Home
Accesso / Registrazione
 di 

Un timer per la TV - 3

Un timer per la TV

Praticamente il display rimane spento quasi sempre, e si accende, indicando il tempo rimasto, per un paio di secondi ogni volta che scade una frazione di 10’. Indipendentemente dal modo di visualizzazione selezionato, allo scadere del tempo impostato il display indica “0” e il microcontrollore pone ad 1 logico il proprio piedino 18 polarizzando la base del transistor T1 e mandando questo in saturazione: la sua corrente di collettore è tale da eccitare la bobina del relè RL1 facendone scattare lo scambio e determinando l’apertura dei contatti (C/NC) OUT.

Ora l’eventuale carico collegato ad essi viene staccato e la corrente che l’attraversava si interrompe. Notate che una volta eccitato RL1 rimane in questa condizione, poiché la relativa uscita del micro U2 resta a livello alto; per ripristinare il circuito e continuare ad usare l’utilizzatore collegato in serie ai punti OUT bisogna premere il pulsante P2: questo funge da RESET, in quanto azzera la sequenza di funzionamento del timer ed ogni altra impostazione riguardante il tempo; ovviamente, la pressione del pulsante di reset, ripristina a zero logico lo stato del piedino (18) che comanda il relè.

Chiaramente non si tratta di un reset del PIC16F84 ma solo della parte del software destinata alla temporizzazione. Azzerando la sequenza di conteggio il micro dispone le uscite della porta RB in modo da far comparire sul display la lettera “U”, indicante che si è usciti dal programma. Va notato che il P2 è sempre attivo e può essere premuto in ogni momento, ad esempio se si desidera arrestare il conto alla rovescia: naturalmente in questo caso nulla accade al relè, poiché esso si trova già nella condizione di riposo.

Comunque, dopo aver premuto P2 ed aver visto la lettera “U” sul display viene azzerato il timer, pertanto volendo riprendere il conteggio è necessario procedere ad una nuova impostazione, secondo quanto indicato in precedenza. Notate ancora che durante il conto alla rovescia si può modificare il tempo, ad esempio per abbreviarlo manualmente qualora ci sembri eccessivo: per farlo occorre eseguire una nuova programmazione, senza resettare il timer agendo su P2.

Facendo un esempio pratico, supponiamo che inizialmente avete impostato 80 minuti ed avete fatto partire il timer; il display visualizza ora la cifra 6 (60’) ma voi volete ridurre il tempo a 20’: a questo punto dovete premere P1 e mantenerlo premuto fino a che la cifra scompare ed appare il puntino decimale; fatto ciò si ripreme lo stesso pulsante tante volte fino a veder apparire la cifra corrispondente al periodo residuo che si desidera (nel nostro caso 20 minuti, quindi 2), si preme ancora una volta P1, tenendolo premuto fino a che non appare la solita lettera “E”.

A questo punto il microcontrollore indica di aver ricevuto la nuova impostazione, quindi si può rilasciare il pulsante. Il display visualizza il tempo attualmente a disposizione, aggiorna la routine del timer, e provvede al conto alla rovescia partendo dal valore ultimamente programmato, ovvero 2. Tutto chiaro? Se è così passiamo adesso a vedere come si costruisce e si usa il dispositivo.

REALIZZAZIONE PRATICA
Tutti i componenti prendono posto sul circuito stampato che dovrete preparare seguendo la traccia lato rame illustrata in questa pagina a grandezza naturale. Inciso e forato lo stampato inserite dapprima le resistenze e i diodi al silicio, quindi lo zoccolo per il microcontrollore PIC16F84 (9+9 pin); per i diodi fate attenzione al verso di inserimento, e rammentate che il terminale di catodo è quello che sta dalla parte della fascetta colorata sul corpo.

Passate ai condensatori, montando prima quelli non polarizzati e rispettando la polarità specificata per quelli elettrolitici, quindi inserite e saldate il quarzo da 4 MHz, il portafusibile 5x20 ed una presa plug da c.s. con positivo centrale in corrispondenza delle piazzole di alimentazione: quest’ultimo dovrà essere compatibile con quello degli alimentatori ac/dc “a parete” più comuni e facilmente reperibili, come quelli universali.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 39 visitatori collegati.

Ultimi Commenti