Home
Accesso / Registrazione
 di 

Rotodisplay digitale 2/2

Rotodisplay digitale progetto open source

Il cuore del rotodisplay digitale

Tutte le funzioni del rotodisplay digitale vengono controllate dall’integrato U1, un microcontrollore PIC16C54, uno dei più diffusi dispositivi ad 8 bit. Questo micro dispone di 13 porte di I/O, di una memoria ROM da 512 x 12 Bit ed una memoria RAM da 32 Byte. La struttura interna è evidenziata dallo schema a blocchi riportato qui sotto. Per memorizzare in maniera permanente i dati viene utilizzato una EEPROM tipo 93LC56 che dipone di una capacità di 256x8 bit.

cuore_rotodisplay_digitale

Il motorino, munito di opportuna demoltiplica, va fissato ad un supporto sufficientemente robusto per evitare che dopo qualche giro il tutto cada a pezzi; nel nostro caso abbiamo fatto ricorso ad una struttura metallica realizzata con degli scarti di lamiera e alluminio.

rotoplay_digitale_diagramma_flusso_programma_mcu

Cuore di tutto il circuito è un microcontrollore PIC16C54 (datasheet) che comanda direttamente gli otto led. Al micro è anche collegata una EEPROM 93LC56 da 2 Kbit, in cui vengono memorizzate le sequenze di codici.

Come sapete la prerogativa delle EEPROM è di potere essere scritte, lette e cancellate elettricamente.

Tutto sommato potete vedere l’EEPROM come una RAM in cui potete scrivere e leggere a piacimento, anche se non ad eccessiva velocità, con in più l’enorme vantaggio che, in assenza di alimentazione, tutti i dati scritti rimarranno in memoria.

rotodisplay_digitale_schema_elettrico

Facendo riferimento al flow-chart vediamo che ci sono due modi di funzionamento: normale e in programmazione. All’avvio del programma, al power-on, il micro rileva se è presente il ponticello P1 sui piedini 4 e 5 del connettore J1, uno strip 5 poli maschio passo 2,54 mm saldato sul c.s. proprio a ridosso del PIC. Se P1 è assente il funzionamento è normale. Il micro legge dalla EEPROM la sequenza di codici relativa alla prima riga di messaggio e li trasferisce ai led in uscita. Dopo una breve pausa con tutti i led spenti segue la visualizzazione della seconda e poi della terza riga.

motorino_rotodisplay_digitale

Abbiamo quindi un totale di tre “videate” che si succedono una dopo l’altra all’infinito. Se colleghiamo il cavo proveniente dalla porta seriale del PC, inseriamo automaticamente il ponticello P1, che è saldato sul connettorino stesso. Dando tensione al rotodisplay digitale si accenderà fisso il led numero uno mentre tutti gli altri saranno spenti ad indicare che siamo in stato di programmazione.

rotodisplay_in_pratica

Quando dal PC arriveranno i codici relativi alle nuove “videate”, questi si andranno ad allocare in memoria al posto dei precedenti. Quando sullo schermo del PC verrà indicata la fine della fase di DOWNLOAD potremo togliere alimentazione al rotodisplay, sconnettere il cavo seriale e riposizionare il ponticello P2. Ridando tensione e, ovviamente, facendolo girare, vedremo apparire le nuove videate.

rotodisplay_digitale_maschera

Come dicevamo, l’alimentazione viene prelevata da una pila a 9 volt e stabilizzata a 5 volt mediante un regolatore miniatura 78L05. Visto lo stile HI-TECH del rotodisplay non esiste interruttore d’accensione, funzione ottenuta manovrando direttamente la clips della pila.

LA PROGRAMMAZIONE MEDIANTE PC

Per programmare il rotodisplay con la massima flessibilità è stato allestito il kit di programmazione che consiste in un cavo seriale e un programma su dischetto per PC. Il cavo seriale utilizza due soli conduttori, segnale e massa, in quanto la comunicazione avviene in un senso solo. Facendo riferimento al piano di cablaggio, è necessario saldare i due conduttori ai piedini 3 e 5 della presa cannon 9 poli femmina che andrà poi collegata alla porta seriale COM1 del PC.

Gli altri due capi del cavo andranno collegati al connettorino passo 2,54 avendo l’accortezza di montare il ponticello P1, che è quello che fa “sentire” al micro che è collegato il cavo seriale e che provoca quindi l’esecuzione della seconda parte del programma, quella relativa alla memorizzazione dei dati all’interno dell’EEprom. Il programma necessario al funzionamento del display è denominato ROTO.EXE: esso deve essere trasferito dal dischetto in una sottodirectory del vostro PC.

cannon_9_poli_femmina_lato_saldature

Lanciando “ROTO” sul video apparirà l’apposita maschera. Potrete spostarvi nelle quattro direzioni utilizzando le frecce del pad numerico e “accendere” o “spegnere” i punti utilizzando la barra spaziatrice. Per passare istantaneamente ad una delle tre righe è sufficiente premere uno dei tre tasti “A” “B” “C”. Una volta create le tre righe è possibile salvarle in un file premendo il tasto “S” che sta per SAVE. E’ anche possibile richiamare videate precedentemente salvate premendo il tasto “L” che sta per LOAD.

Per trasferire al ROTODISPLAY quello che vedete a video procedete come segue: togliere il ponticello P2 dal rotodisplay, inserire il cavo seriale nella porta COM1 del PC e nel connettore J1, dare tensione al rotodisplay. Si deve accendere in maniera fissa il primo led, ora premete il tasto “D” che sta per DOWNLOAD. In pochi secondi il programma codificherà le informazioni presenti sul video e le trasferirà al rotodisplay.

Quando sul video verrà segnalato il termine dell’operazione, si potrà togliere alimentazione al rotodisplay, staccare il cavo seriale e reinserire il ponticello P2. Dando nuovamente tensione al display e facendolo girare, appariranno in sequenza le righe 1, 2 e 3 presenti sul video del PC.

Il kit è disponibile da Futura Elettronica

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Nikyyyyyy

ROTO Download DOVE?

Ciao ragazzi dove posso scaricare il programma ROTO.EXE?

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 20 visitatori collegati.

Ultimi Commenti