Home
Accesso / Registrazione
 di 

Regolatori industriali PID e a relè: sistemi di tuning

PID tuning

Vediamo vari sistemi di tuning per PID; prima però vediamo alcune delle caratteristiche base dei PID e dei relè. La diffusione dei PID è aumentata anche dalla possibilità di utilizzare non solo tutte e tre le azioni contemporaneamente, ma è possibile utilizzare ogni azione separatamente.

Nell’ambito industriale, ci sono due tipi di regolatori principali:
- per le applicazioni non lineari i controllori a relè sono i più diffusi
- per le applicazioni lineari quindi tempo invarianti i PID (regolatori ad azione proporzionale-integrale-derivativa) sono i più utilizzati


Vediamo i principali vantaggi di entrambe le tecnologie:
I controllori a relè:
- hanno una realizzazione semplice e veloce che consente di avere dispositivi molto semplici dal punto di vista della progettazione
- hanno, grazie alla loro natura semplice, una affidabilità molto elevata ed anche un’ottima efficienza
- hanno una realizzazione che non comporta costi enormi


I regolatori PID:
- hanno un rapporto costo/prestazioni molto competitivo e tuttora non ancora superato
- si possono realizzare non solo elettronicamente ma anche pneumaticamente ma sempre con la stessa struttura standard
- consentono una astrazione dal processo che devono controllare grazie alle loro caratteristiche di adattabilità


La diffusione dei PID è inoltre aumentata anche dalla possibilità di utilizzare non solo tutte e tre le azioni contemporaneamente, ma è possibile utilizzare ogni azione separatamente (ad esclusione dell’azione derivativa) oppure una combinazione di 2 azione (ad esclusione di un regolatore ID).

Vediamo ora vari schemi di tuning.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 36 utenti e 73 visitatori collegati.

Ultimi Commenti