Home
Accesso / Registrazione
 di 

Scansioni SPECT e CT per proteggere i linfonodi

Le scansioni SPECT e CT permettono di proteggere i linfonodi dalle radiazioni nella terapia per il tumore

Proteggere i linfonodi potrebbe diventare più semplice, grazie all’unione delle scansioni SPECT e CT, che permettono di avere immagini precise del nostro corpo. Non tutti sanno, infatti, che i pazienti che si sottopongono alla radioterapia per il cancro sono spesso costretti a colpire anche i linfonodi sani, causando disturbi più o meno rilevanti come il linfedema.

Osservare per proteggere

Proteggere i linfonodi è molto importante per chi si sottopone alla radioterapia. I ricercatori dicono che unendo la SPECT con scansioni CT si possono aiutare i medici a individuare e proteggere i linfonodi durante il trattamento con radiazioni per il cancro al seno.

In un piccolo studio presentato al San Antonio Breast Cancer Symposium in questi giorni, Mayo Clinic ha detto che gli scienziati stanno combinando le due modalità per contribuire a ridurre il numero di linfonodi esposti a radiazioni di quasi la metà.

Per linfedema in campo medico, si intende una condizione in cui avviene un accumulo anormale di linfa dovuto ad un'anomalia a livello del sistema linfatico. La sua diffusione avviene soprattutto negli arti. Il linfedema, che si presenta come un doloroso gonfiore del tessuto linfatico, può accadere quando i linfonodi diventano vittime di danni collaterali quando i tumori al seno sono colpiti con radiazioni o il tessuto del seno è rimosso durante l'intervento chirurgico.

Fra i sintomi si riscontrano dolore, diminuzione della normale mobilità della parte malata e vi possono essere anche disturbi psicologici causati dalla sensazione di disagio. I ricercatori, guidati dal dottor Andrea L. Cheville, un professore di medicina di Mayo a Rochester, Minnesota, stimano che fino al 70 per cento delle donne sopravvissute al cancro al seno soffrono di questa condizione.

Secondo la loro presentazione, i ricercatori hanno sviluppato un piano di trattamento mediante imaging SPECT e CT, che ha individuato i linfonodi sani dopo l'intervento, in 22 pazienti. Dopo aver rilevato i linfonodi con la scansione, i ricercatori potrebbero quindi progettare uno scudo per i linfonodi per prevenire il danno da radiazione.

Dei 53 linfonodi drenanti individuati, oltre la metà (54 per cento) sarebbero stati irradiati in pianificazione di un trattamento standard, ma sarebbero stati risparmiati se individuati e protetti dopo scansioni SPECT-CT.

Inoltre, i linfonodi sani nei piani di trattamento standard avrebbero ricevuto dosi maggiori. Nello studio, il 62 per cento dei linfonodi nel piano standard avrebbe ricevuto, in media, più di 10 Gy, rispetto al solo 17 per cento dei nodi nei piani SPECT-CT.

Scansioni SPECT e CT per i linfonodi

Ma cosa si intende con scansioni SPECT e CT, usate in questo caso per vedere i linfonodi? Partiamo dalla scansione SPECT: una tomografia con un singolo fotone ad emissione computerizzata (SPECT) permette al medico di analizzare la funzionalità degli organi interni. La SPECT è un tipo di test di imaging nucleare, il che significa che utilizza una sostanza radioattiva e una macchina fotografica speciale per creare le immagini degli organi.

Mentre i test di imaging, come i raggi X, sono in grado di mostrare le strutture all'interno del corpo, una SPECT produce immagini 3D che mostrano come lavorano gli organi. Per esempio, una scansione SPECT può mostrare come il sangue fluisce verso il cuore o quali aree del cervello sono più attive o meno attive.

Una TAC, tomografia computerizzata chiamata anche o solo CT, combina una serie di punti di vista a raggi X presi da diverse angolazioni per produrre immagini a sezione trasversale delle ossa e dei tessuti molli all'interno del corpo.

Il medico è in grado di guardare in ciascuna di queste immagini individualmente o eseguire una visualizzazione aggiuntiva per rendere le immagini 3D. Le immagini CT forniscono informazioni molto più semplici rispetto alle radiografie. La CT è particolarmente adatta per esaminare rapidamente le persone che possono avere lesioni interne. Può anche visualizzare il cervello e, con l'aiuto di un mezzo di contrasto, verificare la presenza di ostruzioni o altri problemi nei vasi sanguigni.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 37 visitatori collegati.

Ultimi Commenti