Home
Accesso / Registrazione
 di 

RS232 e RS485 - Risposte alle domande frequenti FAQ

rs232-rs485-faq

Questa application note risponde alle domande frequenti sull'RS232 e sull'RS485.

I due protocolli seriali (RS232 per distanze brevi e RS485 per lunghe distanze) vengono supportati da molti integrati forniti da Maxim, come ad esempio il MAX232.
Questa serie di domande (e relative risposte) frequenti è un estratto delle più comuni domande che vengono poste quando si utilizzano protocolli seriali RS232 e RS485 sia per progetti nuovi che esistenti.
Le domande sono suddivise in 2 differenti categosie, ovviamente RS232 e RS485.

Domanda su RS232

Domanda: che valore di tensione devono avere i condensatori sul MAX3231?

Risposta: La pompa di carica può gestire fino a 7V sui condensatori. A questo si deve aggiungere la tensione indotta dalla commutazione (di/dt) switching che si accoppia sulle piste tra il MAX3231 ed i condensatori. Quindi, tipicamente, è consigliabile usare condensatori almeno da 10V.

Domanda su RS485

Domanda: L'RS-485 gestita con il ricevitore MAX487 è in grado di rilevare correttamente lo "stato aperto" MARK, ma a volte fallisce se i cavi sono troppo corti. Come faccio a farlo funzionare bene aprendo i cavi con collegamneti corti?

Risposta: Il MAX487, come molti analoghi transceiver RS-485, è in grado di rilevare cavi aperti, ma non corti. Generazioni successive di ricetrasmettitori sono state migliorate per gestire l'apertura dei collegamenti corti. Ad esempio, il MAX3471 è pin-to-pin compatibile con il MAX487, oppure il MAX3471 (la vera novità) che implementa la funzione fail-safe.

A questo link è disponibile l'Application Note delle FAQ relative a RS232 e RS485 (PDF).

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Ultimi Commenti