TAP FINGERS, la nuova generazione di mouse intelligente, divertente e assolutamente easy

IMAG0272

Tap fingers: sistema innovativo di mouse, pensato per semplificare il normale utilizzo del mouse usando i movimenti naturali di ogni dito. il pollice ha la proprietà di alzare e abbassare la pagina oppure ingrandire e diminuire per esempio un progetto in corso d'opera su autocad. l'indice è la parte fondamentale del tap fingers, ha la proprietà di puntare la freccina con estrema precisione e accuratezza. il medio agisce sul "clic" sinistro del comune mouse l'anulare agisce invece sul "clic" destro del mouse. il terzo tasto, prima incorporato alla rotellina è stato "montato" sulla pcb di controllo, così da semplificare la funzione clicca e sposta. L'innovativo sistema tap fingers è molto leggero e compatto. E'indossabile grazie a micro-elastici posti sulle falangi, che permettono una fantastica libertà di movimento senza ostacolare la scrittura sulla tastiera. prossimamente il sistema sarà migliorato per essere indossato con una semplicità tipica degli orologi.

La nascita dell’idea:

l’idea di realizzare questo prototipo è nata semplicemente su un treno, il treno intercity che mi riportava a casa dopo tanto tempo. Mentre mi preparavo a lasciare il vagone ho sfiorato il finestrino e mi sono apparse come delle immagini davanti. Il mio pensiero ha subito immaginato come sarebbe il futuro se invece di usare un comune mouse ci sarà un sistema dove è direttamente la mano a comandare il computer con dei semplici movimenti delle dita, movimenti assolutamente naturali senza impedimenti e oggetti pesanti tra le dita. L’idea era inizialmente poco convincente ma durante una sosta del treno mi sono lasciato scivolare la mano lungo il jeans e ho collegato subito quel preciso movimento al movimento che potrebbe avvenire durante lo spostamento di un file da un punto all’altro. Ho anche pensato a come sarebbe stato semplice utilizzare la comune rotellina insieme al pollice, analizzando il movimento che il nostro ditone compie ho pensato di posizionare la rotella su di esso senza ostacolarne il movimento naturale, anzi far salire e scendere la pagina è davvero molto intuitivo e banale, perché sembra di prendere un foglio e trascinarlo in basso o viceversa esattamente come accade in un mouse.

La produzione dell’idea:

per realizzare questo prototipo ho messo in moto molti amici e famigliari, componenti e materiali che mi servivano erano poco reperibili in città, ma pian piano ho ottenuto ciò che mi serviva. Esattamente nel mese di gennaio ho iniziato a costruire il mio prototipo, subito era necessario qualche lavoro di rifinitura dei componenti “meccanici” e successivamente ho realizzato le saldature necessarie a “smontare” i componenti da disporre sulle dita. Sensore ottico, diodo led, piastrina di plexiglass, tasti destro e sinistro e infine la rotellina. Dopo averli perfezionati per adattarsi al meglio alle mie dita, ho potuto riassemblare tutto con la mia saldatrice a stagno con i fili più piccoli che ho potuto recuperare. La pcb del mio progetto è stata recuperata da un vecchio mouse sfruttando la sua connessione wireless ho risparmiato molti soldi. Ispirandomi alla mano di “Iron man” il noto film americano ho voluto disporre i componenti proprio pensando di creare una mano bionica. Infatti la mia idea finale è ancora lontana dall’essere realizzata, però sono alla ricerca dei materiali utili a migliorare il tempo che necessario a disporre i vari pezzi sulla mano. Infatti al momento, come potete notare in foto ho utilizzato delle striscioline elastiche per dare stabilità e rigidità ai pezzi, ma a breve ho in mente di studiare un metodo tipo molletta per indossare velocemente ogni pezzo e viceversa.

Caratteristiche generali:

il sistema Tap finger funziona con una semplice pila tipo AA, reperibile in ogni negozio di elettronica. Incredibilmente leggero e assolutamente impercettibili le sue dimensioni si appresta ad essere molto comodo da usare al contrario di un pesante mouse. La sua grandissima caratteristica è l’assenza di attrito tra superficie e componenti, il quale permette alla mano di muoversi liberamente. Il sistema tap finger permette anche la scrittura sulle comuni tastiere senza problemi, quindi non necessita di rimozione dalla mano. Movimenti naturali, spontanei e totale assenza di stress sono assicurati!!!!

Come funzione il sistema:

Il principio di funzionamento del lettore ottico più recente è completamente diversa dalla prima generazione di strati ottici. Il lettore non è il classico trasduttore ottico / elettrico, (fotodiodo), che riceve un segnale di luce riflessa da una superficie come in lettori CD, ma una vera fotocamera vede l'immagine della superficie. E 'un capolavoro della microelettronica, resa possibile dalle ingenti investimenti di un certo numero di chip che hanno incapsulato in un contenitore di plastica poco costoso: una macchina fotografica, un DSP (Digital Signal Processor) e un convertitore di segnale atto a fornire i dati in formato PS / 2 o USB. Il cuore del sistema o meglio l'occhio, è un sensore CCD (Charge Coupled Device) con una risoluzione di 328 pixel (18×18) su una superficie di 3 mm di diametro. Ogni 40mS, più che sufficiente velocità per manovrare il mouse, l'immagine viene catturata e inviato al DSP, che confronta ogni immagine microscopica con il precedente matematicamente calcolare la direzione e la distanza che il topo è stato spostato Un sistema di lenti focalizza la luce emessa dal LED, in un piccolo foro di sotto del piano del mouse. L'angolo di emissione del fascio di luce è di circa 30 °. La densità di potenza ottica emessa dal foro piccolo, di circa 1-2 mm, varia dal 10-55 W/m2, dipende dalla luminanza media della superficie incorniciata (chiaro o scuro.). Normalmente questi dispositivi, per quanto riguarda la sicurezza, sono in prima classe. Un secondo foro a distanza molto ravvicinata dal primo, è l'occhio attraverso cui un sistema di lenti focalizza l'immagine sul CCD-chip. La sensibilità della micro-camera è volutamente bassa per evitare di essere influenzata dalla luce ambientale. La distanza dalla superficie di contatto del CCD è di circa 2/3 mm. il restante circuito, integrato nel chip, è uguale a un mouse normale meccanico, che vi riassumo brevemente. Le coordinate calcolate nella posizione del mouse sono convertiti nel formato di comunicazione seriale standard PS / 2 o convertito da un altro chip il nuovo bus USB. Lo schermo è formato da una griglia invisibile. (Si pensi alla trama di una carta millimetrata) Ogni schermo quadrato è identificato da due numeri che rappresentano la posizione di coordinate orizzontali e verticali. Il computer fornisce automaticamente i segnali di posizione del cursore del mouse iniziale. Spostando e modificando le coordinate che a sua volta spostano il cursore sullo schermo.

le caratteristiche di lavoro:

Se abbiamo capito il principio di funzionamento, possiamo capire il tipo di superficie più adatta al funzionamento. Il DSP deve elaborare differenti immagini, in pratica, segni e linee. Infatti il contenuto informativo sulla matrice di pixel 18×18 varia a seconda delle superfici sottostanti al sensore ottico, le superfici migliori sono: legno con venature, tessuto di jeans e fogli di carta con testo. E' importante che la fotocamera non si lascia ingannare dai riflessi o diffusioni di luce causate da materiali vetrosi o smerigliati, ovviamente non funziona su uno specchio.

infine vediamo come in futuro sarà estremamente semplice usare questo sistema:

 

TAP FINGERS

 

 

Manuel Rolando

STAMPA

23 Comments

  1. manuel.teck-eco 13 aprile 2012
  2. Emanuele 13 aprile 2012
  3. Emanuele 13 aprile 2012
  4. Emanuele 13 aprile 2012
  5. manuel.teck-eco 13 aprile 2012
  6. manuel.teck-eco 13 aprile 2012
  7. Emanuele 14 aprile 2012
  8. manuel.teck-eco 14 aprile 2012
  9. Emanuele 14 aprile 2012
  10. slovati 14 aprile 2012
  11. Ciro Tranchino 14 aprile 2012
  12. manuel.teck-eco 14 aprile 2012
  13. Ciro Tranchino 14 aprile 2012
  14. Emanuele 16 aprile 2012
  15. manuel.teck-eco 16 aprile 2012
  16. manuel.teck-eco 17 aprile 2012
  17. Emanuele 17 aprile 2012
  18. manuel.teck-eco 18 aprile 2012
  19. AndreaCalanca 22 aprile 2012
  20. Hardelettrosoft 8 maggio 2012
  21. manuel.teck-eco 8 maggio 2012
  22. manuel.teck-eco 8 maggio 2012
  23. Emanuele 8 maggio 2012

Leave a Reply