Recensione della “Element14/Freescale XL_STAR” per Review4U

Princ

La partecipazione a Review4U mi ha dato la possibilitá di conoscere questa schedina di sviluppo. Qui descrivo il primo approccio con questo prodotto, uno sguardo generale ed esplorativo, indispensabile per inquadrarne caratteristiche e potenzialitá da sfruttare nella futura realizzazione di progetti con questa board :

La XL_STAR é una scheda di sviluppo nata dalla collaborazione di Element14 e Freescale.

Poco piú di 6 centimetri per 8 racchiudono un ambiente di sviluppo completo, flessibile e a basso costo. In una singola scheda sono infatti contenuti:

  • un Microcontrollore 8-bit, Freescale HCS08 MM128 MCU (128 Kb di Flash , 12 Kb di RAM, un processore configurabile oltre i 48 Mhz);
  • un accelerometro a tre assi Freescale MMA8451Q;
  • un debugger integrato gestito da un ulteriore microcontroller 8-bit, Freescale MC9S08JM60;
  • un caricabatterie per batterie a bottone agli ioni di litio;
  • due porte USB, una per applicativi ed una per il debugging.

La confezione é abbastanza completa: oltre alla scheda (insacchettata e ben protetta con della gomma piuma), contiene anche un cavetto USB per il collegamento al pc e debugging e il CD con CodeWarrior IDE, ambiente di sviluppo fornito dalla Freescale per la programmazione ed alcuni esempi.

Ad un primo sguardo la scheda appare compatta e pulita, colpisce subito una sorta di grosso asterisco a 7 punte formato da LED smd, sono collegati con l'accelerometro, permettono di verificare visivamente la reattivitá e la precisione del componente integrato sulla scheda.

Vediamo piú in dettaglio il layout della scheda: partendo da sinistra troviamo subito una porta USB, (é la porta preposta alle applicazioni USB, quella per il debugging si trova sul lato inferiore), un interruttore per l'attivazione dell'alimentazione da batteria (anch'essa posta sul lato inferiore), tre pulsanti in linea, una serie di LED smd che indicano le impostazioni selezionate con i pulsanti, il microcontrollore, l'accelerometro, due file da 32 contatti (alimentazioni, GPIO, ground) senza piedini.

L' accelerometro é il componente che puó essere testato immediatamente grazie al programma DEMO giá caricato in memoria. I tre pulsanti in linea visti prima servono proprio ad impostare la sensibilitá del componente, l'accuratezza (8-14bit) e la modalitá.

Le modalitá sono 5 cosí denominate:

  • Orientation: rileva e rappresenta con i led l'inclinazione della scheda;
  • Shake: muovendo la scheda in qualsiasi direzione i led indicano la direzione verso cui il movimento é iniziato;
  • Tap: in questo caso il device rileva gli urti, anche un minimo tocco sulla scheda causa l'accensione dei led che indicano non solo l'urto avvenuto ma anche la sua intensitá;
  • Freefal: é possibile provare a far cadere la scheda da qualche centimetro di altezza e verificare che essa rilevi l'accelerazione della caduta libera;
  • Transient: da uno stato di quiete la scheda rileva anche il minimo movimento;

Nelle prove l'accelerometro si é rivelato estremamente sensibile, preciso e reattivo, e devo dire che si presta a molteplici impieghi.

Il lato programmazione é forse, almeno dal mio punto di vista, la nota dolente del prodotto. Il software fornito, il “CodeWarrior IDE Special Editions” é un ambiente completo per lo sviluppo di codice (C e C++), debugging, compilazione, upload, direi un ottimo prodotto insomma. Purtroppo gira solo su Windows,  ho provato ad installarlo su Linux con l'aiuto di  Wine ma nulla da fare, proveró in futuro virtualizzando una copia di Windows.

La versione “Special Edition”, non necessita di licenza o registrazione, non ha limiti di tempo ma ha una limitazione in termini di dimensione del codice, 64KB, recentemente incrementati nell'ultima versione dai 32KB della versione precedente.

64KB non sono pochi, sicuramente coprono abbondantemente la maggior parte delle possibili applicazioni che possono essere scritte per la scheda ma, e qui mi inchino a chi sicuramente ne sa piú di me, ho alcuni dubbi che la dimensione cominci ad essere ristretta nel caso si voglia programmare in C++ e si faccia un serio uso di classi.

Freescale mette a disposizione anche un'estensione per Eclipse, ció permetterebbe di utilizzare la scheda anche sotto Linux, ma le restrizioni rimangono . Se si necessita di compilare codice piú pesante di 64KB si é costretti ad acquistare la licenza che, nella versione “Basic”, puó essere annuale o a tempo indeterminato, per un singolo pc o piú, per Windows o Linux; a seconda della configurazione scelta si va dai 195 a 995 Dollari USA.

Per chi volesse conoscere meglio CodeWarrior vi segnalo che anni fa Emanuele ne ha fatto una bella recensione che puó essere trovata qui.

In conclusione, La XL_STAR é un' ottima scheda di sviluppo, é versatile e offre molto; é distribuita in esclusiva da Farnell a 33,80€ + IVA, la batteria non é compresa nella confezione, ma si puó acquistare, sempre da Farnell a 4,70 + IVA. E' ovvio che se paragonata ad Arduino UNO non sembra certo a buon mercato, ma bisogna dire che effettivamente offre molto di piú, sia dal lato hardware che dal lato software, ampliando molto, rispetto ad Arduino, i campi di utilizzo.

Un saluto e alla prossima!

9 Comments

  1. Kbowser 7 giugno 2013
  2. alex272 8 giugno 2013
  3. Kbowser 8 giugno 2013
  4. alex272 9 giugno 2013
  5. Antonello 31 maggio 2013
  6. alex272 2 giugno 2013
  7. Piero Boccadoro 2 giugno 2013
  8. Piero Boccadoro 2 giugno 2013
  9. alex272 2 giugno 2013

Leave a Reply