Home
Accesso / Registrazione
 di 

Rice Solar Energy Project: Generare energia solare 24 ore su 24

energia solare

Rice Solar Energy Project è il progetto di una compagnia californiana, Solar Reserve, che prevede una centrale solare in grado di fornire energia 24 ore su 24

Generare energia solare 24 ore su 24

Il Rice Solar Energy Project è il progetto di una compagnia californiana, Solar Reserve, che prevede una centrale in grado di fornire energia solare 24 ore su 24. La Solar Reserve sta sviluppando un sistema che può immagazzinare il valore di sette ore di energia solare concentrando specchi verso enormi quantità di sali fusi permettendo alle fabriche di fornire elettricità ininterrottamente.

La compagnia ha fatto una richiesta alle autorità per ottenere il permesso di costruire un impianto solare vicino alla città abbandonata di Rice a San Bernardino County, in California. L'energia solare è immagazzinata usando un enorme apparato circolare di 17500 specchi, ognuno di una dimensione che va da 24 a 28 pollici e attaccato a un piedistallo di 12 piedi. Il campo di eliostati circonda una torre a energia solare di 538 piedi, con un ricevitore di 100 piedi sulla punta, che contiene 4,4 milioni di galloni di sale fuso. Quando gli eliostati riflettono la luce del sole, nel ricevitore il sale è riscaldato fino a 1000 gradi fahrenheit.

Quando è necessario, per esempio di notte o nei momenti di consumo massimo, il calore è rilasciato facendo passare il sale attraverso un generatore di calore che innesca una turbina per generare energia solare. Il sale raffreddato è poi rimandato al ricevitore per essere di nuovo riscaldato. Il progetto rappresenta il sogno di un sistema solare che genera elettricità anche di notte, ed evita il ricordo ai tradizionali impianti fossili per mantenere attiva la produzione di elettricità.
il sale usato è una mistura di sodio e nitrato di potassio (lo stesso usato nei fertillizzanti), economico, affidabile, e ecosostenibile. Verrà prodotto direttamente sul posto senza usare additivi. A parte pochi componenti come l'impianto per il flusso di alte temperature nella torre, il sistema usa tecnologie preesistenti come turbine e generatori di vapore. Questo vuol dire che la solar reserve può produrre energia a prezzi equivalenti o più bassi delle fabbriche a combustione fossile.

Il Rice Solar Energy Project

Il sistema è stato provato per oltre 4 anni durante gli anni '90 in California. La tecnologia fu sviluppata originariamente dalla Rocketdyne, una società sussidiaria della Unite Technologies, e molti scienziati della Solar Reserve provengono proprio da quella compagnia. La Unite Technologies ha concesso in licenza il sistema. Il capo esecutivo della Solar Reserve, Kevin Smith, ha dichiarato che anche se altri sistemi usano il sale per immagazzinare energia, ma usano olio sintetico per la generazone di vapore. Usare il sale per entrambi i motivi aumenta l'efficienza del sistema, perché si produrre vapore alle più alte temperature e raccogliere, con la stessa quntità di sale, una quantità di energia solare tre volte superiore.

Il Rice Solar Energy Project sarà costruito su un terrento privato che apparteneva all'esercito durante la seconda guerra mondiale, ad est di Palm Springs. Il sistema sarà raffreddato ad aria, evitando così le critiche riguardanti l'uso dell'acqua come sistema di raffreddamento, ma la sua altezza, 653 piedi, con un ponte di mantenimento in cima, potrebbe scatenare altre critiche, come è già succcesso in precedenza con un progetto presentato dalla Solar Reserve in Nevada. La compagnia californiana prevede di rendere effettivo il progetto nel 2013, e sta negoziando con le compagnie dei servizi per vendere l'energia solare generata.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 7 utenti e 38 visitatori collegati.

Ultimi Commenti