Home
Accesso / Registrazione
 di 

Robot per testare i profilattici

robot preservativi

I preservativi (profilattici) rotti sono un problema molto serio (e questo lo sapevamo già Sealed) non solo per chi li rompe ma anche per le aziende che li producono. Non importa se sei ingegnere elettronico o no. Questo articolo le DEVI leggere!

Per capire i motivi della rottura del profilattico, è stato utilizzato un "coital robot" per simulare l'uso del preservativo.

coital robot preservativo profilattico

L'immagine sopra mostra un modello "coital" della SSL International da Cambridge Technical Centre. La SSL International produce i preservativi Durex. Il robot è stato utilizzato per uno studio scientifico pubblicato l'anno scorso dove viene spiegato perchè i profilattici si rompono. Le risposte ai vari questionari ed il "coital robot" suggeriscono un meccanismo di fallimento chiamato "blunt puncture" dove la punta del penne tocca una parte molto fina del preservativo fino a quando si rompe. La "blunt punture" sembra essere il meccanismo responsabile della rottura per oltre il 90% dei profilattici rotti. La conoscenza del meccanismo principale della rottura dei preservativi potrebbe contribuire a sviluppare meglio le istruzioni di utilizzo, i metodi di prova e produrre dei profilattici migliori (è quello che desideriamo tutti).

Io vi consiglio Make it safe!

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Anonimo

Utile

Strana la vita , per uno "SHOCK ANAFILATTICO" una persona puo' morire, mentre per uno "SHOCK PROFILATTICO" una persona puo' avere la vita, veramente buffa la vita.
:-D

ritratto di Pelobest

Verissimo!

lol :)

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Ultimi Commenti