La sigaretta elettronica: un sistema per smettere di fumare

sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica è ormai una realtà dei nostri giorni: saranno felici coloro che hanno già ‘tentato di smettere’ senza però riuscirci, perchè avranno una nuova chances, e ne trarranno vantaggio coloro che hanno deciso di non fumare più ma che sentono i morsi della dipendenza da tabacco e da nicotina. Con la sigaretta elettronica, potremmo stimolarci al punto di rinunciare alla sigaretta tradizionale; saltata una, forse, se ne può saltare un’altra: avendo certo una forte volontà. La sigaretta elettronica sostituirà i metodi tradizionali per non fumare, quali gomme medicinali da masticare, e forse sarà il metodo che farà smettere molte persone.

Cosa è una sigaretta elettronica

Ma vediamo da vicino cosa è una sigaretta elettronica: innanzitutto il nome: Life, vita, che è ciò che ci si dovrebbe salvare riuscendo a smettere di fumare, magare grazie a questo ingegnoso sistema elettronico di disuassefazione; occorre eradicare il vizio di fumare: non è facile, però.
Comunque ‘Life’ assomiglia ad una normale sigaretta solo nella forma, ma non contiene tabacco in alcun modo: consente invece l’aspirazione di nicotina e aromi senza che ciò comporti l’inalazione diretta di sostanza intossicanti che si sprigionano con la combustione del tabacco e della carta da sigaretta.
Non dimentichiama che la carta ricopre un ruolo fondamentale nella combustione di una sigaretta accesa e lasciata incustodita nel portacenere.
La sigaretta lentamente, ma inesorabilmente, si brucerà, in un lenta combustione che provocherà un segmento di cenere sulla punta della sigaretta stessa.
La sigaretta, lasciata nel portacenere, dunque si consuma, perchè è la carta che ne favorisce la combustione continua.

Ma torniamo alla sigaretta elettronica ‘Life':
grazie a componenti di microelettronica è possibile simulare il fumo di sigaretta, che in realtà è solo vapore, ma che soddisfa il fumatore sotto l’aspetto dell’ appagamento di piacere dato dalla nicotina e dal tabacco, che sono sostanze psicostimolanti.
Si stimola il cervello nello stesso modo che lo stimola una sigaretta, ma senza il danno di questa causato dall’aspirazione di tabacco.
Quindi il fumatore è soddisfatto in tutti gli aspetti del fumo di sigaretta: la sensazione olfattiva, per esempio,sarà stimolata a dovere. sì che si manifesti l’idea di fumare veramente.

Un dispositivo elettronico

Si tratta dunque di un dispositivo elettronico, la sigaretta elettronica che simulerà i prodotti da fumo, quali i sigari, le sigarette e le pipe. Lo strumento elettronico è dotato di una batteria atta a fornire l’energia neccessaria per far inalare vapore di una soluzione di glicole propilenico, di nicotina in quantità variabile o anche assente, e il profumo di una vera sigaretta.
In questo modo ci sarà una stimolazione completa dei recettori del cervello che si accendono quando fumiamo una sigaretta: particolari aree del nostro cervello si attivano, quando accendiamo una sigaretta, se pur con abitudine.
Ricreare lo stesso effetto sul cervello senza accendere la sigaretta, ma per mezzo di un ausilio elettronico, è dunque la sfida della sigaretta elettronica che stiamo vivendo in questi giorni.
Il vapore inalato, dunque, consente di avvertire una sensazione simile a quella che si prova quando si inala il fumo di sigaretta.
Non ci sarà combustione, quindi non c’è nessun rischio cangerogeno legato a tale processo.
Vedremo gli sviluppi di questo innovativo metodo per smettere di fumare. Finalmente.

Leave a Reply