Home
Accesso / Registrazione
 di 

Rassegna sugli oscilloscopi Rigol DS1052E

Rassegna sugli oscilloscopi Rigol DS1052E

Salve, mi chiamo Dave Jones. Stavo parlando con un mio collega ieri l'altro e stavamo discutendo sui video blog e su tutta quella roba online. E lui ha detto: perchè non c'è un blog per ingegneri come noi? Ebbene, io conoscevo blog e altri cose come quelle, cose interessanti. Ma, ho dato un'occhiata e non ci sono video blog o cose simili che si possano guardare ogni settimana. Così lui mi ha suggerito: “perchè non ne fai uno?”. Realizzare un video blog sull'ingegneria? Io ho pensato: perchè no?

 
Potrei parlare di libri che interessano agli ingegneri elettronici. Così, il primo libro di cui parlerò è iWoz di Steve Wozniak. Ora, se non sapete chi è Steve Wozniak, mi chiedo perchè stiate guardando questo video blog. Il libro non è altro che la sua autobiografia, in cui parla di come è iniziata l'avventura della Apple, ovviamente, e di come è nato il primo Apple I e l'Apple II e di tutti quegli scherzi che era solito fare e via dicendo, ma vi sono anche moltissime informazioni circa il suo metodo di progettazione. Il suo metodo – o meglio i suoi metodi – di minimizzazione dei circuiti ed questo libro è veramente un'ottima lettura. Esiste anche una versione audio di questo libro, versione che purtroppo non è letta direttamente da Steve Stesso. (Personalmente preferisco gli audiolibri letti direttamente dagli autori originali, ma comunque vi raccomando questo libro, quindi comprate iWoz!).
 
Ad oggi, la tendenza sui chip è la tecnologia cosiddetta lineare LT 3085, tendenza pubblicizzata come la possibilità di ridurre la tensione di regolazione di 500 milliampere. Niente di particolare, in verità. Ma ha anche altre due caratteristiche interessanti. La prima è che la tensione “upper” è impostata tramite una singola resistenza che è veramente utile per diminuire il numero di parti e dispositivi in un circuito. Meglio quindi del classico approccio. Ma, in secondo luogo la tensione di output può andare a zero, cosa che è veramente inusuale (ma molto importante). Non vi sono molti regolatori di tensione sul mercato che possono andare a zero Volt e questa cosa è molto utile e pratica per varie applicazioni. Il metodo di funzionamento è diverso rispetto a quello classico di un regolatore di tensione tradizionale. Questo qui, è veramente molto semplice. Ed è un dispositivo pratico. Quindi, verificatene le caratteristiche: la tecnologia lineare LT3085.

Mi sono imbattuto in un concetto molto interessante di recente. Si chiama “hacker spaces”. In breve, quello che un hacker space è è una lampada “hardware”, dove ingegneri, hackers, nerds geeks e così via si trovano per lavorare sui loro interessanti progetti. Li costruiscono, assemblano cose e un sacco di altre cose in cui si può essere coinvolti. Ma in fondo se vi unirete all'hacker space vi presenterete al gruppo, userete le loro strutture e servizi e vi associerete con tutte quelle altre persone lì e sembra proprio una bella cosa. Gli hacker space stanno nascendo e instaurandosi in tutto il mondo, ma ve ne sono un mucchio soprattutto negli stati uniti e in europa. Ve ne sono un paio che si stanno formando in varie città dell'australia. Sembra proprio una cosa interessante, quindi verificate su hackerspaces.org
 
Ci sono ultime notizie da Atmel che ha realizzato la gamma AVR di microcontrollori e la grande notizia è che sta per arrivare la nuova famiglia di piccoli microcontrollori 80 tiny AVR, che funzioneranno sotto gli 0,7 volt e questo è proprio fantastico. Significa che potremo far funzionare un'applicazione a partire da una sola batteria, una sola batteria alcalina di tipo AA. E sembra anche che saranno ottimi microcontrollori, ottima notizia. Atmel ha messo a punto una nuova tecnologia che permette ai microcontrollori di funzionare anche sotto gli 0,7 volt di alimentazione. Ma per ora sappiamo solo che questi nuovi AVR 80 tiny sono dei normali microcontrollori costruiti con un convertitore boost. Quindi avremo bisogno comunque di una serie di parti e componentistica esterna. Avremo bisogno di un induttore, di un diodo e mi chiedo se in effetti sia pratico per alcune persone di diminuire il numero di componenti nelle loro applicazioni. Ma in realtà, sulla notizia c'è un po' di confusione. Quindi, diciamo che è un buon tentativo ma anche un'operazione di marketing.
 
Un'altra grande notizia di questa settimana riguarda il CSIRO, la compagnia dell'Australia research Commonwealth, la quale ha appena vinto una causa contro la Hewlett Packard. Hewlett Packard è arrivata ad un accordo extragiudiziale (penso) e in sintesi sembra che Hewlett Packard – fra tanti altri costruttori – stia infrangendo i brevetti CSIRO per il Wi-Fi. Non molte persone sanno che è stato CSIRO a sviluppare il Wi-Fi, lo standard 802.11 o almeno quello che ha portato allo standard 802.11. CSIRO sta facendo causa a destra e sinistra a tutti quelli che – a loro dire – hanno violato i loro brevetti e sembra che stiano vincendo: hanno battuto Hewlett Packard. Così mi chiedo: tutte le altre compagnie che stanno realizzando o che hanno commercializzato dispositivi 802.11 compliant dovranno pagare anche loro le royalties volontariamente? Altrimenti anche loro dovrebbero andare per vie legali.
 
E adesso ecco una rassegna di dispositivi: oggi parlerò della serie Rigol 1000 E. E' una seria abbastanza nuova, da non confondere con la 1000 B o altre serie 1000 A. perchè sono completamente diverse. Quindi attenzione a non fare confusione. C'è il dispositivo DS1052 E, la versione a 50 Mhz. E' l'entry level ed è veramente a basso costo. Incredibilmente a basso costo. Ne ho acquistato uno a 679 dollari australiani, consegna compresa. Per gli Yankee, sono meno di 500 dollari. Interessante no? Sono oscilloscopi economici ma sono veramente di elevata qualità, dai pulsanti allo schermo. Lo schermo è molto buono, è un 320x240 VGA che è piuttosto standard in questa fascia di prezzo. Inoltre ha buoni LED di retroilluminazione, quasi troppo, veramente un passo in avanti rispetto alle serie precedenti. Inoltre, un'altra cosa importante è che si può trasportare e poi bloccare dove preferisci. Esistono dispositivi che hanno piedini che possono essere estratti e messi in posizione come questo? Ha anche un host USB. Molto importante. Permette inoltre di effettuare il plug con una memory stick, realizzare delle catture di schermo e ci mette solo pochi secondi per avvirasi. Mi chiedo se l'aspetto più noioso è che ad oggi questo dispositivo ha un fan. Non è eccessivamente alto ma non è una fan unit come quella del TVS 210. Ad oggi è grande. I punto vendita ha una memoria di un Mg e un campionamento di 1 gig per secondo.

Campionamento. Proprio ora uno dei primi produttori asiatici garantisce una frequenza doppia, un campionamento di 1 Gig per secondo e stanno utilizzando questa unità che va abbastanza bene, il firmware è veramente stabile, come sempre per i progetti Rigol e la manifattura Agilent. E' utilizzato anche da HP e quello che va bene per HP va bene anche per me. Ecco quindi tutta la serie Rigol 1000 E. Questo è stato il mio primo video blog sull'ingegneria elettronica. Spero che ti sia piaciuto e mi piacerebbe avere un feedback. Adesso sono in cerca di un nome “fico” per questo video blog. Quindi, se hai una buona idea, fammi sapere. Grazie, ci vediamo la prossima volta, spero.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 8 utenti e 99 visitatori collegati.

Ultimi Commenti