Home
Accesso / Registrazione
 di 

TARDIS MAME Console

tardis_mame

Se siete dei fan sfegatati del Doctor Who ed avete una grande passione per i giochi arcade della sala giochi che frequentavate una volta, unite le due passioni costruendo una console dentro la macchina del tempo del Doctor Who. Il TARDIS MAME vi riporterà indietro nel tempo, prima che le console domestiche ci allontanassero dalle sale giochi...

 

Se conoscete la serie televisiva del Doctor Who saprete già di cosa parlo altrimenti sappiate che il TARDIS (Time And Relative Dimension In Space o "Tempo e Relativa Dimensione nello Spazio") in figura sotto, è la macchina del tempo astronave usata dal Doctor Who, protagonista dell'omonima serie televisiva.

Il MAME (Multiple Arcade Machine Emulator) credo e spero che non necessiti di presentazioni.

Il logo ufficiale MAME

Si tratta di un emulatore per i giochi della salagiochi sviluppato inizialmente da Nicola Salmoira, quindi è un prodotto tutto italiano.

Quello che ci proponiamo di fare è realizzare una cabina da gioco basata sul MAME contenuta in un TARDIS.

Una premessa prima di cominciare: Il progetto è molto complesso e verranno fornite solo indicazioni di massima dei passi principali da svolgere poichè una presentazione dettagliata di ogni attività richiederebbe troppo spazio. La parte principale del lavoro consiste nella lavorazione del legno

se quindi non avete una manualità discreta nel settore, comparabile a mastro geppetto, sarà dura completare il tutto.

Partiamo con la costruzione del TARDIS. Ovviamente serviranno gli strumenti necessari per lavorare il legno.

Dopo avere definito le dimensioni delle varie parti della struttura, che potete decidere in modo abbastanza arbitratio poichè non esiste uno standard per il TARDIS oppure potreste usare le dimensioni di una cabina telefonica inglese, da cui il TARDIS è tratto sostanzialmente, iniziamo dalla base mostrata in figura sotto.

Fig 14. Base and corner detail

Si ricava da un quadrato di legno rimuovendo un quadrato centrale per ottenere le dimensioni desiderate. Fare dei buchi sugli angoli per incastrare i pilastri di supporto della cabina. Infatti si consiglia di porre dei supporti sulla parte superiore dei "pilastri" per fare da supporto al tetto e dei paletti da infilare sulla base come in figura sotto.

Fig 15. Corner post top and bottom

In tal modo posiamo incastrare i pilastri sulla base per mantenere la struttura stabile. Ritagliamo poi il supporto per il tetto mostrato in figura sotto.

Fig 17. Ring beam and fixing detail

Per le porte e le pareti di chiusura della cabbina ci sono tante possibili soluzioni. La più rapida potrebbe essere quella di riciclare vecchie porte non utilizzate ma se siete dei fan incalliti del Doctor Who vorrete di certo riprodurre nei minimi dettagli il TARDIS rifacendo voi le porte come in figura sotto.

Fig 18. Walls, doors and pull to open panel

Stesso discorso vale per le finestrelle in dettaglio sotto.

Fig 20. Window frames and glass

Il tipico tetto a piramide si può riprodurre come mostrato in figura sottostante.

Fig 21. Roof frame and covering

La lampada lampeggiante che sormonta il tetto può essere ricavata da una lampada o ricostruita fedelmente per il TARDIS come in figura sotto, dipende da quanto tempo, voglia e risorse avete da investire sul progetto.

Fig 23. Lamp housing (without dome) and lamp on roof

Il circuito per far lampeggiare la lampada è basato su di un timer 555 e lo schema elettrico mostrato sotto.

Fig 24. TARDIS lamp flasher circuit

Le modifiche e migliorie per rendere il tutto il più simile possibile al vero TARDIS sono molteplici come ad esempio aggiungere una luce interna e riverniciare il tutto di bleu come nella figura sottostante.

Fig 29. Lighting control panel

Come sicuramente avrete capito è un lavoro estremamente impegnativo da tutti i punti di vista.

Non molto più facile è la seconda parte, quella relativa al MAME. Infatti conviene usare (sacrificare) un vecchio pc (anche fisso) su cui far girare il MAME con i giochi. Prima di procedere è utile farsi un modellino della console che si vuole realizzare come mostrato sotto.

Fig 31. Highly detailed prototype scale model console

Ancora una volta è tutto lavoro di falegnameria. Il mio consiglio è di cominciare con qualcosa di molto squadrato e rudimentale da rifinire successivamente o migliorare in una fase successiva, altrimenti non si finisce più e si rischia di non arrivare alla fine poichè la si vede troppo lontana...

Il pannello di controllo, dopo tutto il legno lavorato, diventa la parte più semplice da fare dato che il MAME consente di configurare i tasti della tastiera o di un controller USB. Consigilamo di usare il controller iPac per la gestione degli input da pannello. Il circuito di controllo fornito dall'iPac è mostrato in figura sotto.

I-PAC 2

Il software di configurazione viene fornito insieme all'iPac ed è molto facile da configurare e gestire. Il pannello di controllo come quello mostrato sotto

Fig 8. Controls

può essere realizzato in modo simile a quanto descritto in un precederente articolo usando l'iPac al posto del controller della tastiera USB.

Ultimo passo, inserire il pc nel TARDIS per realizzare la console in modo simile a quanto mostrato di seguito.

Fig 11. Inside wiring

Ricordate di inserire un sistema di raffreddamento, come ad esempio una ventola, per non far salire troppo la temperatura nella zona dedicata al pc di controllo.

Il risultato finale, dopo tanto ma tanto lavoro, potrebbe essere quello mostrato nella figura sottostante.

Fig 13.The complete TARDIS MAME console

 

In alternativa a quanto detto sopra, procuratevi una cabina telefonica inglese (mica facile...), una scatola di legno ed un vecchio pc con tastiera per la gestione del MAME ed il gioco è fatto 

 

Abbiamo presentato le parti principali di un progetto molto complesso e gli strumenti per realizzarlo. Molti dettagli sono stati tralasciati per motivi di spazio e per lasciare al progettista la libertà di spaziare come preferisce. Il risultato finale è estremamente accattivante specialmente per i fan del genere 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti