Home
Accesso / Registrazione
 di 

Ricetrasmettitore portatile HF/SSB THOMSON TRC 300-3 1/2

Ricetrasmettitore portatile HF/SSB THOMSON TRC 300-3

Gli apparati della serie TRC 300 sono ricetrasmettitori in SSB sintetizzati con potenza di 20 W P.E.P. sviluppati negli anni ‘70 dalla THOMSON per l’utilizzo militare ed adottati da vari Paesi oltre alla Francia: Argentina, Sudafrica, Irak. Si tratta di apparecchi che, per l’epoca, presentavano caratteristiche innovative tra le quali: un peso contenuto a fronte di una notevole resistenza meccanica grazie al contenitore in lega di alluminio, una notevole facilità di uso che non richiedeva operatori particolarmente addestrati, la compatibilità piena con sistemi più vecchi operanti in AM.

La serie comprende in realtà tre diversi tipi di apparato:

TRC 300-2: dotato di un sintetizzatore a passi di 1 kHz

TRC 300-3: che oltre al sintetizzatore a passi di 1 kHz è dotato di un commutatore che permette di scegliere tra 8 frequenze pre-impostate

TRC 300-4: dotato di un sintetizzatore a passi di 100 Hz

Per l’epoca (1972) gli apparati presentavano soluzioni tecnologiche di avanguardia:

- circuiti integrati CMOS nel sintetizzatore transistors nel sintetizzatore

- transistors di potenza a bassa tensione nel modulo TX

- commutatori RX/TX a diodi e non meccanici

Il sintetizzatore permette la scelta tra 28000 (TRC 300-2 e TRC-300-3) o 280000 (TRC 300-4) frequenze, nel range compreso tra 2 e 29,999 MHz senza alcuna soluzione di continuità. Inoltre il TRC 300, rimuovendo il pacco batterie, può essere utilizzato con un accessorio alimentatore/ amplificatore RF (A.L.A. 101) ed un accordatore esterno (A.E.A. 113) che assieme a lui costituiscono una stazione veicolare da 100 W: TRC 310 (nelle diverse varianti -2, -3, -4).

Stanti queste premesse e la assoluta rarità di apparati francesi capirete come, appena colta la disponibilità in Belgio, di uno di questi apparati ho ritenuto di acquisirlo alla mia collezione, specie considerando che, trattandosi di una preda bellica irachena (prima Guerra del Golfo) si trattava di un apparato che, come il mio PRM-4031 (ex-Esercito Argentino), aveva visto un impiego militare sul campo.

Descrizione

Il TRC 300 nelle sue varie versioni si compone di tre parti:

- pacco batteria

- ricetrasmettitore HF

- accordatore di antenna

Il pacco batteria (14.5 V 4 A/h) esiste in due versioni: con caricabatterie incorporato (come nella SE6861) (ALI 103) e senza carica- batterie incorporato (ALI 107) e si aggancia sul fianco sinistro del ricetrasmettitore. Il ricetrasmettitore è costituito da un contenitore chiuso sul davanti dal pannello frontale con i comandi operativi, mentre posteriormente è chiuso dal dissipatore del finale di potenza da 20 W. La costruzione a moduli e schede staccabili consente una agevole manutenzione, inoltre era disponibile un equipaggiamento mobile che consentiva di testare le schede sul campo individuando quella difettosa. Sul lato destro del ricetrasmettitore si aggancia l’accordatore di antenna. L’insieme è stagno e (originariamente) può sopportare l’immersione in un metro di acqua.

Modalità di impiego

Il TRC 300 può operare: in telefonia in banda laterale - (superiore od inferiore) A3J od in AM compatibile (in realtà AM in ricezione ed USB con re-inserzione della portante in trasmissione) in telegrafia A2J - a seconda dei modelli dispone di: 28000 canali spaziati di 1 kHz - per il TRC 300-2 28000 canali spaziati di 1 kHz - e 8 canali pre-impostati per il TRC 300-3 280000 canali spaziati di 100 - Hz per il TRC 300-4 Sul pannello frontale sulla destra subito sotto i commutatori di frequenza e dei canali troviamo:

• Selettore di modo a quattro posizioni:

a) Telegrafia, A2J

b) Banda laterale inferiore, AJ3–

c) Banda laterale superiore, AJ3+

d) Modulazione di ampiezza, A3

• commutatore di accensione/potenza:

a) spento

b) emissione a potenza ridotta 6 W P.e.P.

c) emissione a potenza normale 20 W P.e.P.

Al di sotto sempre da sinistra a destra troviamo:

- due bocchettoni audio

- il regolatore di volume audio

- la presa di terra

- la valvola per la pressurizzazione in atmosfera di azoto

• Sull’accordatore troviamo un commutatore a 4 posizioni:

a) 50 ohm: uscita coassiale

b) uscita per l’impiego nella stazione veicolare da 100 W

c) uscita per antenna filare da 7 a 19 metri d) uscita per antenna verticale (orientabile) da 2.40 metri

• L’impiego del TRC 300 (nelle sue varie versioni) non necessita di alcuna regolazione ed un ciclo di accordo automatico di antenna viene avviato:

a) all’accensione dell’apparato

b) ad ogni cambio di sintonia

c) a richiesta dell’operatore tramite il pulsante posto a sinistra dei commutatori di frequenza.

Il circuito audio comprende un controllo di auto-ascolto che scompare quando la tensione della batteria si riduce o nel caso vi sia un difetto nella catena di trasmissione.

ricetrasmettitore_portatile_schema

Funzionamento

Per la migliore comprensione si può fare riferimento allo schema a blocchi.

Ricezione

Il ricevitore supereterodina a doppia conversione di frequenza è completamente controllato dal sintetizzatore e risulta fortemente protetto nei confronti di forti segnali, potendo sopportare senza danni tensioni HF dell’ordine di 30 V. Il segnale ricevuto (2-30 MHz) a livello del primo mixer viene convertito in un segnale a 102.5 MHz, tramite battimento con un segnale variabile da 104.5 a 132.5 MHz (a passi di 1 kHz o 100 Hz a seconda del modello) proveniente dal sintetizzatore. Segue un filtro a quarzo a 102.5 MHz ed uno stadio amplificatore e, quindi, una seconda conversione ad una Frequenza Intermedia di 2.5 MHz tramite battimento con un segnale (sempre proveniente dal sintetizzatore) di 100 o 105 MHz, a seconda che sia stata selezionata la banda inferiore o superiore. A seconda del modo operativo prescelto il segnale a 2.5 MHz viene indirizzato ad un filtro A3 e ad un demodulatore A3 o ad un filtro SSB ed al demodulatore SSB.

Trasmissione

Nella trasmissione il segnale subisce le trasformazioni inverse a quelle descritte in ricezione. I transistors di uscita montati in push-pull sono raffreddati da un radiatore alettato di grandi dimensioni, consentendo in tal modo un impiego sicuro nelle condizioni di esercizio più gravose. Un accoppiatore direzionale posizionato sull’uscita permette di prelevare le informazioni necessarie: al funzionamento dei transistors di potenza, indipendentemente dal disadattamento del carico alla regolazione della potenza di picco di uscita. La parte audio del modulatore è dotata di un compressore di modulazione assai rapido in modo da evitare sovraccarichi del trasmettitore e da consentire una potenza di picco costante, indipendentemente dal livello di modulazione di BF.

Considerazioni conclusive

Il ricetrasmettitore THOMSON TRC 300-3 è un pregevole pezzo da collezione per la sua rarità in confronto ad apparati di produzione americana, ma è anche di uso semplice e piacevole con filtri stretti (2.7 kHz) che rendono gradevole la ricezione e con il vantaggio rispetto ad altri apparati di poter dialogare anche con apparati più datati in modulazione di ampiezza. Proprio la semplicità di uso (sicuramente superiore a quella di apparati più moderni come la PRC-2000, la PRC-132 o lo Scimitar H per citarne alcuni), la buona qualità dei filtri e la disponibilità del modo AM lo rendono particolarmente idoneo all’uso amatoriale; l’unica pecca sta nel fatto che il TRC 300-3 va a passi di 1 kHz e non di 100 Hz, ma in genere i QSO si fanno al kHz.

E’ importante, sia per questo che per altri apparati surplus, poter disporre del manuale tecnico per eventuali interventi e, nel caso specifico, la manualistica francese è ancora più rara degli apparati stessi (la riservatezza dell’Esercito francese è pari a quella delle nostre Forze Armate che difficilmente dismettono apparati operativi). Del resto questo è il primo Thomson funzionante (ad eccezione di un apparato a cristalli) che ho avuto modo di vedere. In precedenza avevo esaminato due altri manpacks della stessa Ditta che, però, non erano funzionanti e che senza l’apposito manuale probabilmente sono destinati a rimanere costosi soprammobili.

radiokit elettronica

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Patrick GIRAUDEAU

Hy, I need the schematic

Hy,

I need the schematic diagram of the THOMSON TRC 300

Thank's very much

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti