Home
Accesso / Registrazione
 di 

Recensione NZXT Hades Case

NZXT: recensione del nuovo case Hades

NZXT ha lanciato in America nel mese di Dicembre 2009 il suo ultimo case mid-tower sempre per la serie Crafted (la stessa serie per intenderci di prodotti come Lexa S, Tempest EVO e Zero 2): il nuovo chassis per videogiochi si chiama Hades e dal 12 Febbraio sarà disponibile nei negozi anche in Italia al prezzo di 89.99 €, vediamo allora, dopo la presentazione della scheda tecnica del prodotto, di valutare se possa trattarsi o meno di un potenziale valido acquisto.

Ad un mese e mezzo dal lancio ufficiale il nuovo case Hades di NZXT fa il suo debutto in Europa.

Come si presenta il nuovo case Hades di NZXT

Partiamo allora da un’analisi degli elementi più evidenti esteriormente. La struttura del corpo centrale del case di dimensioni 200x430x501 mm pesa 6,95 kg e il telaio è completamente in acciaio nero. Su entrambe le superfici laterali ci sono delle piccole maglie di reti per garantire una corretta fuoriuscita d’aria: nel lato sinistro è inoltre presente una rete più grande con annessa ventola di 200 mm che, sfruttando pale da 190 mm ha in realtà la stessa potenza di alcune ventole da 230 mm.

La ventola di cui sopra usa un piccolo connettore a 3 pin da collegare alla scheda madre ma con il case viene venduto anche un adattatore qualora si desideri attaccarlo direttamente al generatore di corrente. Anteriormente è presente una ventola da 200 mm led (che si illumina in rosso quando è in uso) e posteriormente invece una da 120 mm. Anche sul tettuccio c’è spazio per due ventole: una da 140 mm e l’altra da 120 mm.

Il primo elemento che si nota è quindi che tutto è strutturato per ottimizzare l’areazione. Sono presenti anche due controlli di velocità delle ventole: il controller segnalato come “I” regola la ventola frontale mentre il numero “II” controlla quelle laterali e superiori. Nella parte superiore del pannello frontale è presente un termometro digitale capace di monitorare la temperatura di tre diversi punti del sistema, grazie ad appositi sensori: i tre livelli di temperatura vengono visualizzati contemporaneamente in rosso e sono disponibili sia alla lettura in Celsius sia in Fahrenheit.

Uno sguardo interno

I pannelli laterali del case sono fermati con viti a galletto nere, il che contribuisce di sicuro a valorizzare il prodotto dal punto di vista estetico. Anche l’interno è nero, per un aspetto più professionale. Grazie all’apposito foro è possibile sostituire eventualmente il dissipatore senza rimuovere la scheda madre.

Valutazione del case

Hades di NZXT rappresenta in sostanza una buona soluzione per l’utente alla ricerca di un case completo, che includa anche termometro digitale e controllo di velocità delle ventole, e che non sia però disposto a spendere una grande cifra per altri modelli più sofisticati.

I punti deboli sono probabilmente le due entrate USB troppo vicina l’una all’altra e il meccanismo di installazione dell’hard disk. Tra i punti forti di sicuro il termometro digitale con i tre distinti sensori di misurazione, i controller per la velocità delle ventole (e in generale il meccanismo di areazione), la porta eSATA e il design rotondo, privo di spigoli taglienti. In conclusione si mostra come un prodotto di buon compromesso tra prezzo e qualità.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 7 utenti e 64 visitatori collegati.

Ultimi Commenti