SED TV – Creazione delle immagini nelle SED TV

SED TV - Creazione delle immagini nelle SED TV

SED TV: vediamo quindi da vicino come viene creata l’immagine nella tecnologia SED. Dopo aver considerato il meccanismo delle CRT TV si può sostenere che nelle SED TV le immagini vengono create sostanzialmente nello stesso modo. Immaginiamo il cuore di uno schermo SED come uno strato di carbonio con uno spazio al centro: metà di questo strato è connessa ad un elettrodo negativo e l’altra metà ad un elettrodo positivo.

Le immagini nelle SED TV

Quando il sistema del circuito mette in circolo circa 10V di corrente gli elettroni appaiono disposti ad un lato dello spazio centrale. Una SED TV ha milioni di queste microstrutture e ognuna di queste controlla l’aspetto blu, rosso o verde di un pixel nell’immagine. Praticamente queste microstrutture vengono attivate virtualmente in maniera simultanea, e non una alla volta, per poter creare l’immagine. Ogni parte dello schermo che non viene usata per creare pixel è nera, per poter ottimizzare il contrasto.

Sempre in maniera analoga agli schermi con tecnologia CRT, il meccanismo alla base delle SED TV presuppone che vi sia il vuoto all’interno dello spazio su cui si estende lo schermo; dato che il processo di fabbricazione permette di inserire dei punti di rinforzo, ovvero delle sottili barre di metallo di spaziatura tra i vari strati, per poter evitare che a causa della pressione atmosferica lo schermo di vetro imploda, lo schermo stesso può essere di vetro sottile, al contrario dei CRT, che necessitano necessariamente di spessori del vetro anche di diversi millimetri.

Il principio è simile a quello di base delle tv al plasma: due pannelli racchiudono una serie di “celle”, ciascuna predisposta a generare rispettivamente un pixel rosso, verde o blu mediante sollecitazione dei fosfori collocati sulla superficie esterna del display. A differenza delle tv al plasma, però, l’energia per l’illuminazione dei fosfori non è fornita da una scarica elettrica generata nel gas (plasma) presente all’interno delle celle, bensì dalla produzione di elettroni da parte di emettitori collocati nella superficie più interna del display, proprio come nel tubo catodico.
Non gas quindi, ma vuoto ed elettroni; non un unico tubo catodico (come nei CRT) ma una matrice di emettitori. Questo è l’eterogenea miscela alla base del segreto dei SED.

L’idea ha un potenziale geniale. Su questa premessa il SED sembrerebbe in grado di offrire al tempo stesso la naturalezza dei colori del tubo catodico e con una maggiore compattezza e minor consumo dei plasma. Rispetto all’LCD la velocità di risposta sarebbe infinita, come con il tubo catodico ed il contrasto più elevato.
Il risultato pare sia davvero impressionante, sia per quanto riguarda la qualità dei colori e la nitidezza dei contrasti, che per i costi di utilizzo e la velocità di risposta, eliminando la persistenza tipica degli schermi LCD o plasma
Tutti coloro che hanno avuto modo di vedere i prototipi delle SED TV, in mostra al CES o ad altre esposizioni di elettronica, si sono dimostrati entusiasti del design e della qualità dell’immagine.

In particolare i modelli presentati nel corso delle fiere negli ultimi anni sono stati un Full HD 1080p da 55” e due HD Ready 720p da 36” e 42” con contrasto dichiarato di 100 mila a 1 e luminosità pari a 450-500 cd/mq.
Queste sono perciò le premesse sulla carta, ma come mai allora le SED TV non sono riuscite a trovare sbocco sul mercato?

SED TV: una promessa rimandata che rischia di sfumare

La Canon ha iniziato le ricerche individuali sulla tecnologia SED nel 1986 mentre la collaborazione tra la Canon e Toshiba su questo progetto è stata consolidata nel 1999 e ai tempi si presentava di sicuro come una novità dall’enorme potenziale. Anche i prezzi di lancio anticipati, anche se non confermati ufficialmente, sembravano essere davvero molto allettanti. La tecnologia è stata portata a punto nel 2004 e presentata per la prima volta al Ceatec, ma da allora il lancio sul mercato è stato un vero e proprio calvario: prima era stato fissato nel 2005, poi è stato rimandato di anno in anno.

L’attendevamo nel 2006, poi si era parlato di una presentazione ufficiale durante le Olimpiadi di Pechino 2008 ma tutte le date sono sfumate. Yoshihide Fujii, Vice Presidente di Toshiba Corp. e responsabile della divisione Toshiba TV, ha più volte cercato di prendere tempo dichiarando che per il lancio della tecnologia SED sul mercato non bisogna avere troppa fretta ma sono in molti a sostenere che le due ditte abbiano tirato troppo la corda: il rischio è infatti che le SED TV vengano soppiantate definitivamente dalla tecnologia OLED e che diventi allora inutile metterle in commercio.

Alcuni critici hanno perfino parlato di “un morto che cammina” o di “una tecnologia morta prima ancora di nascere”. Non si mostra ovviamente di questo avviso Masahiro Osawa, Managing Director di Canon che recentemente ha sottolineato in un’intervista i vantaggi qualitativi delle tv sed rispetto agli lcd e al plasma facendo intendere che le porte fossero ancora aperte.
E’ innegabile comunque che dietro a questo rimandare ci sia una motivazione ormai nota ovvero la causa durata anni tra la Canon e la Nano-Proprietary per le licenze sui brevetti della tecnologia SED che non sarebbero stati concessi a Toshiba.

Certo la situazione non è così semplice, soprattutto dopo l’inaspettato abbassamento sul mercato dei prezzi degli lcd e delle tv al plasma che rende meno competitiva l’introduzione delle SED TV a questo stadio.
A questo punto Canon potrebbe decidere di aspettare che sia l’OLED TV a stabilire un nuovo livello alto di prezzi: in questo modo potrebbe forse esserci ancora spazio per le SED TV.

STAMPA     Tags:, ,

17 Comments

  1. karlox 9 aprile 2011
  2. Alex87ai 9 aprile 2011
  3. max75 24 marzo 2011
  4. Vicus 24 marzo 2011
  5. Antonio Mangiardi 24 marzo 2011
  6. Vicus 24 marzo 2011
  7. Antonio Mangiardi 24 marzo 2011
  8. Giovanni Giomini Figliozzi 24 marzo 2011
  9. Fabrizio87 24 marzo 2011
  10. Fabrizio87 24 marzo 2011
  11. Vicus 24 marzo 2011
  12. max75 24 marzo 2011
  13. FlyTeo 24 marzo 2011
  14. matrobriva 14 aprile 2011
  15. Francesco12-92 25 marzo 2011
  16. Andres Reyes 25 marzo 2011
  17. Fabrizio87 25 marzo 2011

Leave a Reply