diodi e resistenze; è poi la volta dello zoccolino (a 4+4 piedini) per il doppio operazionale. In seguito si possono montare i transistor ed i condensatori (prima quelli non polarizzati) quindi il ponte a diodi e i due regolatori di tensione.

Fate molta attenzione agli elettrolitici, ai transistor, ai diodi, e agli integrati: hanno tutti un verso d’inserimento e non rispettarlo significa inevitabilmente andare incontro a problemi anche seri che si concretizzano in malfunzionamenti più o meno gravi del preamplificatore. Raccomandiamo perciò di non perdere d’occhio, durante il montaggio, la disposizione dei componenti, poiché illustra in maniera inequivocabile la disposizione di tutte le parti; se non fosse sufficientemente comprensibile avete lo schema elettrico, che è il riferimento migliore per chiarire qualsiasi dubbio.

I potenziometri, i doppi deviatori a levetta (devono essere del tipo per circuito stampato, con terminali a 90 gradi) e i doppi attacchi RCA verticali vanno montati per ultimi; il commutatore per la selezione degli ingressi va montato all’esterno del circuito stampato, collegandolo alle rispettive piazzole con 8 corti spezzoni di filo elettrico. Una volta terminato il montaggio e verificatane l’esattezza, il preamplificatore è pronto all’uso, poiché non richiede alcuna operazione di taratura.

PER L’ASSEMBLAGGIO

Concluso il montaggio, il preamplificatore va racchiuso in una scatola, possibilmente di acciaio o ferro dolce, collegandovi la massa in un solo punto; per evitare disturbi provocati da probabili giri di massa, i connettori di ingresso non devono essere in contatto elettrico con il contenitore. Quindi nella parte posteriore è bene prevedere un certo isolamento, o ricavare una finestra di dimensioni tali da far uscire i suddetti connettori senza che il loro metallo tocchi quello della scatola.

Quanto al trasformatore di alimentazione, disponetelo in un angolino ben distante dal circuito stampato, e comunque dal lato dell’alimentatore; magari racchiudetelo a sua volta in una scatoletta metallica forata (per un minimo di aerazione...) collegata elettricamente a massa, che farà da ulteriore schermo. Usando una scatola metallica dovrete fare attenzione a non mettere in cortocircuito alcune parti dello stampato o, peggio, i collegamenti dell’alta tensione che raggiunge il primario del trasformatore di alimentazione. Allo scopo sollevate lo stampato con delle colonnine poste nei fori di fissaggio (sono in tutto cinque) e isolate adeguatamente i cavi di rete.

Il kit è disponibile da Futura Elettronica

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Valerio Di Marino

Kit o Elenco completo componenti

Salve, sono interessato a realizzare questo preamplificatore: sapete dirmi se è possibile acquistare un kit o avere un elenco completo dei componenti?

Disponibile il circuito stampato ?

Grazie
Valerio

ritratto di Valerio di marino

Preamplificatore

Grazie Emanuele, ho visto i link che mi segnali, ma l'elenco dei componenti presente non e' completo.
Ho chesto ance al produttore...
Ti sei per caso imbattuto in qualche circiuto simile?
Grazie

ritratto di Emanuele

Preamplificatore

Ciao Valerio,
dove stai trovando difficoltà con la part list?

ritratto di Valerio di marino

Preamplificatore

Ciao Emanuele,
A pag. 3 se non erro l'elenco dei componenti presente termina con un "segue".. Non c'e' lelenco completo.
Grazie

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 3 utenti e 52 visitatori collegati.

Ultimi Commenti