Home
Accesso / Registrazione
 di 

Spingiamo al massimo l'ADC del PIC

Convertitore Analogico Digitale dei microcontrollori PIC

Stressare i componenti elettronici fino al massimo delle loro possibilità è sempre una attività molto interessante. Questa volta a fare da cavia è il modulo ADC del PIC. Si verificheranno sul campo le limitazioni fisiche, in termini di velocità e tensione, sino alle estreme possibilità del microcontrollore.

Contenuto esclusivo per gli ABBONATI PLATINUM di Elettronica Open Source.

Leggi subito tutto l'articolo e poi ricevilo in PDF all'interno di EOS-Book insieme a tanti altri vantaggi offerti dall'Abbonamento Platinum! Diventa Utente PLATINUM

SCOPRI TUTTI I VANTAGGI DI UN ABBONAMENTO ANNUALE CHE COMPRENDE ANCHE TUTTO L'ARCHIVIO

 

 

 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Giorgio B.

Finalmente un articolo che

Finalmente un articolo che non fa la solita "introduzione ai pic"!
Bravo!
Molto divertente!
Ce ne saranno altri così?

ritratto di Piero Boccadoro

Sono contento che tu abbia

Sono contento che tu abbia colto esattamente lo spirito. Era proprio per questo motivo che è stato fatto questo articolo: fare qualcosa di diverso da "la solita introduzione".
Sul prosieugo, beh, non dovrei essere io a rispondere però intervengo prima che lo faccia direttamente l'autore.
Sì, certamente ce ne saranno altri.
E ce ne occuperemo molto presto. ;)

ritratto di delfino_curioso

Un articolo chiaro e ben

Un articolo chiaro e ben spiegato.
La scelta del mikroBasic forse maschera un po' le operazioni che avvengono nel prelievo del dato digitalizzato a seguito della richiesta all'ADC, ma lo scopo era quello di vedere le prestazioni del componente"sotto stress" piuttosto che concentrarsi sul codice delle operazioni di base e mi sembra sia stato centrato.
Utile ed interessante anche l'esempio della lettura di una sinusoide a tensione ribassata e clampata: di solito gli onnipresenti tutorial sui micro e la loro parte di conversione A/D fanno vedere come leggere un valore DC e lì si fermano.
Se posso avanzare una richiesta all'autore dell'articolo, per par-condicio mi piacerebbe vedere gli esempi di uno degli articoli a seguire in C, che nel mondo dei micro rappresenta tuttora la classica via di mezzo tra il bassissimo livello dell'Assembler e quello un po' più alto di linguaggi come il BASIC.
A presto

ritratto di Piero Boccadoro

Buona idea. Aspettiamo di

Buona idea.
Aspettiamo di sentire che cosa ne dice il diretto interessato! :)

ritratto di gio22

Grazie

Grazie dei complimenti, ci vuol semplicemente passione quando si scrive.
Riguardo la richiesta, metto in cantiere l'idea......
Giovanni

ritratto di Stuttgart

domanda circuitale

Sto leggendo l'articolo ma mi son bloccato a causa di una cosa che non riesco a capire....sara' forse l'ora ma non riesco proprio a digerire quel circuito clamper messo in ingresso alla porta del PIC. parlo di R4, C3 e D2. Secondo le mie scarse conoscenze elettroniche C3 con R4 formano un filtro passa alto, quindi dovrebbe filtrare la componente continua, ma se guardo la sinusoide risultante (traccia rossa in figura) mi vien da dire che una componente continua esiste eccome. Se poi tornando nel dominio del tempo considero anche il diodo D2 mi aspetterei di vedere troncate le semionde negative poiché, con semionde negative il diodo entra in conduzione.
Risultante, non mi torna nulla!
Per favore smentitemi e aiutatemi a comprendere, così potrò dormire tranquillo.
Grazie.

ritratto di gio22

Clamper

Ciao
Prova ad utilizzare un software di simulazione.
Il generatore di tensione genera un segnale sinusoidale +14V e - 14V.
Il partitore (R2-R3) abbassano la tensione a livelli PIC-compatibili.
E' vero che C3-R4 costituiscono un filtro, ma alle frequenze specificate il funzionamento intrinseco è diverso. Il funzionamento finale del circuito è diverso rispetto la funzione dei singoli componenti.
Ti consiglio di usare LT-Spice e simulare il circuito, effettuando un probing, nodo per nodo.
Ciao e grazie.
Giovanni

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 26 utenti e 86 visitatori collegati.

Ultimi Commenti